Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Il meglio di Parma in cinque cose da fare

2 minuti di lettura
Cosa fare a Parma, dove mangiare a poco prezzo e in centro e cosa vedere. Cinque consigli per un weekend a Parma.

Questo articolo è stato aggiornato il Febbraio 2, 2015

Parma è una città che svela il suo lato più affascinante in Primavera, con le lunghe giornate che culminano in cieli dalle mille sfumature rosa e gialle e l’aria dolce della sera che spinge persone di tutte le età a passare le giornate all’aria aperta. Giovani universitari provenienti da tutta Italia affollando i tanti bar del centro e ampia è le scelta di eventi di musica, mostre e spettacoli organizzati “en plein air”, magari tra i borghetti del centro storico. Nonostante ciò anche una visita durante le stagioni più fredde può rivelare al visitatore delle piacevoli sorprese.

Questa è la mia lista delle 5 cose da fare, da vedere (e da gustare) durante il soggiorno parmigiano:

parma-pagani

1 Brioche con la crema da Pagani

Cominciare la giornata con una dolce colazione aiuta a partire col piede giusto. Presso l’Antica pasticceria Pagani, in via XX Marzo, dal 1859 di generazione in generazione si sono tramandati i segreti delle gustosissime paste. Il posto è piccolo, ci sono solo tre tavolini e l’atmosfera raccolta regala una piacevole sensazione di casa. Brioche con la crema tra le più buone di Parma e caffè: poi si è pronti per andare alla scoperta della città.

parma-bici

2 Noleggiare una bicicletta per visitare la città

Appena arrivati a Parma vi renderete conto che tutti, ma proprio tutti e a qualsiasi età, girano in bici. La città è dotata di un efficace sistema di piste ciclabili che rendono agevole la vita dei ciclisti. A disposizione del turista c’è il servizio di bike sharing, che permette di noleggiare tramite una tessera una bicicletta e parcheggiarla nelle apposite postazioni dislocate in vari angoli della città pagandola per il tempo per cui la si utilizza. Il centro di Parma è piuttosto piccolo e chiuso al traffico delle auto, per cui la bici rappresenta la scelta più saggia per visitare la città.

Noleggio presso il punto Infomobility, in Viale Mentana 29 A (prezzo: 20 euro per tessera e iscrizione annuale + 80 centesimi all’ora).

parma-torta-fritta

3 Cena tipica con salumi e torta fritta – Tris di tortelli

Tra le specialità culinarie che rendono Parma famosa anche oltreoceano ci sono sicuramente i suoi salumi, in primis il prosciutto di Parma e il culatello. Accompagnarli con la torta fritta (una sorta di quadretto di pane fritto nello strutto) rappresenta una scelta davvero ghiotta (ma purtroppo anche ad alto contenuto calorico). Come primo piatto poi è imperdibile il tris di tortelli (solitamente patate, ricotta e spinaci e zucca). I ristoranti che propongono questo menu sono la maggioranza ma tra quelli che preferisco ci sono, in centro città, la Trattoria del tribunale (prezzo medio intorno ai 30 euro) e il Gallo d’oro (prezzo medio intorno ai 20 euro).

parma-borgo-salute

4 Casette colorate in Borgo della Salute

A camminare per questo piccolo borghetto situato nella zona detta Oltretorrente, sembra di essere capitati in una favola di Hans Christian Andersen. Una stradina dritta caratterizzata da un’alternarsi di variopinte palazzine a due piani, tutte di colori pastello; un’inaspettata sorpresa che non ci si aspetterebbe di trovare lungo il proprio cammino. Da provare per capirne il felice stupore.

parma-parco-ducale

5 Visita al Parco Ducale

Uno dei gioielli della città è sicuramente il Parco Ducale, uno degli spazi verdi più grandi ed antichi, situato proprio nel cuore della stessa. Questo giardino, voluto nel 1560 dal duca di Parma e Piacenza Ottavio Farnese, vanta un’invidiabile varietà di specie vegetali ed una serie di meraviglie architettoniche come la “Fontana del Trianon” e il “Tempietto di Arcadia”. All’interno del parco hanno inoltre la propria sede i famosi RIS (Reparti Investigazioni Scientifiche” di Parma. Il giardino rappresenta una cornice magica per passeggiate a piedi o in bici, grazie alla quiete che infonde nel visitatore e la solennità tramandata dalla sua lunga storia.

74 articoli

Informazioni sull'autore
Viaggio-dipendente accanita, sperpera tutti i suoi soldi alla scoperta di nuove destinazioni. Mentre è in viaggio pensa già alla sua prossima meta. Napoletana importata a Parma, dove si è laureata in giornalismo, ha una passione per il Nord America e per i paradisi tropicali, vissuti però tutti in stile “low cost”. Viaggia spesso sola o in compagnia del suo fedele cane bassotto Nikita.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Casa Batlló, la nuova esperienza immersiva a Barcellona

La nuova visita immersiva del capolavoro di Antonio Gaudi, parliamo di Casa Batlló e dei suoi nuovissimi 2000 mq dove sentirsi parte del genio e del capolavoro dell’artista spagnolo. Vola a Barcellona a vivere questa nuova esperienza e magia.
CuriositàDestinazioniDove Mangiare

I 4 migliori locali con vista a Rimini e dintorni

Se sei alla ricerca di locali panoramici da dove godere di splendide viste sulla riviera romagnola, non perderti questo articolo. Di seguito troverai 4 idee per un aperitivo o una cena speciali.
Curiosità

La leggenda di Curon Venosta

ll campanile del vecchio paese di Curon che emerge dalle acque, è diventato uno dei simboli della Val Venosta. Curiosi di scoprire la leggenda? Continuate a leggere: rimarrete sbalorditi!
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.