Vienna, cosa vedere

Vienna, cosa vedere in pochi giorni

Vienna, cosa vedere in pochi giorni

Vienna è una delle città più belle d'Europa, una delle più eleganti. Qui i piatti tipici e i musei da vedere sono tantissimi, ecco cosa secondo noi non potete perdervi in una visita di pochi giorni.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Da sempre sottovalutata rispetto a Parigi e a Madrid, città più amate tre le capitali europee, la prima perché romantica e molto artistica, la seconda luogo di quella movida spagnola tanto apprezzata da coloro che vogliono intrattenersi in passatempi leggeri, Vienna è invece città dalle tante sorprese, che sa offrire al visitatore accorto gli svaghi più svariati, siano essi culturali o tra i più disimpegnati. Dal centro storico tutelato dall’Unesco, la cui architettura imperiale fa della città un vero gioiello artistico, fino ai quartieri medio-borghesi come Josefstadt e Neubau, che la sera sono meta dei giovani viennesi per le tante discoteche, pub, ristoranti.

Una piccola guida di luoghi inaspettati potrebbe per esempio portarvi sulle tracce di Jesse e Cèline, i protagonisti del film di Richard Linklater Before Sunrise. È proprio su un treno diretto a Vienna che i due giovani, lui americano e lei francese, si incontrano e si interessano l’uno all’altro. Jesse è incuriosito dalla ragazza francese, che riesce a convincere a far scendere dal treno, col proposito di fare con lei una passeggiata in città: dalla stazione ovest “Westbahnhof” al “Prater”, uno dei parchi più belli di Vienna, passando per la “Franziskanerplatz”, per finire con l’immancabile e romantico Danubio, sulle cui sponde i due chiacchierano parlando d’amore nel mentre innamorandosi.

La capitale austriaca può essere la città dell’amore, ma è pure la città del valzer, della musica classica (tantissimi i musicisti come Vivaldi, Mozart e Schubert che ci vissero stabilmente), dell’arte. Più di cento i musei presenti in città, tra cui andranno certamente visitati almeno il Palazzo della Secessione, con il bellissimo Beethovenfries di Gustav Klimt, indicato specialmente per gli appassionati di Arte Liberty, e il Kunsthistorisches Museum: quattro secoli di storia della pittura europea, da Brueghel a Rubens, a Velàzquez, a Raffaello e a Cellini, per menzionare qualche italiano.

Un salto, poi non così rapido, è consigliato al Leopold Museum, da tempo museo più all’avanguardia della città e al centro di numerose polemiche per le mostre “fuori dall’ordinario”, come la recentissima Nude Men. Per un pomeriggio disimpegnato varrà davvero la pena fare un salto al tanto amato, e già menzionato, Prater, uno dei parchi pubblici più grandi di Vienna, una volta riserva di caccia degli imperatori, e dalla fine del Settecento aperto alla cittadinanza. Al suo interno non solo una delle ruote panoramiche più alte d’Europa ma un parco divertimenti per grandi e piccini con più di 250 attrattive.

Booking.com

© 2013 - Riproduzione riservata

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Mini guida

Vienna, mini guida di viaggio di tre giorni

Mini guida di Vienna, cosa vedere in 3 giorni

Patria degli Asburgo, di Klimt e di Freud, ma anche della Sachertorte e del Valzer: Vienna è una città ricca di posti da scoprire, ideale per un...