Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Patmos, guida per l’isola della Grecia

1 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Marzo 5, 2013

Patmos

La meraviglia di Patmos si indovina già in lontananza arrivando dal mare (a Patmos non c’è aeroporto: si atterra a Kos o Samos), quando dal traghetto si profila all’orizzonte la maestosità della sua fortezza, dominatrice incontrastata sul tappeto di piccole case in calce bianca inginocchiate ai suoi piedi.

Conosciuta anche come “Gerusalemme dell’Egeo“, la grazia che avvolge il visitatore che ha la fortuna di sbarcare su questa piccola isola del Dodecaneso risiede innanzitutto nell’evocazione della narrazione biblica dell’Apocalisse, che qui fu scritta da San Giovanni Evangelista. Oltre alla suggestiva Grotta della Rivelazione, non può mancare una visita al Monastero di San Giovanni Teologo e a Chora (il caratteristico centro abitato).

La garbata eleganza di Patmos risiede nella sacralità dell’atmosfera che vi si respira: addentrarsi nella Chora significa addentrarsi nel cuore del silenzio, in prossimità del Monastero di San Giovanni, dove il nero delle vesti dei monaci si staglia sull’abbacinante bianco-calce dei muri. Entrare nel Monastero significa ritrovare i simboli cultuali della Chiesa Ortodossa, dall’odore dell’incenso, alle candele sottili, alle antiche iconostasi rivestite in foglia d’oro.

Mirabile esempio di riservata e aristocratica raffinatezza, Patmos è anche meta “cool”, con le sue piccole gallerie d’arte e i ricercati negozi di artigianato. Patmos, dove l’azzurro delle inferriate gioca con il grigio dei portoni in legno dipinti e con la garza leggera delle tende alle finestre, che di sera si animano silenti allo spirare della brezza marina, lasciando intravedere interni di charme, illuminati dalla luce soffusa delle candele e delle lanterne.

Buen retiro di intellettuali e artisti, Patmos non è solo cultura: ce lo ricordano le numerose baie, cale e calette nascoste che punteggiano l’isola; talvolta difficili da raggiungere, ma, una volta “conquistate”, destinate a rimanere a lungo impresse, scolpite a fuoco nella memoria.

29 articoli

Informazioni sull'autore
Giramondo per passione, ama organizzare viaggi in fai-da-te e scrivere. In particolare, ama inventare "viaggi a tema", che compie insieme al (rassegnato) marito. Tra le varie mete, confessa di avere un debole per l'Asia: questo non significa però che non andrebbe in tutto il resto del mondo. Anche contemporaneamente, se potesse.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Le meraviglie d'Irlanda: scogliere, isole e castelli

Esiste il mal di mare, il mal di terra e il mal d’Irlanda. Un male che provano solo i fortunati che hanno avuto modo di passeggiare per i territori irlandesi. Un amore che nasce appena scesi dall’aereo. L’Irlanda è verde, è accoglienza, è semplicità, leggende e tradizioni. Tra costiere, isole e castelli, qui si può trovare un elenco delle meraviglie naturali d’Irlanda.
Ricetta

Ciceri e Tria, la ricetta originale salentina da rifare a casa

Ricetta originale salentina: Ciceria e Tria, ha una storia antichissima ed è conosciuta principalmente in Puglia e nel sud Italia. Qui trovi tutti i consigli e le indicazioni per realizzarla anche a casa, dopo la vacanza.
Ricetta

Ricetta sarda della zuppa gallurese

La ricetta della zuppa gallurese, ricetta sarda per chi ama la Sardegna e i viaggi tra spiagge e nuraghi ma anche la cucina. Non solo vacanza quindi, ma anche tutte le istruzioni per riprodurre queste ricette a casa.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.