Lampedusa, dove mangiare e dove fare shopping

Lampedusa: cosa comprare, dove mangiare

Lampedusa: cosa comprare, dove mangiare

Cosa e soprattutto dove mangiare low cost a Lampedusa, ma anche cosa e dove comprare nell'isola della Sicilia, ecco un post con tutti i consigli per la tua vacanza.

di , | Cosa Fare

Booking.com

La città di Lampedusa concentra tutte le attrazioni turistiche in un’unica, lunga strada: via Roma. Su questa arteria chiusa al traffico i turisti passeggiano la sera tardi, in cerca di fresco, per il consueto “struscio” prima e dopo l’aperitivo, per la cena e per sedere a un tavolo mentre un gruppo o un cantante si esibiscono.

Si tratta anche del massimo della vita notturna che Lampedusa offre, sull’isola infatti ci sono molti ristoranti ma ben poche attrazioni: insomma, se cercate la movida forse è meglio che cambiate destinazione. Via Roma è letteralmente tappezzata dai tavolini dei caffè, dove fare colazione la mattina con una grande pasta o una granita con brioche, secondo lo stile siciliano. Superato il momento di deserto delle ore più calde della giornata, via Roma si rianima, i caffè si apprestano a preparare l’aperitivo che a Lampedusa è a base di pesce e costa dai 7 ai 10 euro.

spugne
Anche le numerose boutique e i negozi di souvenir aprono i battenti: ce ne sono di tutti i tipi, i souvenir però sono tutti uguali e tutti legati al tema del mare. Vi faccio qui una piccola lista di oggetti che bene o male sono un must dell’acquisto a Lampedusa:

a – l’ombrellone, appena arrivati, per sopravvivere al forte sole africano. Questo ombrello verrà poi abbandonato a fine vacanza

b – le scarpe da ginnastica, che non avete portato (come me) e che sono indispensabili per raggiungere le spiagge più selvagge, a meno che non vogliate spaccarvi i piedi camminando in infradito in canyon pieni di sassi

c – le scarpette da scoglio, che invece avevo portato,  obbligatorie per entrare in mare in certe spiagge sassose

d – le spugne. Questo è un consiglio vero, le spugne erano un tempo una fonte di reddito dei pescatori, oggi l’attività è in disuso, ma come resistere al fascino di queste morbide nuvolette?

e – le magliette con il simbolo della tartaruga Caretta Caretta, che praticamente è diventata il logo dell’isola. Ogni negozio dell’isola le vende, ma solo uno è l’originale

f – il pesce lavorato. La pesca è dopo il turismo la principale attività a Lampedusa, e la lavorazione del pesce sott’olio, sotto sale è un’eccellenza. In via Roma si trovano diversi negozi che vendono questi lavorati, acciughe, tonno, bottarga, sgombro e altri pesci meno conosciuti: tutte le delizie da portare a casa.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Qualche consiglio su dove mangiare, possibilmente low cost.

La soluzione più semplice ed economica è lo street food siciliano, dagli arancini alle panelle allo sfincione alla pizza.  Però sull’isola il richiamo del pesce è fortissimo. Al porto nuovo ci sono le pescherie che vendono pescato del giorno o piccole preparazioni pronte per essere cucinate come spiedini di pesce o totani ripieni o polpettine di pesce. Avendo la possibilità di cucinare un’esperienza assolutamente da non perdere.

Fra i numerosi ristoranti molti offrono dei menu a prezzo fisso: fra questi posso consigliare la formula di Trattoria del Porto, al porto nuovo, che con 15 euro a testa offre un ricco buffet di antipasti di pesce e un primo a scelta fra i piatti del giorno, tutti  a base di pesce. Formula giusta e senza eccessi.

Troppo orientata a “quantità più che qualità” è invece la formula di Regina del Mare, in via Pollini, traversa di via Roma. Qui il menu proposto è a 20 euro e prevede antipasto, primo e secondo ma come detto la qualità non è eccellente.

Su via Roma e strade limitrofe ci sono molte altre proposte, che non vi resta che testare personalmente… Resta da ricordare uno dei piatti più caratteristici di Lampedusa, il cous cous con la cernia.

Booking.com

© 2015 - Riproduzione riservata

Booking.com

Mini guida

Palermo: cosa vedere in 3 giorni

Palermo: cosa vedere in 3 giorni

Se Palermo si potesse descrivere in una sola parola, quella parola sarebbe “contrasto”. Contrasto tra vecchio e nuovo, tra antico splendore e...