Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Itinerario dell’arte a Barcellona

2 minuti di lettura
L'articolo perfetto per gli amanti dell'arte: un vero e proprio itinerario alla scoperta del modernismo catalano nella splendida Barcellona!

Per tutti gli amanti dell’arte non potrebbe esserci cosa migliore che quella di passare 3-4 giorni nella capitale catalana del modernismo, alla scoperta delle sue bellezze artistiche e architettoniche.
Il Modernismo catalano è stato un movimento culturale emerso in Occidente tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Oltre al lato artistico, ha assunto anche un carattere politico.
È stato un movimento importante soprattutto per la sua architettura che ha visto in Gaudì il suo maggior esponente, che ha lasciato alla città di Barcellona un ricco patrimonio artistico con opere uniche.

Percorso d’arte a Barcellona

Quello che vi proponiamo oggi è un percorso che avrete la possibilità di fare anche in un solo giorno sulle tracce di famosi artisti catalani, completamente dedicato al modernismo della città.
Esso viene chiamato Ruta del Modernisme de Barcelona, e vi porterà alla scoperta della Barcellona di Cadafalch, Montaner, Gaudì e tanti altri.

Da dove cominciare

Può essere realizzato sia a piedi che in bici. Il miglior punto di partenza è Plaza de Catalunya, dalla quale potrete raggiungere facilmente il primo palazzo costruito da Gaudì per una famiglia borghese, ovvero Casa Calvet. Dalla piazza ci si può anche incamminare su uno dei viali più famosi: Passage de Gracia, sul quale potrete trovare il palazzo costruito da Puig e Marés “Union Y El Fenix” e “Palau Palagrida”, edificato da Codina.

Sulla sinistra invece troverete la “Manzana de la Discordia” (con un gioco di parole “manzana” in spagnolo significa sia “isolato” che “mela”): si tratta infatti di una parte di viale che raggruppa tre edifici progettati da tre grandi figure del modernismo catalano: Casa Lleó Morera di Doménech i Montaner, Casa Amatller di Puig i Cadafalch e ovviamente Casa Batlló di Gaudí.

Lungo un’altra importante strada della città – ovvero la Rambla – sarà possibile vedere il Palau Güell. Poi c’è Casa Milà – La Pedrera – sempre di Gaudí, un inno alla linea curva, alla pietra e al ferro battuto, il cui tetto, ricco di comignoli ondulati e paffuti, è una splendida terrazza sulla città.

Poco distante, la Casa de Les Punxes, che Puig i Cadafalch realizzò con sei torrette sormontate da forme coniche.
L’edificio più particolare è il Palau de la Música Catalana realizzato da Lluís Domènech i Montaner. La facciata è una esagerazione di colori, decorazioni e stravaganza.

Per fare colazione, merenda o semplicemente prendere un caffè visitate il Cafè de L’Òpera.

Tanti sono ancora gli esempi di Modernismo a Barcellona, come il Recinte Modernista de Sant Pau e, naturalmente la Sagrada Família e il Park Güell.
Tutto ciò rende la città di Barcellona ancora oggi un punto focale del modernismo nel mondo. E se vi trovate qualche giorno nella bellissima città catalana, questo è un percorso che non potete assolutamente perdervi, soprattutto se siete amanti dell’arte.

Un consiglio per dormire

Se state pensando quindi di visitare Barcellona vi consiglio un ottimo hotel proprio al centro della città – a 5 minuti sia dalla Sagrada Familia che da Casa Batllò – e con una fermata delle metropolitana proprio difronte: Bcn Hotel Buena Vista.

7 articoli

Informazioni sull'autore
Roberta, 22 anni, napoletana di nascita, ma cittadina del mondo. Le sue due più grandi passioni sono la scrittura e viaggiare. Due passioni che combacia portando con se durante i suoi viaggi un quaderno e una penna nera, dando vita a storie e racconti.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Curiosità

Il rito di Halloween in Irlanda

Halloween è una festa nata in Irlanda e non in America come crede la maggior parte delle persone. Tutto ebbe inizio nella Contea di Meath, a pochi chilometri da Dublino. Definita come “Capodanno celtico”, Halloween si festeggia il 31 ottobre e un tempo rappresentava un rito che segnava il passaggio dalla luce alle tenebre, poiché coincideva con la fine dei raccolti e l’inizio del periodo invernale.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.