Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Cefalonia, dove dormire e quali cibi assaggiare

2 minuti di lettura
Viaggio nell'Isola più grande delle Ionie, nel post tutti i consigli per trovare ottimi alloggi e cibo più che gustoso.

Questo articolo è stato aggiornato il Novembre 12, 2018

Vi avevo già parlato di Cefalonia, l’isola più grande delle Ionie e meta molto amata.

Non essendo un’isola piccola può capitare di trovarsi un po’ spiazzati e non sapere in quale parte sia meglio alloggiare.

Io ci sono stata per due settimane e, per poterla girare per bene, ho deciso di alloggiare in due posti diversi: Sami e Argostoli.

Sami

Sami si trova lungo la costa orientale di Cefalonia e il suo piccolo porto offre tanti collegamenti verso l’isola di Itaca e Patrasso.

Mi è piaciuto parecchio questo piccolo villaggio perchè è molto tranquillo e la sera è piacevole passeggiare sul lungo mare, dove non mancano bar e ristoranti.

La zona vicino Sami offre dei bellissimi panorami e molte bellezze naturali, infatti, non lontano, si possono visitare le grotte di Melissani, di Drogarati e il piccolo Lago Karavomilos.

Sopra la parte moderna del villaggio, si trovano le antiche rovine di Sami, con il sito del monastero di Agrillion; assolutamente da vedere.

Non troppo lontano dal paese, si trova una delle spiagge più amate di Cefalonia, la spiaggia di Antisamos, famosa anche perchè qui fu girato il film “Il mandolino del Capitano Corelli”.

A Sami, ho alloggiato da Remezzo Apartments e mi sono trovata veramente bene, ottimo rapporto qualità prezzo.

Argostoli

Argostoli è il capoluogo dell’isola, molto affollata e con una movida molto accesa: non mancano locali, ristoranti e negozi di ogni genere dove comprare qualisasi cosa.

Argostoli si affaccia sulla laguna di Koutavos, dove, soprattutto d’estate, è un via vai di yacht e di pescatori che vendono il pesce ai locali dell’isola.

La città è il fulcro della vita sull’isola, che si divide tra la zona del porto e le vie del centro; non mancano i musei come il Museo archeologico e il famoso Museo della storia e del folclore, il Duomo, il Faro di Theodoron e le Mura ciclopiche.

Come vi ho già spiegato, si tratta di una cittadina molto vivace e, soprattutto ad agosto, muoversi in auto diventa molto complicato.

Ho alloggiato all’Hotel Argostoli e, anche qui, mi sono trovata bene. La colazione è tutta fatta in casa dalla proprietaria che è molto simpatica e ha un piccolo giardino esterno dove potrete rilassarvi.

Per quanto mi riguarda, però, sconsiglierei la scelta di Argostoli durante il periodo estivo: troppo caos.

Cefalonia, cosa mangiare

Cefalonia non è solo cose da vedere e spiagge, è anche buon cibo!

Una delle cose che dovete assaggiare è lo Yogurt Greco con il miele; dovete sapere che il miele è una delle principali delizie sull’isola visto che le api vengono allevate direttamente lì.

Non potete assolutamente perdervi questa delizia e, se vi innamorate, potete comprare il miele da uno dei tanti venditori locali e lo yogurt anche al supermercato, dove potrete trovare quello prodotto direttamente sull’isola… è davvero ottimo!

Un altro dolce buonissimo è il Loukoumades: palline di pasta fritta condite con miele o cioccolato. Troppo buone.

Come specialità salate non possono mancare i Gyros e le Pita, classici piatti della cucina greca, li trovate in molti posti cucinati molto bene e a prezzi ridicoli.

A Cefalonia ci sono tantissime sagre, soprattutto d’estate, e lì potete gustare piatti come lo Stufato di Capra e gli spiedini di maiale (souvlaki), cucinati in maniera divina.

Altre cose sfiziose sono le loro frittelle salate, in particolare quelle di zucchine, accompagnate da una buona salsa tzatziki oppure il formaggio tradizionale greco, la feta, fatto al forno.

Ultimo ma non per importanza è il pesce: sull’isola troverete tanto pesce fresco, a me sono piaciuti molto i calamari, in particolare quelli alla piastra, le grigliate e le fritture di pesce fresco… veramente ottime.

40 articoli

Informazioni sull'autore
Bergamasca di nascita, un po' sicula nell'anima, Isabella ha 30 anni e un diploma in tecnico dei servizi commerciali e turistici. Dopo aver lavorato per un pò di anni nel settore, per necessità e un po' per sfida è diventata grafica ma la sua grande passione rimangono i viaggi. Fortunatamente ha incontrato Marco e da sei anni girano il mondo tornando da ogni posto pieni di entusiasmo e di voglia di ripartire. Ama moltissimo il mare e le isole selvagge. La sua valigia? Abbastanza scassata e sempre a portata di mano.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Le meraviglie d'Irlanda: scogliere, isole e castelli

Esiste il mal di mare, il mal di terra e il mal d’Irlanda. Un male che provano solo i fortunati che hanno avuto modo di passeggiare per i territori irlandesi. Un amore che nasce appena scesi dall’aereo. L’Irlanda è verde, è accoglienza, è semplicità, leggende e tradizioni. Tra costiere, isole e castelli, qui si può trovare un elenco delle meraviglie naturali d’Irlanda.
Ricetta

Ciceri e Tria, la ricetta originale salentina da rifare a casa

Ricetta originale salentina: Ciceria e Tria, ha una storia antichissima ed è conosciuta principalmente in Puglia e nel sud Italia. Qui trovi tutti i consigli e le indicazioni per realizzarla anche a casa, dopo la vacanza.
Ricetta

Ricetta sarda della zuppa gallurese

La ricetta della zuppa gallurese, ricetta sarda per chi ama la Sardegna e i viaggi tra spiagge e nuraghi ma anche la cucina. Non solo vacanza quindi, ma anche tutte le istruzioni per riprodurre queste ricette a casa.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.