Abano Terme, Colli Euganei: soggiorno rilassante di 5 giorni

Abano Terme: 5 giorni per rilassare corpo e mente

Abano Terme: 5 giorni per rilassare corpo e mente

Se sognate qualche giorno di relax in Italia, ecco come organizzare il vostro soggiorno ad Abano Terme, località termale dei Colli Euganei.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Abano Terme è una delle località termali più conosciute in Italia e in Europa ed è la destinazione perfetta per rilassare corpo e mente.

Dove si trova Abano Terme

Inoltre, è immersa nel comprensorio dei Colli Euganei in provincia di Padova, dove i protagonisti sono la natura e il relax.
Non solo, la cittadina è percorsa da una lunga area pedonale piena di negozi, di giardini e di palazzi antichi.
Infine, grazie alla vicina stazione di Montegrotto, è possibile raggiungere con facilità e in poco tempo le vicine Padova e Venezia.

Quando andare

La maggior parte delle persone che si reca ad Abano per le cure termali consiglia primavera e autunno per godere del clima piacevole e poter utilizzare liberamente le piscine termali esterne.

Io tuttavia ho scelto il periodo natalizio per visitarla e l’atmosfera che si respira è unica: la città si riempie di luci, di musica e di eventi. I palazzi e i giardini sono illuminati e decorati per regalare uno sfondo inconfondibile a chi passeggia nelle zone pedonali.

Sicuramente troverete temperature basse ma immaginate di imbacuccarvi per uscire e di ritrovare, al vostro ritorno in hotel, l’acqua calda delle piscine e il calore della sauna che vi farà dimenticare le ore passate fuori.

Perché Abano Terme

Ho scelto questa destinazione per voglia di benessere, desiderio di staccare dagli impegni quotidiani del lavoro e della famiglia e non per cure termali, per cui quello che descriverò non comprenderà fanghi, inalazioni e tutti i percorsi di cura che gli hotel offrono nei loro pacchetti.

Ho diviso il mio viaggio in giornate, per riuscire a vivere completamente un periodo di 5 giorni ad Abano Terme non rinunciando né al relax né a cultura e svago.

Giorno 1. Relax in piscina

Se arrivate nel pomeriggio c’è soltanto una cosa da fare: correre in camera, buttare valigie e borse, aprendole soltanto per prendere costume, ciabatte, cuffietta e accappatoio e correre subito nell’area benessere dell’albergo in cui avete deciso di alloggiare.

Bisogna togliersi subito la curiosità. Quasi tutti gli hotel con percorso benessere hanno piscina interna ed esterna, rigorosamente riscaldata e con idromassaggio, docce, sauna e bagno turco.
Se la sera è già calata bisogna provare la piscina esterna. Prima di bagnarvi i capelli, uscite all’esterno e, nuotando, proverete una sensazione di calore unica che vi proteggerà dal freddo invernale.
Le luci soffuse e la musica rilassante fanno il resto per godere della prima eccitante serata ad Abano Terme.

Giorno 2. Spa riscaldata e visita in città

Avete provato la piscina in notturna, ora è il momento di provare la spa riscaldata dai raggi del sole mattutino. Un paio d’ore di relax, una doccia e si va a pranzo.

Noi abbiamo scelto la pensione completa, è il trattamento che la maggior parte dei visitatori sceglie: è comoda, permette di godere a pieno di tutti i servizi dell’hotel e lascia il giusto tempo per gite in città ed escursioni.

Se proprio decidete di passare l’intera giornata fuori, il ristorante vi darà la possibilità di scegliere il pranzo al sacco.

Nel pomeriggio del secondo giorno consiglio la visita della cittadina di Abano Terme. Come vi dicevo, nel periodo natalizio la città si colora e si illumina, riempiendosi di turisti e di eventi pomeridiani e serali, per bambini e per adulti. Ma è bella in tutte le stagioni.

Una passeggiata ad Abano

Immaginate di uscire dal vostro albergo e ritrovarvi in centro, in una città che viene definita la città giardino, grazie alla presenza massiccia di parchi, piazze e viali immersi nel verde e nei colori delle aiuole fiorite.

Percorrete il Viale delle Terme, un ampio viale alberato ricco di negozi, locali e hotel, che porta fino alla Piazza del Sole e della Pace, rinominata anche Piazza della Meridiana per la presenza dell’orologio solare – unico nel suo genere – ideato dall’astronomo Salvador Condè.

Dal Viale delle Terme giungete al Parco Urbano Termale, un’isola verde di grande rilievo architettonico contemporaneo.
È un complesso di giardini, vie pedonali e piste ciclabili incorniciato da edifici condominiali e commerciali.
Il verde è nei prati che costeggiano le stradine pavimentate e negli alberi che completano l’area lungo il viale principale. Il verde è intervallato da importanti sculture contemporanee che rapiscono lo sguardo del turista più distratto. Da vedere.

Infine i Giardini del Kursaal, altra zona verde dove cittadini e turisti possono rilassarsi passeggiando tra gli alberi o sedendosi a leggere su di una panchina.

Per concludere la giornata dedicata ad Abano, dopo cena fate un salto al Lounge bar La Fiesta, in pieno centro. Atmosfera accogliente tutta la settimana e il giovedì c’è il divertentissimo karaoke di Miss Linda e Marcello.

Giorno 3. La piscina di Montegrotto

Oltre al primato nel relax e la cura di mente e corpo, la zona dei Colli Euganei si aggiudica un altro record: a Montegrotto è presente la piscina più profonda del mondo.

Y-40 The Deep Joy è l’unica piscina caratterizzata da acqua termale, dove vengono organizzati corsi per apneisti e sommozzatori ed è permessa la visita ai curiosi.
A 15 metri di profondità la vasca convoglia in un pozzo illuminato che scende al di sotto della terra e arriva fino a 42 metri.
La temperatura costante di circa 30 gradi permette di tuffarsi senza la muta.

Sotto la superficie sono stati ricavati percorsi visitabili da dove è possibile osservare i nuotatori, circondati dall’acqua. Dovete assolutamente conoscere questo primato italiano. Il resto della giornata dedicatelo al relax, del resto si va ad Abano soprattutto per questo.

Giorni 4 e 5. Gita a Padova e a Venezia

Dopo aver visitato Abano e dintorni, è ora di prendere il treno. A meno di dieci minuti dal centro c’è la stazione di Montegrotto che vi porta a Padova in 15 minuti e a Venezia in 45 minuti.

Padova è raggiungibile comodamente anche in autobus o in macchina, ma lo spettacolo che regala Venezia all’arrivo presso la Stazione di Santa Lucia è impagabile. La stazione si trova alle porte della Laguna Veneta, quindi attaccate il naso al finestrino e non perdetevi nemmeno uno scorcio del paesaggio.

Per il momento il mio viaggio è finito, intanto organizzate la vostra vacanza ad Abano Terme.

Booking.com

© 2018 - Riproduzione riservata

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Mini guida

48 ore a Venezia, mini guida per un weekend low cost

Cosa vedere a Venezia in 3 giorni

Venezia è una delle città italiane che tutto il Mondo ci invidia. Venezia è la città dell'amore, la città dell'acqua alta, la città degli...