Andalucia mare: Playa de Bolonia, consigli

La Playa de Bolonia: dove andare al mare in Andalucia

La Playa de Bolonia: dove andare al mare in Andalucia

La Playa de Bolonia, una delle spiagge più belle dell'Andalusia, tra Tarifa e Cadice. Questa spiaggia selvaggia e bianca, ventosa e affacciata sull'Oceano, è una delle più belle di tutta la Spagna.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Chi non c’è mai stato purtroppo non lo sa, ma penso che definire Siviglia un grande forno a cielo aperto sia quantomeno riduttivo. Il termometro raramente scende sotto i 36 gradi, raggiungendo punte di 50°, e l’unica salvezza per chi, nonostante tutto deve lavorare, sembra essere il condizionatore. Per queste ragioni il primo weekend libero fa subito rima con mare e playa.

spagna-bolonia

Noleggiata una macchina (vi consiglio Sixt vicino alla stazione di Santa Justa e vi consiglio soprattutto di prenotarla con un giorno di anticipo, tramite il sito internet), già le spiagge bianche e le acque cristalline dell’Atlantico sembrano essere più vicine. Le mete sono tante: la provincia di Cadiz, Huelva e il vicino Portogallo offrono numerose opportunità di scelta. Mare, sole, relax, ottimo pesce e le spiagge più famose e amate dai surfisti di tutto il mondo.

Ma ce n’è una, poco lontano dalla famosa Tarifa, a solo due orette da Siviglia, che ha attirato l’attenzione del nostro gruppo di squattrinati letterati con la passione per tutto ciò che è antico: la Playa di Bolonia, dove proprio vicino alla spiaggia, a picco sul mare, si incontrano le rovine della antica città romana Baelo Claudia.

spagna-playa-bolonia
Il foro, il tempio, la zona dei mercati, dopo un’attenta ristrutturazione, vivono di nuova vita in una cornice naturale paradisiaca. Non perdetevi il museo archeologico, moderno e all’avanguardia, dove potrete imparare tutto sulla pesca dei tonni e sulla realizzazione del garum, famosa salsa romana.

La spiaggia poi è uno splendore, e grazie alla sua estensione, un angolo di paradiso lontano dalla ressa è assicurato per tutti. Non dimenticate di fare una passeggiata in pineta fino alla straordinaria Duna, patrimonio naturale, e di salire in cima, sfidando vento e sabbia. Dall’alto, in un paesaggio lunare, la vista spazierà su tutto il golfo, e nelle giornate serene all’orizzonte appariranno le montagne di Tangeri.

spagna-playabolonia

Per una pausa pranzo o per un aperitivo, i chiringuitos offrono ottimo pesce a prezzi modici (tra i 10 e i 15 euro l’intero pasto). Tra frittura di pesce, tonno alla griglia e pesce spada alla piastra avrete l’imbarazzo della scelta.

Booking.com

© 2012 - Riproduzione riservata

commenti

Per arrivare a Tarifa ho guidato un’auto scassata da Malaga, senza aria condizionata sotto gli impietosi 43°C che mi friggevano il cervello.
Ovviamente i compagni di viaggio dormivano per smaltire le serate precedenti :)
Aaaaaah, che bei ricordi.
Solo due cose: nessuna spiaggia a Tarifa è generalmente tranquilla, sono tutte molto affollate essendo una destinazione in voga per il kitesurf.
Per quello che invece riguarda il museo archeologico, definirlo d’avanguardia mi pare un po’ eccessivo, ma magari l’hanno rimodernato ultimamente. A me comunque è piaciuto.
Mi raccomando crema solare e occhiali da sole: il vento è sempre costante e la scottatura è assicurata! :)

Anonimo

luglio 12, 2012 | Rispondi | report

    Grazie del commento Sara, io purtroppo non ci sono stata, ma vediamo se Francesca ha qualcosa da dirti :)

    Anonimo

    luglio 12, 2012 | Rispondi | report

    Ciao Sara!
    E’ vero le spiagge di Tarifa sono sempre molto affollate, però a Bolonia, proprio perchè è molto grande, ho potuto domenica trovare un angolino tutto per me, e non sentirmi oppressa e schiacciata tra asciugamani e ombrelloni! Per quanto riguarda il museo è stato rinnovato da poco e per me è stata una piacevolissima sorpresa: nuovo, moderno e be fatto. Non so, l’ho confrontato a tante altre strutture e mi è sembrato di buon livello.
    Crema solare, occhiali e cappellino ovviamente sono bagaglio indispensabile di una vacanza in Andalusia! Pensa, io mi sono ustionata le spalle a Siviglia per andare a fare spesa!! ;)

    Francesca Righini

    luglio 12, 2012 | Rispondi | report

      Ecco vedi! E’ tempo di tornarci! :)
      Grazie di avermi fatto ricordare una viaggio straordinario…fatto ormai troppi anni fa!

      Anonimo

      luglio 18, 2012 | Rispondi | report

Inoltre, sfruttando gli orari spagnoli, fino a mezzogiorno non trovate nessuno in spiaggia, in particolare in questa che deve essere raggiunta in macchina. Questo significa che basta anticiparli un po’, e andando là ad un “onestissimo” orario, tipo le 11, troverete ancora i parcheggi fronte spiaggia (a pagamento) liberi, ma anche un po’ di posto a bordo strada (sempre fronte spiaggia) dove potrete parcheggiare regolarmente e gratis!

stefano finezzo

maggio 15, 2013 | Rispondi | report

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Booking.com

Mini guida

48 ore a Valencia, mini guida low cost

Valencia in 2 giorni: cosa visitare

Valencia è una delle città che più amo. Valencia non è grande quanto Madrid, non è festaiola come Barcellona, ma a suo modo ha tutto per...