Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Cosa fare un giorno a Parma

2 minuti di lettura
Cosa fare e vedere a Parma in un giorno. Le informazioni pratiche su come arrivare e come muoversi, ma anche su dove mangiare per una pausa gustosa e low cost. Tanti i consigli per una vacanza di divertimento a Parma.

Piccola e graziosa, la petit Paris è conosciuta come tra le più eleganti e raffinate cittadine emiliane, grazie alla sua atmosfera curata da cittadina del nord Europa, alle centinaia di biciclette che sfrecciano a tutta velocità sui ponti del centro, ai palazzi antichi e alle signore sempre eleganti, in tacchi e vestito che sfilano come su di una passerella nelle vie acciottolate del centro storico. Può essere amata o meno, come i suoi abitanti, ma sicuramente Parma è una città con un carattere deciso, orgogliosa della sua storia e delle sue bellezze.

parma

Arrivare a Parma è facile, si trova infatti a metà strada tra Milano e Bologna, ad appena un’ora da entrambe le città. La stazione ferroviaria recentemente riaperta dopo anni di ristrutturazione è situata a pochi passi dal centro storico, collegata da via Garibaldi dove è già possibile incontrare le prime botteghe di prodotti tipici e alcuni dei negozi più antichi di abbigliamento della città. Per chi arriva in macchina, purtroppo i parcheggi disponibili sono pochi e tutti a pagamento, i più comodi sono sicuramente il Goito, il Toschi e il Central Parking Repubblica.

Prima tappa è sicuramente Piazza Garibaldi, punto di ritrovo di tutti i parmigiani da cui partono le principali vie del centro. Qui si trova anche Palazzo del Governatore, importante location per mostre ed eventi temporanei. Percorrendo via Cavour, fulcro dello shopping cittadino, si arriva facilmente alla meravigliosa piazza, dove troneggiano Duomo, Battistero e Palazzo Vescovile, l’immagine della Parma più antica. Altra tappa da non perdere assolutamente è il complesso della Pilotta, con i gioielli che custodisce al suo interno: Galleria Nazionale, Teatro Farnese (ancora tutto in legno), biblioteca Palatina, museo archeologico e museo bodoniano.

parma-particolari

Poco distante ci sono anche la Camera di San Paolo, affrescata da Correggio e la bellissima Basilica di Santa Maria della Steccata. I pasti sono un momento topico nella piccola capitale emiliana, nel centro storico i posti da consigliare sono due: ristorante Gallo d’Oro (Borgo della Salina) per palati più raffinati, ma con prezzi decisamente contenuti, oppure l’Oste Magno (Borgo Angelo Mazza), per chi vuole vivere la vera atmosfera d’osteria del borgo.

Altra zona assolutamente da non perdere è l’Oltretorrente, raggiungibile seguendo la riva del torrente Parma e attraversando il ponte di Mezzo. Questa è una delle zone più antiche e vissute della città, teatro della resistenza antifascista. Via D’Azeglio è il punto di ritrovo degli universitari, ricca di locali e pub dove ritrovarsi ad orario aperitivo. Poi c’è via Bixio, centro sempre più multi-culturale, per arrivare alla Portovenere d’Emilia: via della Salute, con le sue caratteristiche file di casette colorate.

parma-castello

In primavera ed estate, quando le ore pomeridiane iniziano a scaldare le strade del centro, una soluzione per prendere un po’ di aria fresca e godersi lo splendido panorama collinare parmense è sicuramente Torrechiara, situata appena a 30 minuti dal centro di Parma (è consigliato raggiungerla in auto, ma è servita anche dalle linee Tep extraurbane Parma – Langhirano). Torrechiara è conosciuta soprattutto per lo splendido castello, uno dei simboli del Ducato di Parma e Piacenza. L’ingresso costa 3 euro ed è gratuito tutte le prime domeniche del mese. Un tour tra gli ambienti dell’antica residenza voluta dal nobile Pier Maria Rossi, attraverso alcune stanze ancora affrescate, catapulta in una Parma medievale con tutto il suo fascino e le sue leggende: si racconta infatti, che all’interno di Torrechiara vi siano ancora due fantasmi.

parma-battistero

Tra le colline tappezzate di vigneti, si conclude la giornata con una degustazione di vini alle cantine Lamoretti, situate in una location d’eccellenza che permette di godere di una vista sul castello quasi inedita. Le cantine Lamoretti offrono diverse attività, tra cui degustazioni a buffet o al tavolo, merende in vigna, ma soprattutto una rassegna di musica jazz tra i vigneti.

Foto di Francisco AntunesBrian Adamsonho visto nina volareFranco FoliniUdo Schröter

43 articoli

Informazioni sull'autore
Viaggia on the road da quando è nata, grazie alla grande passione trasmessa dai genitori. Laureata in turismo, culture e territorio a Milano, dal 2010 ha deciso di dare vita al blog dove raccoglie tutti i diari di viaggio e da spazio a luoghi fortunatamente ancora poco conosciuti dal turismo di massa. Emiliana doc, non viaggia per fuggire, ma per guardare con occhi nuovi, scoprire con interesse e alla fine, tornare. Esiste solo una regola: viaggia con l'anima, viaggia con il cuore, fatti guidare dalla curiosità.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Panzerotti pugliesi, la ricetta originale

La ricetta originale dei panzerotti pugliesi, da replicare dopo un viaggio a Bari o per ricordare una vacanza. La ricetta originale dei panzerotti con mozzarella e pomodoro è fritta, non al forno.
Dove Dormire

Casa nella natura, dove andare in vacanza in sicurezza

Casa nella natura è il portale olandese che arriva in Italia. Una selezione di alloggi come baite, case di campagna, yurte, glamping o trulli dove dormire in mezzo alla natura e sentirsi sicuri in vacanza e lontani dai centri abitati.
Ricetta

Fregola sarda, la ricetta con il pesce e i frutti di mare

La ricetta perfetta della Fregola sarda, un piatto tipico della Sardegna. Tutti gli ingredienti e il procedimento spiegato passo dopo passo per realizzare anche a casa un buon piatto di fregola sarda con il pesce o i frutti di mare.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.