Come viaggiare di più spendendo di meno

Dove Mangiare

Mangiare pesce al Melafumo di Livorno

2 minuti di lettura
L'Osteria Melafumo di Livorno è un luogo particolare, dove mangiare bene e stare in compagnia. Adatto ai nostalgici ma anche a chi ama la buona compagnia e la buona tavola, low cost.

Ogni volta che vado a mangiare a Livorno accade qualche aneddoto che rende il tutto un’esperienza. Non si tratta infatti solo di mangiare bene, pesce fresco e cucinato come dio comanda. Si tratta in realtà di imbattersi nei livornesi, nel loro modo un po’ sbracato e senza peli sulla lingua di relazionarsi agli altri, il tutto condito da simpatia e una parlata irresistibile. In questa occasione ho provato un locale dove vivere un’esperienza davvero particolare: l’Osteria Melafumo.

Livorno: perché visitarla

Potete scegliere di andare a Livorno anche solo per mangiare il pesce, il cacciucco se volete, ma anche piatti più semplici e meno impegnativi per la digestione. Ma potete andarci anche perché è al mare, perché vi dovete imbarcare per la Corsica. Oppure per visitare la città toscana meno conosciuta ai turisti ma con alcune attrazioni di tutto rispetto: Terrazza Mascagni, l’Acquario, Villa Mimbelli con il Museo Civico Giovanni Fattori e tutti i maggiori dipinti dei Macchiaioli.

Osteria Melafumo di Livorno

L’ultima volta che ho fatto la mia esperienza di Livorno, questa è stata veramente degna di essere raccontata: sono infatti stata a pranzo all’Osteria Melafumo. Beh, già il nome è un programma. Il locale è in via Mentana, a due passi da piazza XX settembre dove un tempo si trovava il famoso Mercatino americano (che ora è stato trasferito al porto).

Vi colpiranno le sedie impagliate sulla strada e i numerosi bollini attaccati al vetro con sopra i voti e le raccomandazioni delle guide e di Tripadvisor.

Un’atmosfera viva

Ma quando entrerete resterete letteralmente a bocca aperta. Come si può definire l’Osteria Melafumo? Un covo di comunisti nostalgici? Un ristorante fedele alla linea? La città è sempre stata molto a sinistra, politicamente parlando. Le bandiere rosse appese al muro con Che Guevara e Berlinguer, le tovagliette di carta gialla adornate da falce e martello, le T-shirt rosse dei camerieri rendono unico un locale che altrimenti sembrerebbe l’anonima sala di una Casa del Popolo: così invece c’è atmosfera da vendere. La simpatia irriverente dei livornesi, sia quelli che gestiscono il ristorante che quelli che ci mangiano, fanno il resto.

Osteria Melafumo a Livorno: il menù

Quindi è essenziale entrare in questo ristorante lasciando fuori dalla porta pregiudizi e supponenza. Lasciatevi andare, preparatevi a gustare piatti deliziosi. Da Melafumo il menù è scritto in lavagna e si sceglie da lì, sapendo subito dove si va a cadere in quanto a costi – ma  i prezzi sono onesti per la qualità del cibo.

Ho mangiato un tris di antipasti, uno meglio dell’altro: chioccioline in umido, impepata di cozze, baccalà fritto, semplicemente divino. A seguire una strepitosa grigliata mista con pesce del giorno, crostacei, tranci di pesce spada e salmone, filetti di pesce buoni e cucinati bene. Vino della casa, bianco e frizzantino, di quello che va giù senza che te ne accorgi.

Anche i dolci sono casalinghi, la scelta è limitata ma la qualità è ottima. I bicchieri sono quelli tipici da osteria, i piatti uno diverso dall’altro, il servizio è informale ma efficiente.

Se siete fortunati può capitarvi, come a me, che qualche ospite che ha alzato un po’ il gomito venga al tavolo, parli e straparli, con scenette che succedono solo da queste parti. Insomma, quando si dice il turismo “esperienziale” si parla proprio di questo e visto che è il trend del momento, non ve lo potete perdere.

192 articoli

Informazioni sull'autore
Per Francesca le vacanze sono sempre e solo viaggi, c’è tanto da vedere! Adora conoscere luoghi, parlare altre lingue, assaggiare i piatti del posto: cosa c’è di più bello? La bellezza la circonda sempre perché vive a Firenze e la Toscana è una grande regione che condividerà con voi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
News

Come viaggiare alle Canarie in tempo di Covid

Le Canarie in tempo di Covid si possono raggiungere con un biglietto aereo, un tampone negativo (no test rapido), effettuato 72 ore prima e la compilazione di un modulo richiesta dal Paese spagnolo: e la vacanza è servita!
News

L'Islanda se hai già avuto il Covid, è free

Islanda, se hai avuto il Covid e sei guarito, è free. Tutte le informazioni dettagliate in questo articolo per entrare in Islanda come normale turista. Se non hai avuto il Covid, con tampone doppio e quarantena, se hai avuto il Covid e sei guarito con certificazione e tampone.
Destinazioni

Il Museo dell'Alto Medioevo all'EUR

Il Museo dell’Alto Medioevo dell’Eur di Roma è un museo che vale la pena di visitare e in cui non troverete mai troppe persone. Qui si trova anche la Domus di Porta Marina trovata a Ostia nel 1949.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.