Come viaggiare di più spendendo di meno

Friday, the 2nd of May 2008. Francesca and I have been to the Garda Lake today. We parked the car in the charming quaint village of Malcesine, then just roamed around for a while to take advantage of the early morning light. At about 10 o'clock we started our mountain-bike itenerary and went up the slopes of Monte Baldo until we reached the first intermidiate stop of the cableway. From then on, it was all downhill...
Destinazioni

Primavera sul Lago di Garda: 2 giorni itineranti in riva al lago

3 minuti di lettura
Castelli, funivie, musei e paesaggi mozzafiato: nel post, tanti consigli per un soggiorno di due giornate sul Lago di Garda nella stagione più amata.

Questo articolo è stato aggiornato il Maggio 10, 2018

La primavera è forse il periodo che preferisco in assoluto. E la primavera sul Lago di Garda è davvero spettacolare, non ci sono ancora i temporali estivi o il caldo afoso, ma il lago e il cielo sono più belli che mai.

Se avete due giornate a disposizione da trascorrere sul Lago di Garda, vi consiglio di fare le due tappe di cui vi parlerò a seguire, non ve ne pentirete.

Giorno 1. Castello di Malcesine e Funivia del Monte Baldo

La partenza è prevista dalla piccola città di Malcesine. Malcesine è un piccolo paesino situato sul lato veneto dell’alto Lago di Garda, a circa 60 km dalla città di Verona.

Immergetevi nel piccolo borgo e andate dritti verso il suo famoso Castello Scaligero che si staglia sulla riva del lago. Il castello, adagiato su una piattaforma rocciosa a circa 70 m sul lago, sembra sia passato, nel corso dei secoli, nelle mani di Longobardi, Franchi, Scaligeri, Veneziani, Austriaci e molti altri.
Tuttavia fu Goethe a renderlo famoso nel 1786 durante il suo viaggio in Italia.

Una volta visitato il castello, aperto dalle 9.00 alle 19.00 e che al piano terra ospita il Museo di storia naturale, spostatevi alle pendici della montagna ai piedi della quale sorge la cittadina, ci vorranno circa 5 minuti. Proprio lì troverete l’accesso alla bellissima Funivia del Monte Baldo.

Questa spettacolare funivia collega Malcesine ai 1760 mt della cima del Monte Baldo, salendo a picco sul Lago. La vista mentre si sale è talmente bella che varrebbe da sola la salita in funivia. Tale struttura rimane aperta circa dieci mesi l’anno e permette di salire a quota 1760 mt in circa 15 minuti, grazie a tre stazioni che portano rispettivamente da Malcesine a San Michele (580 mt) e da San Michele a Tratto Spino, la cima.

Il percorso è funzionante dalle 8 del mattino, ogni 30 minuti, fino alle 18.15 circa, ma l’orario dell’ultima corsa varia a seconda della stagione. Ai piedi della funivia è disponibile un comodo parcheggio per le auto, ma nel caso arriviate in mountain bike e abbiate voglia di pedalare anche in alta montagna, c’è la possibilità di fare un biglietto, acquistabile online, adulto+bici.

Una volta arrivati in cima al Monte Baldo avrete di fronte a voi prati e colline verdissimi, immersi nel cielo azzurro e, sullo sfondo, il Lago.

Da questo punto potrete fare delle facili passeggiate, godere del sole sulle sdraio che troverete o mangiare qualcosa di tipico nei ristoranti e bar presenti. In questo primo caso vi consiglio di scendere a valle sempre con la funivia, ripartendo da Malcesine. Ma se avete voglia di avventura e vi siete portati la vostra mountain bike, potete proseguire lungo il percorso, ben segnalato (“Mtb red tour“), ed arrivare a valle persino a Torbole sul Garda, dopo un percorso di circa 4 ore, passando per i paesini di Brentonico e Loppio. Si tratta di circa 50 km con dislivelli vari, alla portata di chiunque sia mediamente allenato. E, cosa importante, troverete anche del cibo lungo la via immersa in queste zone di montagna.

