Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Cosa vedere a Robin Hood’s Bay, Yorkshire

2 minuti di lettura
Folklore e storia, camminate e storyteller, fino ad arrivare alla visitatissima Foresta di Sherwood: ecco cosa aspettarsi da questo luogo sospeso tra realtà e folklore.

Questo articolo è stato aggiornato il Luglio 17, 2019

Affacciata in una baia, sulla costa orientale dell’Isola britannica, si trova Robin Hood’s Bay, nello Yorkshire, che secondo la storia del luogo, è stato visitato dall’arciere più noto della letteratura, del cinema e del folklore britannico, Robin Hood, il fuori legge “che ruba ai ricchi per donare ai poveri”.

Tra mito e realtà vi portiamo con noi alla scoperta del luogo.

Dove si trova Robin Hood’s Bay

Robin Hood’s Bay si trova nel distretto del Fylingdales, ma le origini del nome sono tutt’oggi un mistero. Si è pensato che derivasse dall’inglese antico Fygela, che significa terreno paludoso, ma riguardo al fatto se Robin Hood sia realmente passato di qui, si cela ancora il mistero.

Il nome è cresciuto con le leggende del luogo legate allo spirito Robin Goodfellow. Ciò che è certo è che nel diciottesimo secolo il luogo era più conosciuto per le scorribande dei contrabbandieri. Qui si concentrava la più grande comunità dell’intera costa dello Yorkshire. Questo è avvenuto grazie all’isolamento del territorio, protetto da una zona paludosa su tre lati, caratteristica che rese il contrabbando un’attività più reddittizia della pesca. Si racconta infatti che una balla di seta possa attraversare l’intero paese senza che esca dalle case, grazie ai passaggi segreti e ai cunicoli tra le abitazioni. Tutti ne furono coinvolti, dai pescatori agli agricoltori, dal clero alla nobiltà.

Visita al Robin Hood’s Bay Museum

Una seconda leggenda racconta che le donne tirassero l’acqua bollente dalle finestre della camera, agli uomini della dogana. Chi volesse approfondire l’argomento, può visitare il Robin Hood’s Bay Museum, all’interno della vecchia camera mortuaria del corone: Coroner’s Room and Mortuary.

Lo stesso museo ha una storia interessante. Venne acquistato dal reverendo Cooper, Vicario della parrocchia di Fylingdales, che trasformò una camera del piano di sotto, in una camera mortuaria. Dal 1900 la stanza venne usata come stanza di lettura, per quasi tutto il secolo, fino a diventare un museo.

Cosa fare nella cittadina

La cittadina è articolata in stradine e vicoli che ruotano e si restringono, con numerosi scalini. Nella parte bassa si trova il vecchio villaggio dei pescatori, caratterizzato dai cottage e le case costruite attaccate tra loro.

L’attività principale è la pesca. Difatti in estate è facile vedere piccole imbarcazioni che salpano al mattino, e tornano cariche di pesce la sera.

Per vivere appieno le tradizioni del luogo, suggeriamo di prendere parte ad un Ghost Walk durante il vostro soggiorno. Il Ghost Walk è una camminata attraverso i vicoli della cittadina con uno storyteller, un narratore, che vi parlerà delle storie del luogo. Per scoprirne le date, visitate il sito Whitbystoryteller.

Le camminate partono dal Slipway fuori dall’Old Coastguard Station Visitor Centre.

La Chiesa Old St. Stephen’s, altro luogo di interesse della cittadina, è composta da gallerie a nord e a ovest con un pulpito a tre piani a metà del lato sud. Inoltre all’interno ci sono memoriali per i naufraghi, così come anche nel cimitero.

La foresta più visitata al mondo

A circa centocinquasette chilometri da Robin Hood’s Bay, si trova la Foresta di Sherwood, di trecentosettantacinque ettari, visitata ogni anno da più di trecento mila persone. La foresta ospita querce secolari, tra le quali la Major Oak, che dovrebbe avere circa mille anni. Già che ci siete potete scoprire le storie che ruotano attorno alla figura di Robin Hood.

Nelle vicinanze si trova il Fylingdales Moor, che ospita numerose specie di uccelli, tra le quali il gufo dalle orecchie corte; addentrandosi all’interno della foresta Sneaton c’è una cascata, Falligf Foss Tea Garden.

49 articoli

Informazioni sull'autore
La mia passione per i viaggi è iniziata da adolescente quando a 15 anni sono stata a Londra per una vacanza studio. Una volta maggiorenne e con qualche soldo in più nelle tasche, ho iniziato a porre le mie bandierine sui luoghi visitati e sui prossimamente. A ciò si aggiunge una passione per la fotografia.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Le meraviglie d'Irlanda: scogliere, isole e castelli

Esiste il mal di mare, il mal di terra e il mal d’Irlanda. Un male che provano solo i fortunati che hanno avuto modo di passeggiare per i territori irlandesi. Un amore che nasce appena scesi dall’aereo. L’Irlanda è verde, è accoglienza, è semplicità, leggende e tradizioni. Tra costiere, isole e castelli, qui si può trovare un elenco delle meraviglie naturali d’Irlanda.
Ricetta

Ciceri e Tria, la ricetta originale salentina da rifare a casa

Ricetta originale salentina: Ciceria e Tria, ha una storia antichissima ed è conosciuta principalmente in Puglia e nel sud Italia. Qui trovi tutti i consigli e le indicazioni per realizzarla anche a casa, dopo la vacanza.
Ricetta

Ricetta sarda della zuppa gallurese

La ricetta della zuppa gallurese, ricetta sarda per chi ama la Sardegna e i viaggi tra spiagge e nuraghi ma anche la cucina. Non solo vacanza quindi, ma anche tutte le istruzioni per riprodurre queste ricette a casa.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.