Come viaggiare di più spendendo di meno

Eventi

La modernità di Boldini a Forlì

2 minuti di lettura
La mostra di Boldini a Forlì, ecco la nostra recensione, perché consigliamo di vedere questa mostra, il costo dei biglietti dell'evento che si svolge presso i Musei San Domenico.

Non ve la potete davvero perdere. Rimarrà a Forlì soli fino al 14 giugno. Parlo della mostra dedicata a Giovanni Boldini, nato a Ferrara nel 1842 ma vissuto gran parte della vita a Parigi dove fu uno dei pittori italiani più prolifici della sua epoca, in particolare nel campo della ritrattistica.

folri-mostra-boldini

La sua carriera fu lunghissima, visse quasi 90anni, e poco dopo la sua morte venne definito “il classico di un genere di pittura“. Boldini ebbe grande successo in vita, pur scatenando spesso polemiche tra pubblico e critica. Ed è negli anni più belli della Ville Lumiere  che viene introdotto nei salotti frequentati dai fratelli  Goncourt, da Proust, da Montesquiou, da Degas e da Helleu.

La mostra fornisce una visione più completa e articolata sui lavori dell’artista ferrarese, non solo i dipinti, ma anche i disegni, gli acquerelli, gli schizzi e le incisioni.

La sua opera raffigurante Giuseppe Verdi non potrà che esservi più che nota, sin dai libri di scuola, e la storia racconta che fu uno dei ritratti dai quali Boldini non seppe mai separarsi.

forli-boldini-mostra+
E per i suoi ritratti di donne, beh, per quelli non ci sono parole, bisogna osservarli da vicino per rimanerne incantati in ogni singolo dettaglio. Donne elegantissime dell’alta società che posano per lui vestite di sontuosi abiti, di fiori e di pelle di porcellana. Figure in movimento, colte nell’attimo del cambiamento, mani che cercano, mani che stanno per compiere un gesto. Figure perfettamente delineate che finiscono in pittura astratta. La galleria dedicata a questi ritratti di donne è un vero sogno ad occhi aperti.

In più la sede espositiva della mostra è davvero bella, ospitata presso i Musei San Domenico a Forlì. La galleria dedicata all’artista sarà aperta dal 1 febbraio al 14 giugno 2015, dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 19.00, mentre sabato, domenica e nei giorni festivi dalle 9.30 alle 20.00. Il lunedì la mostra rimane chiusa, mentre è prevista un’apertura straordinaria per il 1 giugno. Ricordatevi che la biglietteria chiude sempre un’ora prima.

I biglietti sono acquistabili presso la sede espositiva oppure online attraverso ticketone.

forli-mostra-di-boldini

Il biglietto intero ha un costo di 11,00€, quello ridotto (per gruppi superiori alle 15 persone, minori di 18 anni e maggiori di 65, studenti universitari, titolari di apposite convenzioni, nonché residenti nella provincia di Forlì-Cesena) di 9,00€. La prenotazione per i gruppi numerosi è obbligatoria ma è comunque consigliata anche per persone singole o piccoli gruppi. Esiste anche un biglietto speciale aperto, al costo di 12,00€, per poter accedere alla mostra senza date e fasce orarie predefinite. Ottima idea anche per un regalo.

L’audioguida, piacevole accompagnamento musicale e vocale per comprendere al meglio la mostra e il suo protagonista, è sempre compresa nel biglietto.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito dedicato alla mostra oppure chiamare il numero 199.15.11.34 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00 e il sabato dalle 9.00 alle 12.00.

Andateci assolutamente.

99 articoli

Informazioni sull'autore
Ormai 31enne ma si sente ancora un'adolescente. Lacustre di nascita, si divide tra Riva del Garda e Bologna, dove ha vissuto per dieci anni. Ha studiato Cinema e Discipline dello Spettacolo, attualmente lavora nella comunicazione e negli eventi e collabora come redattrice con alcuni magazine online. Ama tutto ciò che è muoversi, vedere, viaggiare e provare. Ironica e talvolta contradditoria, non può fare a meno di scrivere. Ha fatto il primo vero viaggio da sola nel 2012 a New York.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Dove Mangiare

Guida ai migliori street food di Palermo

Arancina, stigghiola, frittola, panino ca’ meusa, panelle e crocchè. Chi più ne ha più ne metta. Non basterebbe un trattato per elencare tutte le pietanze tipiche della cucina siciliana. Una cosa che probabilmente rende Palermo unica nel suo genere sono gli street food, nei quali è possibile consumare la propria merenda in piedi, in mezzo alla strada e agli odori tipici del capoluogo siciliano.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!