Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Reggia di Caserta: fra tanta bellezza anche l’arte contemporanea

2 minuti di lettura

mostra-reggia-caserta

Ho approfittato delle vacanze di Natale per andare a Caserta e visitare la splendida Reggia di Caserta progettata da Luigi Vanvitelli per i Borbone. Un luogo di incredibile bellezza e sfarzo, che non ha nulla da togliere – se non nella fruizione turistica – a noti palazzi come Versailles a Parigi o Schönbrunn a Vienna. Il periodo invernale non mi ha aiutato: il giardino era immerso in una sgradevole nebbiolina e la pioggia scoraggiava anche i più temerari nell’esplorazione.

La fruizione della Reggia è migliorabile secondo me, per esempio non esiste biglietto separato per la visita al palazzo e quella al solo giardino: chi resta due giorni e trova il maltempo, come me, potrebbe almeno frazionare la spesa (13.80 euro) in due tranches, senza dovere riacquistare un biglietto completo.
Ma comunque la Reggia è straordinaria e infinitamente grande e sfarzosa e dovrebbe essere visitata anche solo per capire di quale infinita bellezza ci si poteva circondare in passato, essendo sovrani con poteri illimitati. Per me allo stupore si è sommata la piacevole sorpresa di trovare,  nelle infinite teorie di stanze degli appartamenti reali, un’esposizione permanente di arte contemporanea. Non me la aspettavo e non era molto segnalata; è stato il custode a dire che “se volevamo da quella parte c’è l’arte contemporanea”.

La mostra si chiama Terrae motus ed è frutto dell’attività di gallerista di Lucio Amelio, appassionato di arte contemporanea. La collezione Amelio è legata per lascito alla Reggia di Caserta e si trova qui dal 1994 (anno in cui Amelio morì) , per ricordare il terremoto che nel 1980 sconvolse le regioni Campania e Basilicata.

In 36 opere sono rappresentati i più importanti artisti internazionali contemporanei: da Julian Schnabel a Kounellis, da Barcelò a Rauschenberg, da Bufano a Pistoletto. Le opere sono esposte in sedici stanze tutte comunicanti, degli appartamenti settecenteschi; gli artisti sono raggrupati in base alla loro nazionalità.

L’accostamento fra lo stile neoclassico e le forme spezzate o geometriche degli artisti di oggi è forte ma molto suggestivo. Rompe completamente il fil rouge della Reggia, ma quelle immense tele che spesso sembrano gridare non potrebbero stare altrettanto bene da nessun’altra parte.

L’arte contemporanea non è facile e io non sono un’intenditrice: ma penso che tutti possano provare ad assorbire i messaggi lanciati dagli artisti di oggi tramite colore, materiali e forme.

La Reggia di Caserta è aperta ogni giorno tranne il martedì dalle 8.30 alle 19.30. Il giardino chiude seguendo il ritmo delle ore di luce (in questo mese, gennaio, alle 14.30)

192 articoli

Informazioni sull'autore
Per Francesca le vacanze sono sempre e solo viaggi, c’è tanto da vedere! Adora conoscere luoghi, parlare altre lingue, assaggiare i piatti del posto: cosa c’è di più bello? La bellezza la circonda sempre perché vive a Firenze e la Toscana è una grande regione che condividerà con voi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Curiosità

Il rito di Halloween in Irlanda

Halloween è una festa nata in Irlanda e non in America come crede la maggior parte delle persone. Tutto ebbe inizio nella Contea di Meath, a pochi chilometri da Dublino. Definita come “Capodanno celtico”, Halloween si festeggia il 31 ottobre e un tempo rappresentava un rito che segnava il passaggio dalla luce alle tenebre, poiché coincideva con la fine dei raccolti e l’inizio del periodo invernale.
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.