Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Il Castello di Neuschwanstein e le fiabe Disney

3 minuti di lettura
Prima indicazione per visitare il Castello di Neuschwanstein è di prenotare i biglietti online qualche giorno prima. Scopri il Castello Disney in Baviera.

Il Castello di Neuschwanstein si trova a circa 130 chilometri a sud di Monaco di Baviera, quasi al confine con l’Austria. Tra i castelli della Baviera è sicuramente il più rinomato e quello che attira più visitatori da ogni parte del mondo.

Neuschwanstein-germania
Ma non si può raccontare del Castello di Neuschwanstein senza parlare di Re Ludwig II. Alto, bello, appassionato d’arte musica e letteratura, mecenate, spendaccione, omosessuale e schizofrenico (forse sì o forse no). Grande amico di sua cognatala la principessa Sissi, con la quale per un po’ ha rischiato anche di imparentarsi. Ludwig era infatti fidanzato con la sorella di Sissi: le nozze, prima fissate e successivamente rimandate, furono infine annullate a causa della omosessualità più o meno dichiarata di lui.

Grande estimatore di Wagner, finanziò molte delle sue opere mandando quasi in rosso le casse reali. L’amicizia e l’ammirazione per il famoso compositore tedesco trovano spazio nelle sale del Castello di Neuschwanstein, sulle cui pareti non mancano affreschi ispirati a “Tristano e Isotta” ed alle altre opere di Wagner. Dalla personalità irruenta e fragile al tempo stesso, Ludwig II fece costruire, per se stesso e per amore dell’architettura medievale, numerosi castelli di cui quello di Neuschwanstein è ad oggi sicuramente quello più degno di nota. Reso celebre in tutto il mondo da Walt Disney in “La Bella Addormentata nel Bosco”, Neuschwanstein sarebbe dovuto essere riparo e rifugio per Ludwig, uomo cupo e solitario.

Neuschwanstein

Così non fu, visto che, a castello non ancora ultimato, Ludwig fu dichiarato malato di mente da una commissione di medici che non l’avevano neanche visitato ma si erano basati per fare diagnosi sulle testimonianze di chi per un motivo o per l’altro aveva avuto rapporti con il re. Fu così che, prelevato con la forza da Neuschwanstein, Ludwig fu portato e rinchiuso nel castello di Berg, sua prigione fino al giorno della scomparsa avvenuta in circostanze ancora oggi non del tutto chiare. Pare infatti che al re fosse stata accordata la possibilità di fare una passeggiata da solo nel parco e che, dopo alcune ore, il suo corpo e il corpo del suo medico curante fossero stati ritrovati senza vita nelle acque del lago di Starnberg. Incidente? Omicidio? Non ci è dato saperlo. In vita come in morte, la personalità controversa di Ludwig II ha fatto e continua a far parlare di sé.

La visita al Castello di Neuschwanstein è una sorta di viaggio nella vita del sovrano, nella sua anima e nelle sue passioni. Dall’amicizia con Wagner alla passione per le grotte, dalla voglia di isolamento all’amore per il medioevo e l’arte barocca: tutto racchiuso in quelle stanze in cui l’anima di Ludwig sembra aleggiare serena, a protezione della sua dimora. Ciò che più mi ha colpita durante la visita è stato l’imbattermi in una finta grotta, con tanto di stalattiti e stalagmiti, che fa da corridoio tra le camere da letto e il soggiorno. Una atmosfera suggestiva e surreale, come salire su una macchina del tempo, essere catapultata altrove per un attimo, quasi fosse un’illusione ottica, per poi ritrovarmi in una immensa sala dorata, un tempo illuminata da seicento candele. Davvero un’esperienza unica nel suo genere.

Neuschwanstein-biglietteria

Altra peculiarità di Neuschwanstein è che ogni stanza del castello è diversa dall’altra: ha un proprio stile, una propria ambientazione, una specifica localizzazione nel tempo e nello spazio. Come se fosse stata espiantata da luoghi remoti e collocata lì, a comporre il mosaico perfetto. A sentirlo raccontare quasi non ci si crede, eppure è reale.

Emozioni contrastanti, dunque, quelle evocate dalla visita a Neuschwanstein. Molto rilassante la salita a piedi sulla collinetta su cui svetta il castello. Circa venti minuti di cammino, dolce e intervallato dal rumore delle acque di una piccola cascata. Romantica e fiabesca la vista del castello dall’esterno, riporta a galla ricordi bambini. Cupa e wagneriana, barocca e arabesca, glaciale e invernale la visita delle stanze. Infine godereccia e turistica, con l’immersione nel negozietto di souvenir all’interno del Castello stesso, quasi come a svegliarci da un sogno per riportarci dolcemente alla realtà.

Neuschwanstein-ingresso

Il mio consiglio è quello di prenotare i biglietti online un paio di giorni prima della visita al castello, onde evitare code chilometriche o, peggio ancora, rischiare di non fare in tempo ad entrare.

Il prezzo del biglietto è di 12 euro, compreso di audioguida in italiano. Il tour dura circa 30 minuti e i bambini e i ragazzi al di sotto dei 18 anni entrano gratis.

Foto di ビッグアップジャパンKevin PohJiuguang Wangxiquinhosilva

77 articoli

Informazioni sull'autore
28 anni, studentessa di Medicina e Chirurgia, vive in provincia di Caserta. Approfitta di ogni momento libero per correre alla scoperta di profumi, colori e abitudini di ogni luogo in cui, per piacere o per dovere, le capita di passare. Ha deciso quasi subito che i viaggi organizzati non fanno per lei; così, pc alla mano, da qualche anno a questa parte, progetta da sé i propri spostamenti con gran soddisfazione personale, ottimizzazione dei tempi e notevole risparmio economico. Turista frenetica, della serie “non voglio perdermi niente”, intende la vacanza come un momento di conoscenza piuttosto che di relax.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Curiosità

Il rito di Halloween in Irlanda

Halloween è una festa nata in Irlanda e non in America come crede la maggior parte delle persone. Tutto ebbe inizio nella Contea di Meath, a pochi chilometri da Dublino. Definita come “Capodanno celtico”, Halloween si festeggia il 31 ottobre e un tempo rappresentava un rito che segnava il passaggio dalla luce alle tenebre, poiché coincideva con la fine dei raccolti e l’inizio del periodo invernale.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!