Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Valensole e i suoi campi di lavanda

3 minuti di lettura
La Provenza per chi non ha voglia di addentrarsi troppo verso zone lontane, ma che desidera comunque avere un assaggio autentico dell'atmosfera provenzale, dei suoi profumi e sapori!

Se si ha voglia di ammirare le stupende distese viola di lavanda senza allontanarsi troppo dall’Italia, ecco la meta ideale: l’Altopiano di Valensole, a nemmeno tre ore da Ventimiglia!

Il periodo perfetto per visitare questa zona in particolare, va da metà giugno a metà luglio, quando poi fanno la festa per la raccolta.

Da dove iniziare l’itinerario

La base per il vostro giro potrebbe essere Manosque: l’Hotel Ibis Budget Manosque Cardarache è comodissimo perché è vicinissimo all’autostrada, pulito seppur minimale, e uno dei più economici in zona. Inoltre ammettono animali sia di piccola che di grande taglia, pagando un piccolo supplemento di circa 5 Euro a cane, a notte.

Se si vuole visitare il centro di Manosque, proprio dietro l’hotel parte un bus gratuito per la città.

Consigli per fotografare i campi di lavanda

Valensole può essere una meta super adatta anche ai bambini per la presenza di immense distese di lavanda ovunque: ci si fermerebbe ore a fotografare le mille sfumature di colore che escono in base a dove si trova il sole, dal viola più chiaro al viola più scuro, intervallato a volte dallo spiccatissimo giallo dei campi di girasole, che in certi casi sono davvero enormi!

L’unico consiglio che mi sento di darvi è quello di essere ai campi al mattino il più presto possibile, altrimenti poi arriva la calca e si fa veramente fatica ad ottenere foto decenti, senza persone che spuntino a destra e a sinistra!

Valensole: la cittadina

Valensole non è però solo campi di lavanda e di girasole, ma ha anche un piccolissimo paese con una graziosa fontana al centro della piazza, negozi e ristorantini dalle cifre purtroppo non proprio economiche.

Il tempo di permanenza ai campi è molto soggettivo, però sappiate che dall’hotel che vi ho indicato non impiegherete molto tempo per raggiungerli, e una volta che sarete rimasti un paio d’ore (tempo credo più che sufficiente) potreste pensare di fare un bellissimo giro ad anello lungo circa 45 km in tutto, dunque fattibilissimo in una sola giornata.

Riez: la città più antica

La prima città che incontrerete è Riez, risalente al periodo romano: è la più antica di questo percorso, ma anche la più vivace con ristoranti e gente ovunque per le strade. Se volete un pò più di relax potreste salire verso la zona delle mura.

Allemagne en Provence

Continuando sulla strada troverete Allemagne en Provence, una cittadina veramente piccola, con tre case, una strada e un bar, ma con un favoloso castello in mezzo al verde. Informatevi prima se volete accedervi perchè le visite sono consentite solo in certi orari.

Esparron de Verdon

Lasciata Allemagne potreste raggiungere Esparron de Verdon, il cui fiore all’occhiello è la natura: un laghetto dalle acque verdi posto come in una conca, dove vi potete fermare per rilassarvi sulla piccola spiaggetta, che purtroppo non è accessibile per gli animali, o addirittura affittare un pedalò per esplorare la zona. Oltre alle meraviglie della natura, Esparron ha anche un Ecomuseo, dove si trova una raccolta di oggetti e costumi della Provenza.

Greoux les Bains

L’ultima cittadina è anche la più turistica delle precedenti e si chiama Greoux les Bains, costruita attorno al Castello dei Templari e famosa per le sue terme. Ciò che colpisce di questo luogo è il via vai continuo di gente, l’intensità e la vivacità dei colori e le stradine strette che lo caratterizzano. Molto carina è anche la piccola chiesa interamente in pietra.

Il consiglio per tutti questi luoghi è in generale di perdervi tra le vie senza badare troppo a cosa vedere esattamente: ve li godrete molto di più!

Credo di avervi dato in questo modo un paio di spunti utili in base alle vostre esigenze e ai vostri gusti: potete rimanere tutto il giorno ad ammirare i campi e fare semplicemente un giretto a Manosque, oppure avventurarvi in questo percorso ad anello con paesaggi davvero unici e particolari. Questa è la Provenza per chi non ha voglia di addentrarsi troppo verso zone più lontane, ma che desidera comunque avere un piccolo assaggio dell’atmosfera provenzale, dei suoi profumi e dei suoi colori.

4 articoli

Informazioni sull'autore
Chiara, 42 anni di Lecco, ha frequentato il Liceo Linguistico, studiato lingue all'estero e lavorato come receptionist in diversi hotel. Viaggia fin da piccola e ancora oggi, a distanza di anni, il fuoco di questa passione non riesce ad assopirsi. Oggi è riuscita a contagiare anche marito e figlia che ogni anno partono con lei per vivere insieme le loro avventure. Da una anno condivide il suo modo di viaggiare attraverso un family travel blog dove cerca di dare spunti di viaggio economici.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

5 bellezze naturali per le escursioni nelle Dolomiti bellunesi

Cinque escursioni consigliate nelle Dolomiti bellunesi, da fare con la famiglia o in solitaria, per chi ama fare sporto o semplicemente per chi ama la vita all’aria aperta. Qui tutti i consigli.
Come Muoversi

Costa Atlantica Francese: le tappe da fare in auto

Un itinerario in auto per vedere la Costa Atlantica Francese, partendo da da Bordeaux e arrivando a Gujan Mestras per poi giungere fino a Dune du Pilat, le dune più grandi d’Europa. Nell’articolo tutte le tappe e dove fermarsi per vivere un’avventura on the road in Francia.
Dove Mangiare

Borbonika al Vomero: dove mangiare a Napoli

Dove mangiare a Napoli ma con stile, un luogo che si trova nel Vomero per scoprire gusti tradizionali napoletani ma con stile rinnovato.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!