Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Zaragoza e il Pilar ai cui piedi Papa Giovanni Paolo II si inginocchiò

1 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Maggio 27, 2013

Interni-della-Basilica-del-Pilar-Saragozza-©-Andrea-Lessona-940x630

Zaragoza è una città per me unica. Sono capitata lì per caso, niente di organizzato né di prenotato. All’avventura. Cercavo un hotel low cost che avesse anche un parcheggio sicuro per la macchina e lo cercavo in centro per poter girare a piedi in quella città che sembrava tutta da scoprire. Ho trovato un NH hotel, non in centro ma in pieno centro, a due passi dalla Chiesa della Madonna del Pilar e, credetemi, dico due passi perché erano realmente due passi… mi bastava attraversare la strada per entrare in Chiesa!

Un tre stelle di gran rispetto, a prezzi convenientissimi e con parcheggio privato, coperto e a prezzi super economici. Lasciata la macchina e sistemati i bagagli in camera, sono scesa in centro, costeggiando il fiume Ebro e i suoi bellissimi ponti, uno moderno uno antico e ancora uno moderno e poi uno antico… una fusione tra il vecchio e il nuovo che non stona ma rassicura.

La Chiesa della Madonna del Pilar affaccia da un lato sull’Ebro e dall’altro lato sulla omonima piazza del Pilar in cui una enorme e rinfrescante fontana delizia i turisti con i suoi giochi d’acqua. L’ingresso nella Basilica di Nostra Signora del Pilar è gratuito. L’interno è bello e suggestivo ma mi preme soffermarmi sul particolare che ha dato il nome alla chiesa: pilar.

Pilar è un pilastro che, secondo la leggenda, sarebbe apparso, trasportato dalla Madonna e dagli Angeli, all’apostolo Giacomo mentre era in preghiera sulla riva dell’Ebro. Santiago ricevette dalla Madonna il messaggio del Redentore e l’ordine di costruire una Basilica proprio lì dove lei aveva fatto posizionare quel pilastro. Ed è proprio intorno a quel pilastro che è stata eretta la Chiesa di Nostra Signora del Pilar, il cui culto richiama pellegrini da tutto il mondo. Anche Papa Giovanni Paolo II si è recato in visita a Zaragoza e, inginocchiatosi ai piedi del Pilar, l’ha baciato come fanno tutti i credenti che alla Madonna del Pilar elevano le proprie preghiere.

77 articoli

Informazioni sull'autore
28 anni, studentessa di Medicina e Chirurgia, vive in provincia di Caserta. Approfitta di ogni momento libero per correre alla scoperta di profumi, colori e abitudini di ogni luogo in cui, per piacere o per dovere, le capita di passare. Ha deciso quasi subito che i viaggi organizzati non fanno per lei; così, pc alla mano, da qualche anno a questa parte, progetta da sé i propri spostamenti con gran soddisfazione personale, ottimizzazione dei tempi e notevole risparmio economico. Turista frenetica, della serie “non voglio perdermi niente”, intende la vacanza come un momento di conoscenza piuttosto che di relax.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

10 città della Spagna da vedere almeno una volta

La Spagna non è solo mare e divertimento, ma al contrario ha tantissimo da offrire in termini di natura, di storia e di panorami. Tutto dipende da ciò che stai cercando, perché in base alla regione cambierà la lingua, lo stile di vita e le attività da fare.
Destinazioni

Le meraviglie d'Irlanda: scogliere, isole e castelli

Esiste il mal di mare, il mal di terra e il mal d’Irlanda. Un male che provano solo i fortunati che hanno avuto modo di passeggiare per i territori irlandesi. Un amore che nasce appena scesi dall’aereo. L’Irlanda è verde, è accoglienza, è semplicità, leggende e tradizioni. Tra costiere, isole e castelli, qui si può trovare un elenco delle meraviglie naturali d’Irlanda.
Ricetta

Ciceri e Tria, la ricetta originale salentina da rifare a casa

Ricetta originale salentina: Ciceria e Tria, ha una storia antichissima ed è conosciuta principalmente in Puglia e nel sud Italia. Qui trovi tutti i consigli e le indicazioni per realizzarla anche a casa, dopo la vacanza.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.