Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Villa Gregoriana a Tivoli, patrimonio FAI

1 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Settembre 10, 2012

Villa Gregoriana a Tivoli nasce più o meno nel 1826 quando una spaventosa ondata di piena fa tracimare le acque del fiume Aniene. Il governo dello Stato pontificio interviene e per volere di Papa Gregorio XVI viene deviato il corso dell’Aniene creando una grandiosa cascata. Si decide di utilizzare il vecchio letto del fiume e le scoscese pareti che lo serrano per realizzare una fantastica passeggiata, che diviene la passeggiata papale preferita a Tivoli a due passi da San Pietro così nasce il parco di Villa Gregoriana.

Dopo la Prima Guerra Mondiale il Parco è rimasto chiuso al pubblico per molti anni principalmente a causa della mancata manutenzione. Nel 2002 il FAI ha voluto così festeggiare i 30 anni della sua fondazione. Dopo aver ottenuto l’affidamento della Villa da parte del Demanio di Roma, il Fai ha aggregato uomini, enti ed associazioni e con 4 milioni e mezzo di euro ha iniziato l’opera di restauro e bonifica di Villa Gregoriana.

Nel sito di Villa Gregoriana si legge così “per il restauro sono stati rimosse 350 tonnellate di rami e foglie, 5 tonnellate di rifiuti (lavatrici, frigoriferi, passeggini ecc), 1200 tonnellate di sassi e terra

Diversi sono i tour di Villa Gregoriana. Nei due ingressi vi verrà fornito tutto il materiale per scegliere il percorso più adatto a voi in base al tempo, alla difficoltà e alle cose da vedere. Gli scorci, romantici e non, sono incredibili. La Grande Cascata si vede in due punti meravigliosi, sia dall’alto che da metà, da metà l’acqua ti arriva addosso che è un piacere, soprattutto nelle calde giornate assolate.

I percorsi non sono molto difficili ma bisogna mettere in conto almeno un paio d’ore per farli con calma, fare qualche foto e fermarsi a gustare tra una camminata e l’altra il panorama seduti nelle panchine. In ogni angolo di Villa Gregoriana si ritrovano i simboli del FAI, il luogo è curato a dovere ed è importante lasciarlo pulito e conservato.

Gli orari sono piuttosto rigidi quindi prima di andare è bene consultarli. Dal 2 al 31 marzo nei giorni feriali è aperta dalle 10 alle 14.30, nei festivi  dalle 10 alle 16. Dal 1° aprile al 15 ottobre è aperta dalle 10 alle 18.30, dal 16 ottobre al 29 novembre dalle 10 alle 14.30 nei feriali, mentre nei festivi dalle 10 alle 16. Il prezzo del biglietto è di 5€ a meno che non siate soci del FAI, in tal caso l’entrata è gratuita, i bambini pagano 2.50€

2042 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è direttrice del giornale e fondatrice di Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. E` stata definita nel 2020 da Lonely Planet "la pioniera dei blog di viaggi in Italia". Nel suo profilo Instagram (@federchicca) e nel suo blog personale www.federicapiersimoni.it tante avventure, non solo di viaggi!
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Casa Batlló, la nuova esperienza immersiva a Barcellona

La nuova visita immersiva del capolavoro di Antonio Gaudi, parliamo di Casa Batlló e dei suoi nuovissimi 2000 mq dove sentirsi parte del genio e del capolavoro dell’artista spagnolo. Vola a Barcellona a vivere questa nuova esperienza e magia.
Curiosità

La leggenda di Curon Venosta

ll campanile del vecchio paese di Curon che emerge dalle acque, è diventato uno dei simboli della Val Venosta. Curiosi di scoprire la leggenda? Continuate a leggere: rimarrete sbalorditi!
Curiosità

Curiosità e leggende sul Lago di Braies

Ogni luogo, soprattutto nella penisola italiana, nasce con addosso un alone di leggende. Il Lago di Braies, a 97 km da Bolzano, fa parte di questi luoghi. Continuate a leggere per scoprire qualche curiosità e leggenda!
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.