Come viaggiare di più spendendo di meno

Dove Mangiare

Al campiello del Remer l’aperitivo migliore di Venezia

2 minuti di lettura

Campiello-del-Remer-venezia

Chi pensa che Venezia costi tanto si sbaglia. O non si è imbattuto nei posti giusti. La recente notizia dei turisti che hanno pagato un conto salatissimo in Piazza san Marco per dei caffè e degli amari con maggiorazione per la musica dal vivo ha creato molte polemiche a riguardo, ma è ovvio che il tutto poteva essere evitato se le “vittime” avessero guardato accuratamente il menu. È risaputo che i locali di Piazza San Marco approfittano della loro posizione logistica (d’altra parte costa anche ai gestori avere la loro attività proprio lì), ma ci sono tanti altri posti più raffinati ed economici dove prendere un aperitivo, ad esempio la “Taverna del Campiello Remer”.

Per campiello a Venezia si intende una piccola piazza (campo appunto), con l’immancabile pozzo, mentre come suggerisce il toponimo, un tempo qui vi lavoravano i remi delle barche. Situato in uno dei campielli più magici di Venezia, l’edificio della Taverna si affaccia sul Canal Grande proprio di fronte all’Erbaria. Trovarlo è facile ma è importante prendere la calle giusta nel sestriere di Cannaregio, tra la chiesa di san Giovanni Crisostomo e il così detto “ponte dei giocattoli”. Il locale affascina per la volta di mattoni, la pietra a vista e le travi di legno nonché per le note che provengono ogni sera dai musicisti dal vivo.

All’esterno le bifore gotiche della loggia al piano superiore rendono questo luogo davvero incantato e fuori dal tempo, che non per nulla è anche sede di leggende. La “Taverna al Campiello del Remer” è un locale molto rinomato seppure l’ambiente sia informale e i prezzi siano davvero accessibili, sia per quanto riguarda le cene a base di specialità locali, soprattutto il pesce, che i pranzi a buffet. È un ottimo posto dove consumare una cena romantica ma anche una serata in compagnia, perché ogni giorno dalle 17:30 alle 19:30 c’è il miglior Happy hour di Venezia, che offre “cicchetti” (tartine e stuzzichini) tipici e primi piatti (risotti o pasta fatta in casa) a volte serviti nella forma del Parmigiano per 8 euro a consumazione. Troppo per un calice di vino forse, ma li vale tutti se considerate quanto potrete deliziarvi il palato tenendo conto che formalmente si tratta di un aperitivo.

La qualità è una garanzia, come l’ottima scelta di vini, che ovviamente dopo l’orario dell’happy hour mantengono i loro prezzi standard, tra i 3 e 4 euro a bicchiere. Il locale al suo interno, ricco di cimeli curiosi e antichi, è accogliente d’inverno mentre d’estate diventa il luogo ideale dove sorseggiare un calice fresco seduti sul pontile ammirando il ponte di Rialto. È chiuso il mercoledì e la domenica mattina.

[vlcmap]

491 articoli

Informazioni sull'autore
Tutti i post scritti dai collaboratori di Viaggi Low Cost li trovate qui. Racconti di viaggio, consigli low cost, mete e tour insoliti per un viaggio davvero economico e i consigli degli insider. Segui tutti i canali social per rimanere aggiornato.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Dove Mangiare

Guida ai migliori street food di Palermo

Arancina, stigghiola, frittola, panino ca’ meusa, panelle e crocchè. Chi più ne ha più ne metta. Non basterebbe un trattato per elencare tutte le pietanze tipiche della cucina siciliana. Una cosa che probabilmente rende Palermo unica nel suo genere sono gli street food, nei quali è possibile consumare la propria merenda in piedi, in mezzo alla strada e agli odori tipici del capoluogo siciliano.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.