Las Vegas, cosa fare e quali hotel vedere

Las Vegas, cosa fare fuori e dentro i casinò

Las Vegas, cosa fare fuori e dentro i casinò

Cosa fare a Las Vegas fuori e dentro i casinò, cosa non perdersi e dove andare per avere la vista più bella di tutta la città, qualche consiglio anche per lo Stratophere e Fremont Street.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Si arriva sempre a Las Vegas dal deserto: km e km di pietre, bassa vegetazione e vento caldo.
Anche se raggiungerla in pieno giorno non concede il colpo di vista sfavillante che di solito uno si aspetta,  ci si innamora all’istante, come in una favola, di questo luogo babelico e centripeto.
Vegas in cambio ti chiede di  viverla come un gioco e di stupirti davanti ad ogni cosa che ti concede di vedere e di provare.

las-vegas-Fremont
Così dopo aver sistemato le tue valigie in un dei tanti hotel-casino puoi compilare una lista dei desideri e uscire in strada. Difficile descrivere la Strip: è un mondo a sé che cambia totalmente dal giorno alla notte. Di giorno potrebbe essere anche una città come le altre è la notte che si stravolge e ti stravolge completamente. Un concentrato di luci, suoni, rumori, pezzi mirabolanti di altre città.

Puoi bere drink a bordo piscina o appoggiata al bancone di un bar, correre sulle montagne russe di New York.  Puoi fare shopping negli store più assurdi ed eccentrici, salire sulla Torre Eiffel. Puoi vedere danzare le fontane del Bellagio, partecipare a spettacoli straordinari o eruzioni vulcaniche. Ma soprattutto puoi lanciarti nella febbre dei gioco tra slot machine e tavoli verdi.

lasvegas-sera

Così ti accorgi che Vegas, che è fatta di dicotomie, si divide a metà: dentro e fuori i casinò.
Fuori orde di turisti pronti a fotografare ogni stramberia. Dentro, lievemente animato da musica, il regno dei giocatori. Unici suoni permessi, quelli intriganti delle slot, i mormorii provenienti dalle roulotte e il fruscio delle fiches mosse per fare o rilanciare le puntate.

Il resto sono solo volti, annoiati, attenti o intrigati dei giocatori che si destreggiano nei vari ambienti labirintici nei quali tu devi, ancora, prendere confidenza e dove loro sembrano nati. E se hotel da sogno, piramidi, chiese per matrimonio lampo, ballerine e belle copie Elvis, ti hanno stancato puoi riprendere la via del deserto e cercare la Hoover Dam.

Hoover Dam

Una delle più grandi dighe al mondo, si trova al confine tra Nevada e Arizona, consente l’accostarsi di un paesaggio naturale incantevole all’ingegno dell’uomo così dinamico e invasivo. Gli occhi si perdono nelle distanze e nelle profondità. Si può camminare sul parapetto della diga, notando come il Colorado si stia abbassando, si può visitare il piccolo museo e la sala delle turbine.

Ripresa la via di Las Vegas, prima di immergerti nuovamente in piscina o nella brulicante Strip, un’ottima soluzione per occupare il tempo é quella dello shopping; quello sfrenato tra le migliori firme internazionali. La città è circondata da Outelt, che sono veramente Outelt. Attenzione perché il rischio è quello di dover comprare una valigia aggiuntiva per tornare a casa. Ma a Vegas tutto è permesso. No ?

lasvegas-statue

Due altre esperienze strampalate che offre Vegas sono lo Stratophere e Fremont Street.

Iniziamo dalla seconda. Questa strada è situata nella dowtown ed è uno spettacolo di luci, laser colorati e suoni proiettati sull’enorme volta artificiale circondata da negozi kitch, imitatori, ballerine. Qui i casinò sono fermi nel tempo ed appartengono alla vecchia e fumosa Las Vegas degli anni ‘40.

lasvegas-Fremont

Vi si può trovare di tutto: in un angolo un concerto rock, 10 passi dopo musica da discoteca, ancora più avanti crew hip hop. Ed é li che si riesce a prendere veramente confidenza con la roulette scoprendone piccoli segreti, affidandosi alle leggi non scritte, ma consigliate, della probabilità, e puntando molte volte sul nero.

Lo Stratosphere invece è uno degli hotel più decentrati della Strip, ma ha una grande particolarità: nessuno si può perdere la sua torre con luna park adrenalinico annesso.

las-vegas

Per prima cosa sali 108 piani in un lampo e ti ritrovi ad osservare Las Vegas nella sua immensità. È il punto di osservazione più alto della città. E poi, se sei veramente coraggioso prova le grandi giostre sospese nel vuoto. Già i nomi parlano da soli, Insanity e Big Shot.

Booking.com

© 2015 - Riproduzione riservata

Mini guida

Mini guida di New York, seconda parte

Cosa vedere a New York in sette giorni e dieci giorni - seconda parte

Dopo aver girovagato per cinque giorni a New York, prima parte della guida, passiamo subito alla seconda parte con i giorni dal sesto al decimo....