Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Consigli per un weekend al Lago di Campotosto in Abruzzo

2 minuti di lettura
Il Lago di Campotosto tra l'Abruzzo e il Lazio è il luogo ideale dove rilassarsi, fare trekking, dedicarsi al buon cibo e alla natura, qui qualche consiglio per un soggiorno di piacere e di sport nel cuore dell'Abruzzo.

Se tranquillità e natura è quello di cui avete bisogno, il Lago di Campotosto è quello che state cercando. In un lembo di terra al confine fra Lazio e Abruzzo, non lontano da L’Aquila, è il più grande lago artificiale d’Abruzzo. Costruito negli anni Trenta-Quaranta per  la produzione di energia elettrica, è formato da tre dighe e percorso da una strada di circa 40 km battutissima da cicloamatori, ciclisti e camperisti. Di questi ultimi il lago è frequentatissimo, con le conseguenti piazzole di sosta affollate e motivo di malumore da parte di molti turisti.

Le strade per arrivare in questa bellissima parte di Italia centrale sono tortuose ma dai panorami mozzafiato: la strada statale 80 che collega L’Aquila con Teramo e il versante adriatico, la strada statale 577 da Amatrice oppure altre strade minori da Montereale e Capitignano.

lago_di_campotosto

Il turista può soddisfare ogni esigenza in tutte le stagioni: fare trekking fra le vette del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei monti della Laga, che si ergono maestose e fiere sul lago e su cui si snodano sentieri per tutti i livelli di escursionismo, anche se spesso dalla segnaletica non ben visibile; raggiungere le stazioni sciistiche invernali di Campo Imperatore; trovare relax nelle spiaggette a bordo lago, non attrezzate ma accessibili facilmente. Nei mesi estivi (dove comunque le temperature serali sono basse) le coste del lago si inebriano del profumo dei numerosissimi barbecue accesi.

Il Lago di Campotosto è il luogo ideale per gli amanti dello sport all’aria aperta e del campeggio. Mountainbike, trekking, canoa, windsurf, kitesurf ed equitazione, quest’ultima ben sviluppata grazie al passaggio dell’itinerario dell’ippovia del Gran Sasso (lungo circa 300 km), sono fra le attività più frequenti.

abruzzo-capotosto-italia

Durante i viaggi in macchina, in moto o in bicicletta,non è difficile imbattersi in mandrie di cavalli che attraversano le strette strade, spesso guidati dai mandriani che li riportano a dimora. Occorre prestare molta attenzione! Il grande fascino di questa zona è proprio generato dalla natura selvaggia e ancora minimamente antropizzata, dai profumi e sapori della tradizione, dai piccoli borghi semi disabitati che sembrano fermi nel tempo, dal blu del lago che cambia colore nelle diverse ore del giorno, dalle bianche nuvole sulle cime del Gran Sasso e dal silenzio.. un silenzio così profondo ed incredibile.

Le strutture ricettive sono poche nonostante il carico turistico in aumento. Chi ama il campeggio potrà trovare nell’Agricampeggio Cardito, nel comune di Capitignano, un posto rilassante e dalla vista unica, con numerose piazzole per tende e camper/roulotte, con ristorante annesso e personale simpatico e accogliente. Prezzi onesti per servizio ottimo.

abruzzo-italia-capotosto

Immancabili le degustazioni gastronomiche dai sapori genuini e autentici, che qui godono della commistione fra prodotti tipici laziali e quelli abruzzesi: dagli arrosticini alla mortadella di Campotosto, dai formaggi di capra all’amatriciana. Ce n’è davvero per tutti i palati! I prezzi dei pochi agriturismi o ristoranti sono assolutamente accessibili. E se poi si ha la fortuna di “inciampare” casualmente in una sagra di paese.

abruzzo-capotosto

In questa terra ancora poco conosciuta ma meravigliosa, dove ancora si possono scambiare parole con pastori e mandriani, dove ogni gesto lento è fonte di stupore, si può stare bene davvero. Nella semplicità e nel silenzio che ormai sembrano ovunque rari.

11 articoli

Informazioni sull'autore
Architetto, diplomata al Master di II livello in Architettura del Paesaggio nel 2016, appassionata di fotografia e viaggi, ama leggere, scrivere e mappare gli spazi abbandonati dei luoghi in cui vive o viaggia. Divisa fra Romagna, Toscana ed Emilia, vive in simbiosi con il suo zaino, il suo taccuino e il suo indomabile desiderio di scoprire il mondo.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Panzerotti pugliesi, la ricetta originale

La ricetta originale dei panzerotti pugliesi, da replicare dopo un viaggio a Bari o per ricordare una vacanza. La ricetta originale dei panzerotti con mozzarella e pomodoro è fritta, non al forno.
Dove Dormire

Casa nella natura, dove andare in vacanza in sicurezza

Casa nella natura è il portale olandese che arriva in Italia. Una selezione di alloggi come baite, case di campagna, yurte, glamping o trulli dove dormire in mezzo alla natura e sentirsi sicuri in vacanza e lontani dai centri abitati.
Ricetta

Fregola sarda, la ricetta con il pesce e i frutti di mare

La ricetta perfetta della Fregola sarda, un piatto tipico della Sardegna. Tutti gli ingredienti e il procedimento spiegato passo dopo passo per realizzare anche a casa un buon piatto di fregola sarda con il pesce o i frutti di mare.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!
×
Destinazioni

Abruzzo: i 5 castelli da visitare