Durante la stagione estiva è possibile anche fare un unico biglietto agevolato per Castello e Funivia.

Giorno 2. Gardesana Occidentale in auto

La Gardesana è la strada che costeggia tutto il Lago di Garda e gode di una spettacolare vista sul Lago. L’ideale è poterla fare con calma in primavera – d’estate risulta piuttosto trafficata – fermandosi lungo la via dove più vi piace.

La Gardesana Occidentale in particolare, il lato lombardo per capirci, è probabilmente quella più suggestiva e antica e scorre accanto al lago costeggiando le montagne imponenti che cadono a strapiombo nell’acqua.

Percorrendola con calma arriverete a Gardone Riviera, un piccolo comune di meno di 3000 abitanti, parte del Parco Regionale dell’Alto Garda, una riserva naturale che da più di cento anni ospita moltisissime specie tra flora e fauna.

Al di là della bellezza di questi posti, Gardone Riviera è famosa soprattutto per aver dato la residenza al famoso Gabriele D’Annunzio, poeta, drammaturgo, ma anche politico e militare durante il fascismo.

Il Vittoriale degli Italiani, questo il nome della residenza di D’Annunzio sul Lago,  è un complesso di edifici, ma anche piazzette, vie, giardini (persino un teatro all’aperto), giardini, realizzato tra il 1921 e il 1938 su progetto dell’architetto Giancarlo Maroni, sotto richiesta dello stesso D’Annunzio, a memoria della sua “vita inimitabile“.

Oggi, fortunatamente aggiungerei, il Vittoriale è una fondazione aperta al pubblico e visitabile. Personalmente si tratta di uno dei miei posti preferiti sul Lago, colmo di storia, bellezza e follia.

Entrate, il biglietto ha un costo dai 13 ai 16€ ed è acquistabile online, e una volta dentro perdetevi, nel parco, nella casa, ovunque. Rimarrete stupiti soprattutto dall’atmosfera.

Queste sono solo due delle tante proposte che può offrire il Lago di Garda in primavera. Sono sicura che vi piacerà.

99 articoli

Informazioni sull'autore
Ormai 31enne ma si sente ancora un'adolescente. Lacustre di nascita, si divide tra Riva del Garda e Bologna, dove ha vissuto per dieci anni. Ha studiato Cinema e Discipline dello Spettacolo, attualmente lavora nella comunicazione e negli eventi e collabora come redattrice con alcuni magazine online. Ama tutto ciò che è muoversi, vedere, viaggiare e provare. Ironica e talvolta contradditoria, non può fare a meno di scrivere. Ha fatto il primo vero viaggio da sola nel 2012 a New York.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Itinerario dell'Alta Valconca

La Valconca è un’area delimitata dal fiume Conca appunto, e racchiude vari borghi medievali in provincia di Rimini e di Pesaro Urbino. Nell’articolo si effettuerà un tour dell’Alta Valconca, che comprende i paesini a sud del fiume. Partendo da Rimini, passando per Morciano di Romagna, fino ad arrivare ai paesi di confine come Saludecio, Mondaino e Montegridolfo.
Destinazioni

Le meraviglie d'Irlanda: scogliere, isole e castelli

Esiste il mal di mare, il mal di terra e il mal d’Irlanda. Un male che provano solo i fortunati che hanno avuto modo di passeggiare per i territori irlandesi. Un amore che nasce appena scesi dall’aereo. L’Irlanda è verde, è accoglienza, è semplicità, leggende e tradizioni. Tra costiere, isole e castelli, qui si può trovare un elenco delle meraviglie naturali d’Irlanda.
Ricetta

Ribollita, la ricetta del piatto tipico toscano vegano

La ricetta della Ribollita toscana, un piatto vegano che è quasi più buono il giorno dopo e riscaldato che il giorno stesso in cui lo si prepara. Tutte le indicazioni per rifare a casa la Ribollita toscana dopo un viaggio a Firenze.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.