Come viaggiare di più spendendo di meno

Eventi

La Semana Santa a Siviglia: cosa fare e cosa vedere

1 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Marzo 28, 2012

In città non si trova posto oramai da mesi, strade e piazze sono già state allestite e preparate, ogni cosa è al suo posto per accogliere il più grande evento che innaugura la stagione primaverile sivigliana: la Semana Santa.

Non solo un momento religioso ma un fenomeno culturale che attira visitatori da tutto il mondo, la Semana Santa si apre venerdì 30 marzo, el viernes de Dolores, e si conclude domenica 8 aprile, el Domingo de Resurrección: un’intera settimana di feste, processioni e cerimonie religiose in ogni angolo della città.

Nonostante la miriade di gente, l’organizzazione è perfetta e impeccabile. Ogni processione parte dalla chiesa della sua parrocchia ad una determinata ora del giorno prestabilito, e si incammina alla volta del centro e della Cattedrale, passando per calle Sierpes e plaza San Francisco, e per tornare al punto di partenza, non prima delle 2 o le 3 di notte.

Ma cosa viene portato in processione?
Ogni confraternita ha il suo paso: un carro su cui vengono collocate statue di Cristo, della Croce, della Vergine oppure scene della Passione. Aprono la strada al paso, portato sulle spalle dei costaleros, i nazarenos, che indossano un particolare cappuccio a punta, di colore differente a seconda della confraternita, con solo gli occhi scoperti.

Cosa non perdersi?
La notte tra il Giovedì e il Venerdì Santo è il momento principale della festa, una festa che dura fino al mattino. I pasos più antichi della città vengono portati in processione, in un’atmosfera forte e surreale. Da vedere assolutamente la Vergine della Macarena, del 1595.

Un consiglio: qua la chiamano la bulla, ovvero la ressa di gente che va accumulandosi per strada. I sivigliani hanno un trucco per “sopravvivere”: non agitarsi e non farsi prendere dal panico! Non bisogna assolutamente spingere, urlare o cercare di andare dalla parte opposta alla corrente, lasciatevi trascinare tranquilli fino a giungere ad una piazza o ad una calle un po’ più grande, così da poter allontanarvi dalla folla prendendo altre direzioni.

46 articoli

Informazioni sull'autore
Francesca compie il primo viaggio a 4 mesi. Da allora si è fermata poche volte. Romagnola purosangue ama sopra ogni cosa il mare e tutto ciò che è acqua. Il viaggio è la sua passione e non riesce a stare ferma per più di un mese nello stesso luogo. Treno, auto e aereo sono i suoi compagni di vita e raramente la vedrete senza un trolley o una borsa da viaggio in mano. Dopo l'erasmus a Parigi, ora vive a Siviglia, dove insegna italiano. Sogna di fare la professoressa di latino, ma nel frattempo si diletta a scrivere e a pianificare i suoi weekend in giro per il mondo.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Consigli su come viaggiare nell’estate 2022

Questa si preannuncia essere un’estate ricca di ritardi, code, cancellazioni e file mai viste a causa del boom di partenze. Ecco quindi tutti i consigli su come sopravvivere in questa estate 2022 post covid senza impazzire.
Destinazioni

Tre idee per un weekend a luglio in Italia

È arrivato il mese di luglio. Avete un weekend libero e non sapete come passare al meglio il vostro tempo? Non chiudetevi tra quattro mura, non visitate gli stessi posti nelle vicinanze di casa vostra. In questo articolo vi verranno fornite tre idee per trascorrere un weekend in completa serenità in Italia.
Come Muoversi

Perchè scegliere un viaggio on the road

Il viaggio on the road è uno di quei tipi di itinerari che bisognerebbe fare almeno una volta nella vita, poiché permette a chi lo fa di non saltare neanche una tappa e di scoprire ogni singolo angolo di un tour. In questo articolo andremo ad elencare le ragioni per le quali è meglio scegliere un viaggio on the road.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.