Come viaggiare di più spendendo di meno

Eventi

Gustav Klimt in mostra a Milano

2 minuti di lettura

Cerchi un’assicurazione viaggio che copra le tue spese? (malattia o infortunio all’estero, compreso il Covid-19). Compra direttamente online la polizza viaggio Heymondo o fatti fare un preventivo con il mio codice sconto del 10%! Viaggi con la famiglia? Hai il 10% + il 15% di sconto se a viaggiare siete almeno in tre!

Questo articolo è stato aggiornato il Marzo 15, 2014

Klimt-mostra-milano

Ancora una volta Milano e Palazzo Reale non deludono gli appassionati d’arte.

La mostra dedicata a Gustav Klimt è un omaggio a quella che viene definita “opera d’arte totale”, ovvero la somma delle arti applicate. Si fondono, in un’unica esposizione, pittura, architettura e musica, in un connubio che rapisce lo spettatore e lo incanta di fronte ad opere oniriche e sensuali.

Klimt è il maggior esponente della secessione viennese, quel movimento, a cui aderirono pittori e architetti, che rompeva con il passato e iniziava un nuovo percorso culturale, in un contesto conservatore che mal interpretò le sue opere e che lo obbligò ad allontanarsi dal mondo accademico e riconosciuto di allora, ma che lo ha reso celebre ai posteri per i suoi dipinti aurei, le forme stilizzate e lineari e il realismo espressivo. Lo stile secessionista è simile all’Art Nouveau e al Modernismo spagnolo ma a Vienna si caratterizza per l’uso preponderante dell’oro, per la rappresentazione di figure, prevalentemente femminili, fluttuanti in un mondo onirico, in contrapposizione al razionalismo prevalente dell’epoca e rappresenta il mondo viennese decadentista di fine ‘800, avvolto in un pessimismo cosmico, preludio della fine che avverrà con la prima guerra mondiale quando l’Impero Austro-Ungarico fu sconfitto.

Dal punto di vista formale nell’opera di Klimt sono forti le influenze italiane dei mosaici di Ravenna, città che visitò più volte, e della basilica di San Marco a Venezia, altra città che lui amava e nella quale passò del tempo a studiare i pavimenti policromi e i mosaici dorati della facciata e degli interni.

La sala più interessante della mostra di Milano, a mio avviso, è quella con la fedele riproduzione del bellissimo Fregio di Beethoven, realizzato nel 1902 in occasione della XIV esposizione degli artisti della Secessine viennese come rappresentazione pittorica della Nona Sinfonia. La grande composizione, la sontuosità dei dipinti e la musica di Beethoven di sottofondo rapiscono, emozionano e seducono. Il dipinto originale è conservato nel Palazzo della Secessione a Vienna di cui è presente una bellissimo modello in legno ed è visibile anche il busto in bronzo di Beethoven realizzato da Max Klinger.

Nella mostra vi sono infatti anche opere di altri colleghi e di contemporanei di Klimt, per completare la lettura del periodo e dare una visione di insieme del periodo secessionista. Sono inoltre presenti alcune lettere, cartoline e ritratti  di famiglia per inquadrare l’artista nel suo contesto, capirne le connessioni, i rapporti e le influenze che ebbero su di lui e sulla opera. Per esempio si scopre che le figure femminili e gli abiti sono ispirati alla compagna della sua vita: Emilie Floge, musa ispiratrice e stilista di moda che riuscì ad affermarsi per le sue creazioni fatte di tessuti preziosi, ricami dorati, fili cangianti e stoffe con motivi floreali. Sembra che anche il Girasole sia la personificazione di Emilie, un unico grande fiore su uno sfondo tempestato di puntini dorati, non la rappresentazione quindi di un elemento floreale ma la raffigurazione solitaria della sua amata. La figura femminile però non era sempre positiva nella cultura dell’epoca, anche se Klimt mantenne una posizione ambigua a riguardo, ma Salomè rappresenta la femme fatale che distrugge l’uomo e caccia Giovanni Battista giù negli inferi.

Nel periodo della maturità, dopo il periodo aureo, Klimt perseguì uno stile più realista, influenzato dall’avvento della fotografia, e durante il quale rappresentò personaggi in modo più preciso e dettagliato. Molto belli, nella mostra, anche alcuni quadri del fratello Ernst, morto prematuramente a soli ventinove anni, e di Franz Matsch che rappresenta i figli in due quadri dai dettagli ricercati e curati.

La mostra è completa, interessante e affascinante e merita una visita
Rimarrà aperta fino al 13 luglio 2014 con i seguenti orari:
lunedì 14.30-19.00
martedì-domenica 9.30 19.30giovedì e sabato prolungamento fino alle 22.30.

Ingresso 11,00 euro

Questo articolo ti ha messo voglia di viaggiare? Benissimo!
Vai su Booking e trova l’hotel, il b&b o l’appartamento ideale per il tuo viaggio!
Oppure inizia la tua ricerca proprio qui sotto :)

Booking.com

Trova l’Hotel per te!

 

Stai cercando un volo per questa destinazione? Prenota con Skyscanner e trova facilmente il volo più economico secondo le tue date e le tue preferenze di aeroporto. Oppure, inizia la ricerca qui sotto!

Trova il tuo volo!

 

40 articoli

Informazioni sull'autore
Architetto freelance. Ama viaggiare per scoprire angoli nascosti delle città e porta sempre con sé la sua reflex per cogliere ogni dettaglio. Abita in provincia di Varese, dove svolge la sua attività in modo autonomo, libera di muoversi e seguire i suoi molteplici interessi. Appassionata di social network ha deciso di condividere le sue foto e le sue esperienze sul web e di raccontare luoghi, colori, paesaggi ed emozioni.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Come MuoversiFederchicca

Le città della bicicletta in Europa, quali sono

Ti sei mai chiesto dove è più facile e dove è più sicuro andare in bicicletta? Te lo svelo io perché secondo recenti ricerca in Europa le città sicure per le biciclette non sono tante, ma sono bellissime e vale la pena visitarle tutte. Vieni a scoprirle.
Eventi

Capodanno in Piazza 2024: tutti gli eventi

Capodanno in Piazza 2024, tutti gli eventi in Italia e nelle Piazze principali per entrare nel nuovo anno a suon di musica, ballando e facendo festa con artisti nazionali e internazionali. Le migliori Piazze dove andare a festeggiare l’arrivo del nuovo anno.
Destinazioni

Casa Batlló si trasforma in un palcoscenico natalizio: concerto di luci e musica gratis per tutti!

A Natale, Casa Batlló diventa un palcoscenico di luci e colori. A Barcellona la celebre opera di Antoni Gaudì, completata nel 1907, attrae gradi e bambini dal 17 novembre fino al 18 febbraio, con un’esperienza notturna unica. Leggi l’articolo e scopri di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.