Castel Toblino nella Valle dei Laghi - Viaggi Low Cost

Il fascino romantico di Castel Toblino

Il fascino romantico di Castel Toblino

Se amate gli antichi castelli ricchi di storia, le leggende che raccontano di fughe e amori romantici, questo è il post che fa per voi: gita a Padergnone, nella Valle dei Laghi, per esplorare un antico maniero pieno di fascino.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Immaginate un piccolo castello su una minuscola isoletta in mezzo ad un piccolo lago di montagna. Sembra l’inizio di una favola, eppure c’è davvero.

Se si tratta di uno dei castelli più fotografati del Trentino un motivo ci sarà e il Trentino, come forse sapete, è la regione in Italia con maggiore densità di castelli, quindi se ne intende. Pensate che ne conta oltre 300, tra castelli, rocche e sedi fortificate.

Castel Toblino

Castel Toblino è un delizioso castello arroccato su una piccola penisola bagnata dal Lago di Toblino. Si trova nella Valle dei Laghi a circa 18km da Trento e, precisamente, tra la località di Padergnone e quella di Sarche. La sua fama è dovuta sia alla sua particolare e bellissima posizione ma anche alle varie leggende che l’hanno circondato. Per arrivare a Castel Toblino è necessario percorrere la strada S.S. 45bis della Gardesana Occidentale.

Un castello romantico

Si tratta di un castello dall’aspetto molto romantico, di fatto al giorno d’oggi viene spesso utilizzato per matrimoni. Con la sua forma quadrangolare e il suo grande mastio di origine medievale, si inserisce perfettamente nel cuore del bosco e del lago, tra vigneti e alberi sempreverdi. Un’ampia cinta muraria merlata circonda poi l’intero edificio, a sua volta circondata da un piacevolissimo parco che finisce direttamente nel lago.

La storia di Castel Toblino

Storicamente le sue origini risalgono al XI secolo, quando aveva una funzione militare nonché strategica lungo la strada su cui sorge. Fu proprietà dei vassalli del Principe Vescovo di Trento dal 1100, dopodiché divenne proprietà della famiglia Da Campo dal XIII secolo, per poi tornare nuovamente proprietà dei vescovi verso la fine dello stesso secolo. Questo castello conobbe molte e differenti gestioni che lo trasformarono e abbellirono negli anni per poi renderlo sede periferica della Corte Trentina a partire circa dal XVI secolo. Tali vicissitudini lo resero cornice di grandi incontri tra personaggi facoltosi. Il castello, così come lo possiamo vedere oggi, è frutto di molti lavori di ammodernamento compiuti e voluti in particolare dai Vescovi di Trento. Oggi il castello è proprietà privata ed è possibile visitarlo, nonché dormirvi e mangiarci su prenotazione. Il bar e il ristorante sono aperti indicativamente da marzo ad ottobre.

Tra storia e leggende

Le leggende che riguardano questo castello sono più di una e di natura differente. La più antica e forse maggiormente popolare vuole che questo luogo, prima di tutte le sue funzioni, tornando indietro di circa 2000 anni, abbia avuto scopo religioso e forse magico. Pare che gli antichi abitanti locali lo ritenessero addirittura un luogo quasi sacro, dove si racconta che nel III secolo sorgesse un piccolo tempio dedicato al culto dei Fati, divinità romane capaci di predire il destino.

Altre e più note leggende raccontano il mito dell’amore proibito tra il Vescovo di Trento, Carlo Emanuele Madruzzo e l’amata Claudia Particella. Si parla di un misterioso canale sotterraneo che avrebbe collegato il castello a Castel Madruzzo. Tale leggenda narra che i due amanti, altre invece fanno riferimento a Claudia e il fratello, siano tragicamente scomparsi annegati nel lago.

Un’altra leggenda racconta invece la storia di un altro amore contrastato, quello di Ginevra, castellana d Stenico, e Aliprando di Toblino, che vide la morte di quest’ultimo per mano di un suo rivale in amore.  Infine un’ultima leggenda parla di un presunto ricchissimo tesoro seppellito proprio sul fondo di questo lago.

Escursione nella Valle dei Laghi

Ma se questo lago e Castel Toblino meritano una visita in giornata, anche la Valle dei Laghi merita un’escursione maggiormente approfondita. Si tratta di una valle, immersa nel Trentino sud-occidentale, che va da Terlago fino quasi al Basso Sarca, sulle rive del famoso Lago di Garda. Il nome, ovviamente, è dovuto ai molti laghi presenti in questa zona e, anche in questo caso, vale la pena visitare qualche bel posticino.

Partendo proprio da Castel Toblino, guardando di fronte al castello, sul lato opposto della strada, vedrete un piccolo sentiero in salita che vi porterà in un paese molto pittoresco, Ranzo, isolato per secoli ed oggi quietamente abitato, ma che gode di una vista mozzafiato sulla Valle, incastonato fra le montagne circostanti.

Sempre poco distante da Castel Toblino, vale la pena visitare anche Castel Madruzzo, vedi la leggenda di cui sopra, castello medievale che risale almeno al 1161, che domina la frazione omonima e la cui famiglia ebbe grande importanza per la storia del Trentino. La posizione strategica di questo castello permise per lunghi anni di controllare la Valle del Sarca, territorio fondamentale tra Trento e il Lago di Garda.

Castello di Terlago

Un’altra visita la merita sicuramente il Castello di Terlago, costruito sull’antica strada che portava verso la Valle del Sarca e quella di Non. Nacque con funzione difensiva per più casate e venne gravemente danneggiato negli anni. In particolare nel 1700 quando perse completamente la cinta muraria che lo proteggeva. Attualmente il castello restaurato è una residenza privata, pertanto non è visitabile ma vale uno giro a Terlago per vederlo dall’esterno.

Questi e molti altri sono i Castelli e le bellezze della Valle dei Laghi, che merita assolutamente un weekend lungo per gustarne scorci e sapori.

Booking.com

© 2019 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

48 ore a Cesenatico, weekend in Romagna

Cesenatico cose da vedere

Cesenatico è una delle località romagnole più belle della costa. Conosciuta più che altro per le vacanze di famiglia, in realtà a Cesenatico...