Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

A Gaeta, tra mare e monti: un turco, un santo e Il Pinguino

2 minuti di lettura

gaeta

A Gaeta, le tre fenditure nella roccia, è il punto di partenza di un complesso che attira visitatori da ogni parte dell’Italia e non solo. Turismo di fede e turismo di piacere. Sì, perché la Montagna Spaccata non è solo il panorama suggestivo di una architettura naturale, è anche religione, storia, leggenda.

I 35 gradini che portano dritti dritti nel cuore nel mare, in una insenatura magica dalle acque limpide e splendenti e dall’atmosfera romantica che tanto piace agli innamorati racchiude molto più di questo.

Un occhio attento, pratico,critico riuscirà a vedere, in quelle fenditure, un comodo rifugio per le navi saracene, i cui i pirati, nel Medioevo, al sicuro da occhi indiscreti, preparavano agguati e tentavano depredazioni.

Accanto al rifugio dei pirati e al di sopra di esso, quasi a sancirne la superiorità, svetta il Santuario della SS Trinità, risalente al secolo XI e fondato dai monaci Benedettini. Oggi sede dei missionari del PIME, ha accolto in preghiera, nel corso degli anni, numerosi pontefici, vescovi, santi e sovrani: Pio IX, Ignazio di Loyola e San Filippo Neri, per citarne alcuni. A proposito di San Filippo Neri, pare che abbia vissuto all’interno della Montagna Spaccata e che ivi si ritirasse in meditazione su un giaciglio in pietra che porta il suo nome.

Accanto alla storia e alla fede, si immette, dominante, la leggenda della Mano del Turco. Era un marinaio ed era miscredente. Non credeva che la fenditura della roccia fosse stata conseguenza della morte di Cristo né che fosse concomitante allo squarcio del velo del tempio di Gerusalemme. Così, irriverente e sbeffeggiatore, il nostro marinaio scendeva tra le fenditure. Ad un certo punto, nella discesa, appoggiando la mano sulla roccia che gli faceva da corrimano, a sorpresa, si rese conto che quella roccia, al contatto, era divenuta morbida e cerea, conservando per sempre l’impronta di quella mano che tanto ostinatamente aveva miscreduto.

Dalla storia alla leggenda, quindi, passando per la fede per ritornare sulla natura, impareggiabile architetto e ispiratore di stili. Nel 1434, probabilmente in seguito a un terremoto, da due dei costoni che ormai ci sono familiari, si staccò un macigno che si fermò un po’ più in basso, incastrandosi tra di essi. Fu su quel macigno che fu poi costruita la Cappella del Crocefisso, dall’alto della cui cupola si può godere della vista mozzafiato che solo un complesso così naturalmente strutturato sa offrire.

Dalle spalle del Santuario, inoltre, partono vari sentieri percorribili a piedi e con scarpe comode: la passeggiata perfetta per chi ricerca la pace e l’aria pura senza rinunciare al piacere di una escursione in piena regola.

E per finire la giornata? Scendete sul mare, sul bel Lungomare Caboto, e fermatevi a prendere un buon gelato alla gelateria “Il Pinguino”. A pochi passi dalla più famosa gelateria “Il Molo”, pur avendo meno varianti, offre alla clientela gelati di altissima qualità, paragonabili, se non superiori, alla sua più famosa concorrente.

Non lasciatevi ingannare quindi dal locale piccolo e poco appariscente, non barattate la qualità per la notorietà: fermatevi e provate.

77 articoli

Informazioni sull'autore
28 anni, studentessa di Medicina e Chirurgia, vive in provincia di Caserta. Approfitta di ogni momento libero per correre alla scoperta di profumi, colori e abitudini di ogni luogo in cui, per piacere o per dovere, le capita di passare. Ha deciso quasi subito che i viaggi organizzati non fanno per lei; così, pc alla mano, da qualche anno a questa parte, progetta da sé i propri spostamenti con gran soddisfazione personale, ottimizzazione dei tempi e notevole risparmio economico. Turista frenetica, della serie “non voglio perdermi niente”, intende la vacanza come un momento di conoscenza piuttosto che di relax.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Ricetta romana dell'abbacchio allo scottadito

La ricetta tipica dell’abbacchio allo scottadito, uno dei cinque piatti della tradizione romana che sicuramente avrai trovato in qualche trattoria tipica romana. Ecco come si prepara e qualche consiglio in più per una realizzazione perfetta anche a casa.
Destinazioni

Cosa vedere a Orvieto tra sotterranei e panorami umbri

Ad Orvieto ci sono davvero tantissime attività da fare, tra la visita del Duomo, le discese nei suoi pozzi e i suoi incredibili sotterranei. E’ la meta ideale per trascorrere un weekend insolito nel cuore dell’Umbria, sia in solitaria che in famiglia, le esperienze infatti sono adatte a tutti.
Come Muoversi

Treno storico nelle Marche: da Ancona per Fabriano e Pergola

Treno storico nelle Marche, la Ferrovia Subappennina Italica da Ancona per Fabriano e Pergola. Tutti i dettagli su dove è possibile prenderla, che giro prevede e come è possibile sfruttarla assieme alle biciclette per un viaggio green.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!
[sibwp_form id=2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.