Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Una giornata a Dublino

3 minuti di lettura
Cosa vedere, dove mangiare e dove dormire a dormire per vedere la città irlandese in una sola giornata, leggi qui e prenota un volo low cost per l'Irlanda.

Questo articolo è stato aggiornato il Maggio 17, 2016

Durante un viaggio irlandese vale la pena dedicare almeno una giornata alla visita di Dublino, la capitale. Meno famosa del resto delle sue “cugine” europee questa città regala tante possibilità per una visita più che interessante: i luoghi e le attrazioni da visitare sarebbero davvero tanti, in quest’itinerario quelli che proprio non si possono perdere.

Cosa visitare

Partendo dal cuore di Dublino si può iniziare con una tappa al Trinity College, simbolo della cultura e della storia della città, che ha avuto tra i suoi studenti personaggi come Oscar Wilde e Samuel Beckett ed è tuttora una delle più importanti e prestigiose università di tutta Irlanda. Qui si può semplicemente passeggiare tra i suoi edifici e i campi sportivi godendosi l’atmosfera o si può partecipare ad un tour guidato al prezzo di 13/12€ a cui iscriversi appena entrati nel cortile. All’interno del Trinity College si trova anche una delle attrazioni più conosciute di Dublino: la Old Library & Book of Kells. Visitarli costa tra i €14 e gli €8, il prezzo varia se si acquista il biglietto online o sul posto: comprarlo in anticipo permette di saltare la coda, che durante l’alta stagione è davvero lunga, se però partecipate a tour del College di cui si è scritto poco fa l’accesso è incluso. Non è da dimenticare che in uno dei cortili si trova l’opera “Sfera con sfera” dell’italiano Arnaldo Pomodoro.

Uscendo dal College e procedendo sulla via che si apre in fronte (College Green e che poi diventa Dame Street) si entra in una zona sempre piena di vita e persone, in circa 500 metri si arriva alla City Hall, alle cui spalle si trova il Dublin Castle. Non aspettatevi il tipico castello delle fiabe, perché rimarrete delusi: la struttura non è niente di eccezionale, ma è uno dei luoghi più importanti della tormentata storia d’Irlanda.
Da qui si raggiunge anche la Chester Beatty Library: un piccolo ma interessantissimo museo che espone una raccolta di scritti (da libri a pergamene) provenienti da culture e religioni diverse. Un gioiellino con ingresso gratuito a cui dedicare un po’ di tempo.

Tornando sui propri passi su Dame St. e rientrando su Trinity St. o Church St., si arriva velocemente alla statua di Molly Malone, situata proprio accanto alla Saint Andrews Church: la pescivendola col suo carretto che è uno dei simboli di Dublino.
Dietro l’angolo, seguendo St. Andrew’s Street si entra in quello che può esser considerato il quartiere hipster di Dublino dove i café si alternano ai negozi di design. Vale la pena attraversarlo per respirarne l’atmosfera (o fermarsi a far shopping o per un brunch!) per poi raggiungere St. Stephen’s Green per godersi un po’ di verde e passeggiare tra i suoi viali, in autunno è un tripudio di foglie di mille colori e tonalità, in primavera ed estate gli alberi sono verdi e rigogliosi.

Dopo aver riposato i piedi la giornata si può concludere appena fuori dal centro: alla Guinness Storehouse. Un tour attraverso sette piani tutti dedicati alla birra scura più famosa al mondo permettono un viaggio attraverso la sua storia alla scoperta di tutti i segreti, da concludere con una pinta al Gravity Bar e la vista su Dublino.
L’ingresso ha un costo tra i 18 ed i 20 € per il ticket ridotto o a prezzo pieno.

Se si ha anche la serata a disposizione non si può non passare da Temple Bar: la zona dei pub, diventata molto turistica ma che comunque è parte dell’identità cittadina e dove si possono ascoltare musicisti live in ogni locale. Attenti ai prezzi di birre e drink, in serata e nei weekend in alcuni posti hanno prezzi rialzati!

Un consiglio veramente low cost è di partecipare a uno dei Free walking tour in inglese organizzati da Sandemans: la mia guida è stata il bravissimo ed appassionato Patrick che ci ha permesso di scoprire tutti i segreti della città. Ci sono itinerari che partono ogni giorno anche a più orari, basta prenotare online.

Dove dormire

Il MEC Hostel, è il luogo ideale per trascorrere la notte, un ostello carino che si trova nella zona nord della città, vicino a O’Connell Street. Ha prezzi ottimi anche nei momenti peggiori e le stanze son belle grandi, dotate di armadietti e in alcuni casi bagni interni.
Altra possibilità, se si vuole avere una stanza doppia privata ad un buon prezzo è l’Abbey Court Hostel: i prezzi migliori si trovano durante la settimana ma si riescono a scovare occasioni prenotando con anticipo. La posizione è perfetta, sulla sponda Nord del Liffey proprio lungo il fiume, tra O’Connell Street e l’Ha’Penny Bridge, le stanze son senza fronzoli e la struttura non proprio modernissima, ma la colazione è inclusa e il deposito dei bagagli anche. Può essere utile sapere che questo ostello offre servizio di anche deposito bagagli per chi non pernotta qui al costo di 5€ al giorno.

Dove Mangiare

Per un pranzo veloce in città ci si può fermare in uno dei vari cafè KC Peaches dove a prezzi fissi si possono scegliere piatti di diverse dimensioni e riempirli al buffet, oppure semplicemente comporre sandwich o insalatone, il tutto spendendo meno di 10€.
Se volete qualcosa di più tipico, dove in realtà si può anche cenare, Bad Bobs è un pub dove si possono mangiare piatti come la shepard pie o l’Irish stew in un ambiente accogliente e a prezzi accessibili.

138 articoli

Informazioni sull'autore
Cremonese d’origine ma col cuore tra l’Emilia e Venezia. Dopo due anni in Laguna e una laurea in Turismo ora è alla ricerca della sua strada per il prossimo futuro. Sempre in moto per cercare nuovi stimoli, occasioni e novità, incapace di rimanere ferma e inattiva. Pendolare da una vita ama i viaggi in treno “nonostante tutto”, ha una strana fissazione per i Balcani ed è affascinata dal web e dalle sue potenzialità ma anche da tematiche come il turismo rurale, le tradizioni e l’enogastronomia.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Le meraviglie d'Irlanda: scogliere, isole e castelli

Esiste il mal di mare, il mal di terra e il mal d’Irlanda. Un male che provano solo i fortunati che hanno avuto modo di passeggiare per i territori irlandesi. Un amore che nasce appena scesi dall’aereo. L’Irlanda è verde, è accoglienza, è semplicità, leggende e tradizioni. Tra costiere, isole e castelli, qui si può trovare un elenco delle meraviglie naturali d’Irlanda.
Ricetta

Ciceri e Tria, la ricetta originale salentina da rifare a casa

Ricetta originale salentina: Ciceria e Tria, ha una storia antichissima ed è conosciuta principalmente in Puglia e nel sud Italia. Qui trovi tutti i consigli e le indicazioni per realizzarla anche a casa, dopo la vacanza.
Ricetta

Ricetta sarda della zuppa gallurese

La ricetta della zuppa gallurese, ricetta sarda per chi ama la Sardegna e i viaggi tra spiagge e nuraghi ma anche la cucina. Non solo vacanza quindi, ma anche tutte le istruzioni per riprodurre queste ricette a casa.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!