Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Ma quante chiese ci sono ad Agnone?

1 minuti di lettura

Agnone

Alto Molise, la cittadina di cui vi parlo è Agnone. Non si tratta di un centro piccolo, anzi, ma la parte più antica si sviluppa sul crinale di un rilievo. E’ una città di arte e attività artigianali che si fregia della Bandiera Arancione conferita ai borghi dal Touring Club Italiano.

Intanto le chiese: ce ne sono moltissime, tutte belle. L’ufficio turistico locale fornisce una cartina con l’elenco delle chiese visitabili, una sorta di itinerario sacro. Ci sono chiese romaniche, rinascimentali, barocche: la cosa più caratteristica è che nei secoli passati maestranze veneziane lavorarono qui e infatti influssi veneziani si vedono qua e là, per esempio i leoni sulla facciata della chiesa di San Francesco, quella che mi è piaciuta più di tutte.  Ma anche l’attività artigianale è molto importante e infatti nella via principale ci sono moltissime botteghe: gli artigiani agnonesi erano specializzati nella lavorazione del rame, in particolare la tina di Agnone era ricercata, un ampio contenitore per acqua e liquidi.

Dedicate al rame anche le costruzioni a fondo valle, un po’ fuori città, totalmente recuperate e usate per attività didattiche: le Fonderie del Rame. Altra caratteristica di Agnone è la Pontificia Fonderia Marinelli, una “fabbrica”, ovviamente artigianale di campane. Non crediate che le fonderie di campane siano così diffuse e che creare una campana sia una cosa banale: annesso alla Fonderia è un museo che si visita in piccoli gruppi con spiegazione su come nasce una campana.

L’evento più importante di Agnone si svolge in dicembre, poco prima di Natale, ed è la Ndocciata. Centinaia di ndocce, cioé di torce sfilano per il paese in un mare di fuoco.  Le ndocce sono fatte di abete bianco di queste foreste e sono montate a ventaglio, caricate sulle spalle dei portatori. La resina produce un assordante crepitio e la processione della luce, di orgine pagana ma trasportata in ambito cristiano per significare la venuta della luce del mondo, cioé Cristo,  è coinvolgente non solo per gli agnonesi ma anche per i visitatori.

[vlcmap]

192 articoli

Informazioni sull'autore
Per Francesca le vacanze sono sempre e solo viaggi, c’è tanto da vedere! Adora conoscere luoghi, parlare altre lingue, assaggiare i piatti del posto: cosa c’è di più bello? La bellezza la circonda sempre perché vive a Firenze e la Toscana è una grande regione che condividerà con voi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Perché il New York Times ha scelto proprio il Molise

Escursioni, borghi incantevoli, storia e tradizioni popolari: il Molise è la regione meno conosciuta dell’Italia, ma merita tantissimo una visita, ecco perché è stata scelta dal New York Times come meta da visitare.
Dove Mangiare

Monticelli Sapere e Sapori a Campobasso: il Molise in tavola

Il Molise vanta una tradizione gastronomica antica e genuina: se siete a Campobasso non potete perdere l’esperienza di mangiare nel bellissimo e accogliente Monticelli!
Destinazioni

Venafro, Molise: patrimonio storico e cucina

Una cittadina accogliente immersa nella Pianura del Venafro: un patrimonio storico culturale da scoprire e tanti prodotti tipici da non lasciarsi sfuggire.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.