Centro Pecci a Prato, riapre il museo dell'arte contemporanea in Toscana

Arte contemporanea a Prato: Centro Pecci

Riapre a Prato il Centro Pecci, il più grande centro per l'arte contemporanea della Toscana, frutto della creatività dell'architetto sino-olandese Maurice Nio.

di , | News

Dopo sei anni di chiusura, ristrutturazione e con un nuovo look ha riaperto da pochi giorni il Centro Pecci a Prato, il più importante museo per l’arte contemporanea della Toscana.

SAMSUNG CAMERA PICTURESNato negli anni ’80 per iniziativa di un privato, il Centro ha raccolto le sue collezioni da zero mettendo insieme nel tempo circa 1000 opere di artisti internazionali. La sua riapertura ha il sapore di una rivoluzione: basta vederlo da fuori, nel suo nuovo aspetto a forma di un’astronave o di una base spaziale, su cui si staglia come un’antenna quasi a porsi come ricettore del linguaggio espressivo contemporaneo. Il progetto che ha trasformato il “vecchio Pecci” nel nuovo è frutto della creatività di Maurice Nio, un architetto sino-olandese che ha organizzato in tutto un gigantesco spazio espositivo di 12.000 mq.

Per gustarsi il meglio degli artisti dell’oggi, dunque, il museo presenta una mostra che ne occupa le sale fino al 19 marzo 2017, curata da Fabio Cavallucci e assolutamente imperdibile, che porta il titolo La fine del mondo.


Una volta entrati dentro l’astronave, acquistato il biglietto e incamminatosi per le vaste sale bianche si inizia un viaggio nel tempo, nel futuro: le opere esposte, le istallazioni, i video dei circa 70 artisti danno una visione della vita sulla Terra da una distanza quasi siderale.
Premetto che non sono una intenditrice di arte contemporanea e che mi affido solo alle sensazioni e alla capacità di fare collegamenti con altre opere, con altre immagini: comunque questa mostra regala emozioni molto forti. Potrei dirvi cosa mi è piaciuto di più, ma non me la sento: penso che ogni visitatore si dovrebbe far cogliere da particolari o suoni.

Gli artisti sono molti, di tutto il mondo, di varie epoche: si va dagli anonimi del Paleolitico inferiore, autori di punte di freccia, a Pablo Picasso; da Umberto Boccioni con Forme uniche nella continuità nello spazio al dadaista Duchamp; da Tadeusz Kantor a Francis Bacon; da Lucio Fontana a Andy Warhol. Questi i nomi conosciuti dalla sottoscritta, come già detto ignorante.

emotions-pecci

L’idea della mostra è quella di far vedere la terra, la nostra vita sulla terra comprensiva di manufatti dell’uomo, animali e minerali con distanza, come se tutto fosse finito. E il risultato è garantito.
Per valorizzare al massimo la riapertura il Centro Pecci propone anche numerose attività collaterali che si svolgono negli spazi museali e sono integrati nel biglietto: spettacoli di danza, incontri, perfino una “Scuola” dedicata alla conoscenza delle varie arti. Il Pecci è innovativo anche nell’orario, infatti è aperto dal martedì alla domenica dalle 11 alle 23. Oltre agli spazi espositivi il Centro dispone di un teatro, una biblioteca ricchissima, un anfiteatro all’aperto per spettacoli estivi, un ristorante.

Per quanto riguarda i costi: il biglietto intero 10 euro ma ci sono molte riduzioni – da citare la soluzione low cost ed ecologica per chi raggiunge Prato con il  treno (conservare il biglietto). Le visite guidate sono sempre disponibili a pagamento. La prima domenica del mese il Museo è gratuito per tutti i residenti in Toscana. Se arrivate in treno l’autobus da prendere alla Stazione Centrale è LAM BLU, direzione viale della Repubblica; il biglietto costa 1,30 euro.

Prato dista circa 15 km da Firenze e si raggiunge in treno in 10 minuti, altrimenti per autostrada A11, uscita Prato est: a poca distanza vedrete stagliarsi l’astronave alla vostra destra.

© 2016 - Riproduzione riservata

Mappa

Mini guida

48 ore a Volterra, la Toscana per 3 giorni low cost

Tre giorni tra Volterra, San Gimignano e la Val d'orcia

Volterra è uno dei Borghi della Toscana più amato dagli italiani e anche dai turisti. Volterra è un luogo ricercatissimo, non solo perché davvero...

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!