Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Banksy a Napoli: qui le sue due opere

1 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Marzo 4, 2013

napoli banksy

Circola in rete la notizia dell’arresto di Banksy, uno dei più famosi e osannati writers di tutto il mondo, sulla cui identità pendono numerosi interrogativi irrisolti.

Sferzante, irriverente, impudico, trasgressivo. Banksy è questo e molto altro. Probabilmente originario di Bristol, ha lasciato la sua firma in molte città italiane e straniere guadagnandosi, oltre alla caccia sfrenata da parte della polizia, anche lodi e onori che gli hanno procurato persino una collaborazione, nel 2009, con il Bristol Museum dalla quale sono nati quelli che sono, a mio avviso, alcuni dei suoi lavori migliori.

Meta dei suoi numerosi pellegrinaggi è stata anche Napoli, in cui ha lasciato due opere, entrambe in pieno centro storico. Una, in via Benedetto Croce, adiacente alla famosa piazza di San Domenico Maggiore, raffigurava Santa Teresa; un’altra La madonna con la pistola a piazza Gerolomini, lungo via dei Tribunali, quasi all’altezza di via Duomo.

Santa Teresa voleva essere una critica al consumismo, infatti la santa era rappresentata con patatine e coca cola in grembo. Uso l’imperfetto perchè, purtroppo, questo graffito è stato coperto nel 2010 dalla scritta di un anonimo writer forse invidioso o forse irrispettoso.

La Madonna con la pistola, invece, resiste ed è in ottime condizioni sebbene nell’agosto 2012 un altro writer abbia apposto uno scippo, per fortuna solo sullo sfondo nero, lasciando intatta la Madonna. Cos’ha di speciale questo lavoro? Non solo la perfezione che contraddistingue il nostro, non solo la pistola che funge da aureola a enfatizzare e condannare un sistema malavitoso che purtroppo affligge Napoli, ma anche e soprattutto il parallelismo con una immagine sacra della Madonna che sta proprio accanto al lavoro di Bansky.

E’ il sacro e il profano. E’ quasi una metafora di Napoli, in bilico tra legalità e corruzione, tra bene e male, tra la fede e la sua strumentalizzazione. Se amate l’arte di strada e se amate l’arte nella sua accezione più ampia, non potete fare a meno di passare per piazza Gerolomini: troverete l’anima e il profumo di un artista ormai diventato leggenda.

77 articoli

Informazioni sull'autore
28 anni, studentessa di Medicina e Chirurgia, vive in provincia di Caserta. Approfitta di ogni momento libero per correre alla scoperta di profumi, colori e abitudini di ogni luogo in cui, per piacere o per dovere, le capita di passare. Ha deciso quasi subito che i viaggi organizzati non fanno per lei; così, pc alla mano, da qualche anno a questa parte, progetta da sé i propri spostamenti con gran soddisfazione personale, ottimizzazione dei tempi e notevole risparmio economico. Turista frenetica, della serie “non voglio perdermi niente”, intende la vacanza come un momento di conoscenza piuttosto che di relax.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Dove Dormire

Le 10 masserie più belle della Puglia

Puglia fa rima con Masserie, ecco allora la nostra classifica delle 10 masserie più belle del Sud Italia. Le 10 Masserie scelte sono tutte splendide e hanno tutte vari servizi. Scegli quella più adatta a te e prenota un soggiorno.
Curiosità

La grotta di Lord Byron a Portovenere

A Portovenere esiste un luogo molto particolare e anche poco conosciuto, chiamato “la grotta di Byron”. Il poeta romantico maledetto, che trovò in quel luogo a picco sul mare un piccolo rifugio creativo.
Destinazioni

Chiese in Italia: ecco le dieci più belle

L’Italia è un vero e proprio scrigno di tesori: paesaggi, arte, cultura, cibo. Tra le meraviglie che circondano questo paese ci sono molte chiese di incredibile valore e di maestosa bellezza. Venite a scoprire le dieci cattedrali più belle d’Italia.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.