Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Villa Gregoriana a Tivoli, patrimonio FAI

1 minuti di lettura

Villa Gregoriana a Tivoli nasce più o meno nel 1826 quando una spaventosa ondata di piena fa tracimare le acque del fiume Aniene. Il governo dello Stato pontificio interviene e per volere di Papa Gregorio XVI viene deviato il corso dell’Aniene creando una grandiosa cascata. Si decide di utilizzare il vecchio letto del fiume e le scoscese pareti che lo serrano per realizzare una fantastica passeggiata, che diviene la passeggiata papale preferita a Tivoli a due passi da San Pietro così nasce il parco di Villa Gregoriana.

Dopo la Prima Guerra Mondiale il Parco è rimasto chiuso al pubblico per molti anni principalmente a causa della mancata manutenzione. Nel 2002 il FAI ha voluto così festeggiare i 30 anni della sua fondazione. Dopo aver ottenuto l’affidamento della Villa da parte del Demanio di Roma, il Fai ha aggregato uomini, enti ed associazioni e con 4 milioni e mezzo di euro ha iniziato l’opera di restauro e bonifica di Villa Gregoriana.

Nel sito di Villa Gregoriana si legge così “per il restauro sono stati rimosse 350 tonnellate di rami e foglie, 5 tonnellate di rifiuti (lavatrici, frigoriferi, passeggini ecc), 1200 tonnellate di sassi e terra

Diversi sono i tour di Villa Gregoriana. Nei due ingressi vi verrà fornito tutto il materiale per scegliere il percorso più adatto a voi in base al tempo, alla difficoltà e alle cose da vedere. Gli scorci, romantici e non, sono incredibili. La Grande Cascata si vede in due punti meravigliosi, sia dall’alto che da metà, da metà l’acqua ti arriva addosso che è un piacere, soprattutto nelle calde giornate assolate.

I percorsi non sono molto difficili ma bisogna mettere in conto almeno un paio d’ore per farli con calma, fare qualche foto e fermarsi a gustare tra una camminata e l’altra il panorama seduti nelle panchine. In ogni angolo di Villa Gregoriana si ritrovano i simboli del FAI, il luogo è curato a dovere ed è importante lasciarlo pulito e conservato.

Gli orari sono piuttosto rigidi quindi prima di andare è bene consultarli. Dal 2 al 31 marzo nei giorni feriali è aperta dalle 10 alle 14.30, nei festivi  dalle 10 alle 16. Dal 1° aprile al 15 ottobre è aperta dalle 10 alle 18.30, dal 16 ottobre al 29 novembre dalle 10 alle 14.30 nei feriali, mentre nei festivi dalle 10 alle 16. Il prezzo del biglietto è di 5€ a meno che non siate soci del FAI, in tal caso l’entrata è gratuita, i bambini pagano 2.50€

2018 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è autrice e fondatrice del magazine Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. Per Viaggi Low Cost scrive ogni giorno tutto quello che trova di economico nei suoi numerosi viaggi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Dove Mangiare

Guida ai migliori street food di Palermo

Arancina, stigghiola, frittola, panino ca’ meusa, panelle e crocchè. Chi più ne ha più ne metta. Non basterebbe un trattato per elencare tutte le pietanze tipiche della cucina siciliana. Una cosa che probabilmente rende Palermo unica nel suo genere sono gli street food, nei quali è possibile consumare la propria merenda in piedi, in mezzo alla strada e agli odori tipici del capoluogo siciliano.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.