Patagonia, Argentina: suggerimenti per un viaggio da sogno

Patagonia, come arrivare, cosa fare e dove soggiornare

Patagonia, come arrivare, cosa fare e dove soggiornare

Viaggio ai confini del mondo: come organizzare un soggiorno perfetto in un paradiso terrestre tutto da esplorare!

di , | Cosa Fare

Booking.com

In un luogo magico nell’America meridionale, compreso tra Argentina e Cile, si trova un vero e proprio paradiso terrestre, con bianche spiagge ed acque cristalline, che aspettano solo i bagnanti e gli amanti del windsurf.
Stiamo parlando della Patagonia.

Mentre cercavo notizie e suggerimenti di viaggio, non ho potuto fare a meno di pensare, guardando le immagini dei luoghi, che ha ogni tipo di paesaggio, per ogni tipo di vacanza, sia che siate alla ricerca di qualcosa di avventuroso, o al contrario di qualcosa di puro relax.
Nel post vi consigliamo come arrivare, come muovervi e cosa fare.

Per iniziare sappiate che si tratta di un viaggio che va studiato nei minimi dettagli sia nei vari spostamenti che negli alloggi, non può essere improvvisato, perché altrimenti risulterebbe troppo caro.

Quando partire

Trovandoci nell’emisfero australe, le stagioni sono invertite rispetto alle nostre, tenetelo presente quando preparerete il bagaglio. L’alta stagione va da novembre a febbraio, ed è la meta turistica preferita di brasiliani, cileni e argentini, specie a Capodanno.

Come arrivare

Cercate voli con destinazione dall’Italia, Santiago del Cile o Buenos Aires. Una volta giunti, vi muoverete in direzione Punta Arenas con la compagnia lowcost Sky Airlines. Consultando il loro calendario voli, abbiamo notato che le tariffe si abbassano, sebbene in alta stagione per il periodo consultato, a partire dal giorno dell’Epifania fino a fine mese, con voli andata e ritorno, tasse aeroportuali escluse, che comunque non fanno lievitare di troppo il prezzo finale.

Ad esempio la tariffa trovata è di 54 dollari americani, tasse escluse. Una funzionalità del sito che vi risulterà molto utile, consente di trovare la tariffa più bassa, inserendo nella query di ricerca, solo l’aeroporto di partenza e quello di arrivo. Fatto questo vi compariranno due calendari a confronto, andata e ritorno, così che possiate scegliere le giornate a voi più congeniali e convenienti. Per fare ciò, vi basterà cliccare sulla voce “low fare finder” sul sito ufficiale della compagnia.

Come muoversi

Il modo migliore per muoversi è attraverso gli autobus locali. Per farlo al meglio consultate il sito delle linee di bus argentine, Omni Lineas.

Per raggiungere la Patagonia da Buenos Aires, dovete cercare le corse per Rio Gallegos. Le tariffe migliori, quanto a comfort di viaggio, poiché qui parliamo di ore in pullman, sono quelle che alla voce “classe” riportano la scritta Cama. Ecco cosa include. In classe 3, Semicama, i posti sono sedili per quattro persone, con sedile reclinabile per far riposare la schiena, poggia gambe, servizio di catering per cibo, bevande e mini bar, dove in modalità self service, è possibile prendere succhi di frutta, caffè e tè.

In classe 2, Cama-Ejecutivo, i sedili sono più larghi, adatti ai viaggi di notte.

In classe 1, Cama-Suite, il sedile è reclinabile fino a 85 gradi. In pratica diventa piatto come un letto, da qui il nome cama, che in spagnolo significa appunto letto.

Cosa fare

Innanzitutto la Patagonia è nota per essere meta di studio dei paleontologi da ogni parte del mondo. Questo perché ospita il più noto Museo di paleontologia, e perché molti ritrovamenti fossili sono avvenuti proprio qui. L’ultimo risale al 2014, ed è stata una scoperta grandiosa, nel vero senso della parola, poiché il femore ritrovato ha portato alla scoperta di un sauropode più o meno alto venti metri e del peso di settantasette tonnellate.

Inoltre al MEF, Museo Egidio Feruglio, è possibile per i bambini vivere una vera e propria esperienza degna di una Notte al museo, senza Ben Stiller nelle vesti del guardiano notturno però. I bambini a partire dai sei agli undici anni, potranno avvicinarsi alla storia dei dinosauri in maniera ludica, ed in pigiama, stile pigiama party. Il primo MEF aprì a Trelew a fine dicembre anni Novanta, in quello che era un vecchio negozio di mobili, ed aveva solo tre impiegati.

Altre attività suggerite sono l’osservazione dei pinguini a Punta Tombo e la visita ad i ghiacciai del Parque National los Glaciares. Inoltre non possono mancare sulla vostra tabella di marcia, fermate a Puerta Madryn ed a El Chalten.

Dove soggiornare

Per vivere al meglio la vostra vacanza, durante il soggiorno, dovreste proprio provare l’esperienza di dormire in un ranch. I prezzi partono da 100 euro al giorno, confrontando le strutture, forse non propriamente low cost, ma la scelta degli alloggi è vasta.

Booking.com

© 2019 - Riproduzione riservata

commenti

Viaggio bellissimo! Vedere il Perito Moreno è un’emozione fantastica, vedere a Punta Tombo i pinguini e nella Penisola di Valdes le balene è un’esperienza unica!

diariodibordoonline

gennaio 22, 2019 | Rispondi | report

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

Mini guida di New York, seconda parte

Cosa vedere a New York in sette giorni e dieci giorni - seconda parte

Dopo aver girovagato per cinque giorni a New York, prima parte della guida, passiamo subito alla seconda parte con i giorni dal sesto al decimo....