Rio De Janeiro: una megalopoli multiculturale tutta da scoprire

Rio De Janeiro, 10 tappe da non perdere

Rio De Janeiro, 10 tappe da non perdere

Se il Brasile è il vostro sogno nel cassetto, ecco alcuni pratici consigli per visitare in autonomia la bellissima e multiculturale Rio De Janeiro.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Ecco alcuni pratici consigli per viaggiare in Brasile e scoprire in autonomia Rio de Janeiro.

Come arrivare

Con un volo della compagnia spagnola Iberia, ad esempio, si può arrivare, dopo undici ore circa, all’Aeroporto internazionale Rio de Janeiro Galeao. L’aeroporto è situato su un’isola a 15 km a nord di Rio, collegata alla terraferma con ponti e superstrade.

L’ora locale è cinque ore in meno rispetto a quella italiana. Le formalità doganali sono veloci e precise.

Noleggiare un’automobile

Direttamente in aeroporto si trovano le varie compagnie di autonoleggio. In tal caso è meglio fare una prenotazione online per ottenere prezzi vantaggiosi e non perdere tempo sul posto per scegliere. Uno degli autonoleggi molto gettonati è la compagnia Localiza.

Per guidare in Brasile occorre la Patente Internazionale con la convenzione di Vienna del 1968. Per ottenere questa patente basta recarsi presso la propria motorizzazione civile in Italia, che in un mesetto la rilascia, a fronte di una spesa di 42 euro. La patente ha una validità di tre anni e solo nei paesi convenzionati.

Le strade principali di Rio e del Brasile in generale sono ben tenute, le segnalazioni e i cartelli stradali sono chiari, ma attenzione a non sbagliare e ritrovarsi magari in qualche zona pericolosa, tipo favelas.

Autovelox sono piazzati un po’ ovunque, ed è consigliabile adeguarsi alle norme di circolazione per evitare di vedersi addebitare multe sul conto.

Per quanto riguarda gli hotel, se non si vuole spendere molto, specialmente in determinati periodi dell’anno come il carnevale, è consigliabile prendere in considerazione anche delle sistemazioni fuori Rio de Janeiro.

Dove dormire a Rio De Janeiro

A Itaborai, ad esempio, sull’altra parte della baia di Guanabara, dove si affaccia Rio de Janeiro, l’Hotel Ibis della nota catena, offre prezzi vantaggiosi e camere nuove con la colazione inclusa. L’hotel dista circa cinquanta km, ma con una veloce superstrada in quaranta minuti si raggiungono tutte le attrazioni di Rio.

Un’altra soluzione, nei periodi di basso afflusso turistico, è prenotare, con un certo anticipo, hotel su agenzie online di una categoria superiore, che spesso propongono prezzi molto convenienti.

L’Hotel Windsor Guanabara, ad esempio, offre camere spaziose, con viste mozzafiato sulla baia e le strade sottostanti. Una magnifica piscina all’aperto nel rooftop è la giusta cornice per chiudere in bellezza le giornate brasiliane, senza contare la vasta scelta del buffet per la colazione, inclusa nel prezzo.

Oltre agli spostamenti con la macchina a noleggio, molto convenienti sono i taxisti di Rio che portano a destinazione senza preoccuparsi di cercare il parcheggio.

Per quanto riguarda i soldi, consiglio di cambiarli un po’ direttamente in aeroporto, giusto per avere qualcosa nelle tasche, poi ovunque si trovano bancomat dove prelevare comodamente.

Meglio comunque avere sempre dei contanti, non sempre le carte di credito vengono accettate, anche se addirittura gli ambulanti in spiaggia sono equipaggiati con il Pos delle carte bancomat. La moneta brasiliana è il Real brasiliano e quattro real corrispondono all’incirca a un euro.

Rio de Janeiro è una città molto varia e offre diversi panorami e paesaggi.

Rio infatti si trova alle spalle della foresta del Tijuca, una zona montagnosa, molto verde, e il Corcovado è proprio uno di questi monti, alto 709 metri.

Varie montagnole sono occupate dalla favelas, alcune delle quali pericolose, altre invece “turistiche” dove addentrarsi con delle guide. Tuttavia in linea generale, andare in giro per la città è abbastanza sicuro, l’importante è non sfoggiare gioielli o oggetti costosi che potrebbero attirare l’attenzione.

Meglio non  addentrarsi in luoghi solitari e in orari serali, per il resto, se si addottano le giuste precauzioni è difficile che possa capitare qualcosa di spiacevole.

Le spiagge principali

Ipanema, Copacabana e Leblon costituiscono le principali spiagge di Rio e sono lunghissime, a tratti affollate. Queste spiagge sono suddivise in Postos, zone frequentate dai diversi strati sociali.

10 consigli pratici di visita

1. Pao de Azucar uno dei simboli di Rio, dove salire con una funivia alle due stazioni posizionate a differenti altezze, da dove ammirare, sui diversi versanti, sia la baia che le spiagge.

2. Il centro storico, dove si è formato il primo nucleo di Rio de Janeiro, con edifici neoclassici e coloniali, come il monasterio de Sao Bento, la Cattedrale de Nossa Senhora de la Candelora, Palacio Tiradentes, il Teatro Municipal.

3. La zona Downtown con i moderni edifici e grattacieli, lunghi rettilinei e negozi lussuosi.

4. Il quartiere di Lapa con la famosa scalinata Celaron, rivestita di ceramiche, e gli Archi di Lapa, un vecchio acquedotto con i binari del tram che collega Rio al quartiere di Santa Teresa.

5. La cattedrale metropolitana, un moderno edificio in cemento a forma di cono.

6. Confeiteria Colombo, con il reticolato di stradine disposte a scacchiera con edifici storici. La Confeiteria Colombo – storica e in stile art-deco – offre una vasta scelta di torte e pasticcini.

7. I grandi parchi: costeggiano la baia e qui sono ubicati i musei e monumenti, abbelliti con piante, panchine, sentieri e piste ciclabili.

8. Lagoa Rodrigo de Freitas: un grande lago artificiale alle spalle delle spiagge con piste ciclabili e panorami sulle montagne retrostanti.

9. Il giardino botanico con piante centenarie e lunghi viali di palme.

10. Petropolis: per una meta, insolita, fuori porta, ci si può recare a Petropolis, un centinaio di km a nord di Rio.

Qui i regnanti brasiliani amavano soggiornare nei mesi estivi, lontani dalla calura della costa. Palazzi e parchi costituiscono la principale attrattiva oltre alla vegetazione primordiale del Parco della Serra de los Orgaos.

Cosa mangiare

Per degustare la tipica cucina brasiliana è possibile recarsi nei rodizi o churraschi, ristoranti specializzati  sulla carne, soprattutto la mitica picanha, un taglio di manzo prelibato.

I prezzi sono abbordabili e oltre a mangiare carne in quantità, poiché il prezzo è fisso, ci si può servire ai buffet di verdure, contorni e dei coloratissimi dolci brasiliani.

Questo e molto altro ha da offrire la città carioca brasiliana, una megalopoli multiculturale, dalle diverse contraddizioni, ma con un eccezionale fascino tropicale.

Booking.com

© 2019 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

Mini guida di New York, seconda parte

Cosa vedere a New York in sette giorni e dieci giorni - seconda parte

Dopo aver girovagato per cinque giorni a New York, prima parte della guida, passiamo subito alla seconda parte con i giorni dal sesto al decimo....