Soggiorno a Pragelato, Alpi Cozie: non solo sci da discesa

Vivere la montagna a Pragelato

Vivere la montagna a Pragelato

Un luogo ben collegato, ma lontano da glamour e vetrine. Per vivere la montagna in modo autentico!

di , | Cosa Fare

Booking.com

Non ero mai stata nella zona delle Alpi Cozie, in Piemonte: meta non proprio dietro l’angolo né conosciutissima per una toscana come me, ma ho scoperto piacevolmente un comprensorio di paesi, piste da sci, da fondo e passeggiate di grande bellezza.
Sono sicura che se avete seguito le Olimpiadi invernali del 2006, il nome Pragelato vi dice qualcosa: siamo dalle parti di Sestrière nel comprensorio della Via Lattea, la montagna a cento km da Torino.

L’eco delle Olimpiadi Torino 2006

Le Olimpiadi del 2006 hanno lasciato diversi segni da queste parti, sia in termini di infrastrutture che di popolarità. Ci sono i villaggi olimpici riconvertiti in villaggio turistico, ci sono gli impianti di risalita e nello specifico di Pragelato le strepitose piste da fondo. Infatti questa località è un insieme di piccoli centri abitati che si trovano in fondovalle e che costituiscono, tutti insieme, il Comune di Pragelato. Le numerose piste da fondo attirano parecchi appassionati e sono curatissime.

Pragelato

Per la sua posizione in fondovalle, per il fatto di essere un agglomerato di piccoli centri, Pragelato non ha il glamour, le vetrine, i locali di Sestrière; per fortuna nemmeno la confusione che deriva dal fatto di essere sostanzialmente nato intorno a una grande via di comunicazione (Sestrière è un passo alpino).

Pragelato è comunque collegato alle piste da sci della Via Lattea, grazie a una funivia che sale verso il comprensorio che si estende lungo l’Alta Val di Susa e Chisone, un insieme sterminato di piste da discesa che portano a Sauze d’Oulx, Sansicario, Cesana, Clavière: siamo già al confine con la Francia.

Non solo sci da discesa

Ma la bellezza di Pragelato sta nelle altre attività che si possono fare in mezzo alla neve, in paesaggi naturali di grande bellezza e assoluta tranquillità, lontano da traffico automobilistico e “sciistico” da musica e rumore. Non ultimo, visto anche il nome di questo portale, il fatto che molte attività della montagne siano low cost, senza skipass o altre spese.
Se amate passeggiare – con o senza ciaspole – un percorso bellissimo è quello della Val Troncea, Parco Naturale. Si cammina costeggiando il torrente Ghisone, a fianco della pista da fondo che si trova sulle due diverse sponde. La passeggiata, per buona parte in pianura, passa ai piedi di antiche borgate, costeggia i ruderi della Fonderia, dove fino all’inizio del Novecento si lavoravano i metalli, incontra alpeggi e volendo conduce fino al Rifugio Troncea.

Le borgate

Un bell’itinerario a piedi è il giro delle borgate, che si estende per più di 20 km e si può fare in più giorni, ma ovviamente può essere spezzato in tronconi.
Io per esempio alloggiavo a Allevé, antico nucleo di case a mezza costa sulla montagna, esposto a sud e totalmente soleggiato. Allevé è a 20 minuti a piedi da Plan, una delle frazioni di Pragelato, e da lì è possibile raggiungere Villardamort, Rif  o Granges.

Le borgate sono caratterizzate dalle tipiche costruzioni in pietra, da fontane e lavatoi, oltre a forni comuni che testimoniano la tradizione rurale di queste zone prima che arrivasse il turismo. Se la neve scarseggia si possono percorrere questi sentieri in autonomia, in quanto sono segnati abbastanza bene, ma in caso di molta neve è preferibile affidarsi a una guida esperta della zona!

Booking.com

© 2019 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

Torino, cosa fare nel weekend

Cosa vedere a Torino in tre giorni

Un weekend a Torino di 48 ore è un weekend che va dal venerdì sera alla domenica pomeriggio. Il modo migliore per vedere la città al completo,...