Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Cosa vedere a Pitigliano in un giorno

2 minuti di lettura
Sulle tracce del periodo etrusco, alla scoperta della piccola Gerusalemme: pronti per immergervi nella Maremma toscana?

Immersa nella Maremma toscana in provincia di Grosseto, Pitigliano è una delle più belle e famose città del tufo. Abitata sin dall’Età del Bronzo, Pitigliano porta ancora tracce del periodo etrusco, così come delle epoche successive.

Una giornata a Pitigliano potrà essere coronata da una passeggiata in una delle tante necropoli etrusche che la circondano.

Che sia per la cultura o per la sua cucina squisita, una visita a Pitigliano merita in qualsiasi periodo dell’anno. La città inoltre è visitabile in una giornata ed è meravigliosa soprattutto al tramonto.

Perdersi tra le vie di Pitigliano

Visitare Pitigliano è un’avventura nella storia e nella cucina toscana. Prima di immergervi tra i suoi vicoli pittoreschi, fate una passeggiata lungo la strada panoramica esterna. Da qui godetevi il paesaggio sui boschi circostanti e la meravigliosa visuale della stessa città che si erge sul tufo.

Il centro di Pitigliano è interamente pedonale. Seguendo la via che fiancheggia l’acquedotto mediceo costruito tra il 1636 e il 1639 arriverete alla Piazza della Repubblica. Qui, davanti alla Fontana delle Sette Cannelle, sorge il Museo Civico Archeologico all’interno di palazzo Orsini. Costruito nel XII secolo, questo palazzo fu acquistato e ristrutturato in seguito dalla famiglia Orsini diventandone la residenza. All’interno del museo, tra le sale rinascimentali, potrete ammirare una corposa collezione di reperti etruschi rinvenuti nei siti e nelle necropoli che sorgono attorno a Pitigliano.

Continuando su via Roma potrete raggiungere il Duomo dedicato ai santi Pietro e Paolo. La costruzione è di epoca medievale con una facciata tardo-barocca. Accanto è presente il campanile che ancora presenta tratti dell’originale medievale.

Per una pausa non avrete che l’imbarazzo della scelta: i locali sono tanti e tutti offrono cibo di qualità, dalla carne di maiali che vivono nei boschi attorno a Pitigliano, ai funghi raccolti in giornata, all’ottimo vino toscano.

Pitigliano: la piccola Gerusalemme

Pitigliano è conosciuta anche come “la piccola Gerusalemme” grazie alla presenza di una sinagoga e di una piccola comunità ebrea da secoli insediata nella città. La sinagoga venne costruita a fine 1500, quando la comunità era più numerosa. Al momento invece la sinagoga viene usata solo per le celebrazioni più importanti, ma rimane visitabile e parte della storia di Pitigliano.

Potete visitare anche il Museo ebraico con una mostra permanente di oggetti della tradizione, una vasca da bagno rituale, il forno e il macello, oltre a scoprire una cantina dove viene prodotto il vino kosher di Pitigliano.

Per concludere, scoprite gli sfratti, un tipico dolce di Pitigliano che deriva proprio dalla tradizione ebraica.

24 articoli

Informazioni sull'autore
Nata e cresciuta nella provincia di Venezia, Beatrice ha sempre avuto una grande passione per i viaggi e per la storia. Laureata in archeologia, ama girare il mondo per scoprire il passato, vivendo però sempre il presente e con lo sguardo fisso al futuro. Ha iniziato a scrivere un blog per raccontare le sue avventure e i libri che la accompagnano nel percorso. Predilige i viaggi in totale libertà, senza troppa organizzazione e cercando di immergersi il più possibile nella cultura del luogo.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Curiosità

Il rito di Halloween in Irlanda

Halloween è una festa nata in Irlanda e non in America come crede la maggior parte delle persone. Tutto ebbe inizio nella Contea di Meath, a pochi chilometri da Dublino. Definita come “Capodanno celtico”, Halloween si festeggia il 31 ottobre e un tempo rappresentava un rito che segnava il passaggio dalla luce alle tenebre, poiché coincideva con la fine dei raccolti e l’inizio del periodo invernale.
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.