Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

A Santa Maria Capua Vetere, l’anfiteatro che ispirò il Colosseo

1 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Marzo 25, 2013

Santa Maria Capua Vetere

Mi piacciono le periferie e credo che abbiano da offrire quanto e forse di più dei grandi centri storici o turistici molto più frequentati e molto meglio conosciuti. Santa Maria Capua Vetere non è propriamente periferia, è una cittadina abbastanza grande sita a pochi chilometri di distanza da Caserta.

Tutti conoscono la famosa Reggia vanvitelliana di Caserta, molti di voi, probabilmente, ci sono già stati e parecchi contano di andarci nella vita, prima o poi. Ma Caserta non è solo la Reggia, e la sua provincia ha tesori di ogni genere che aspettano solo di essere rivalutati. L’anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere è, in quanto dimensioni, secondo solo al Colosseo. E’ ritenuto, verosimilmente, il primo anfiteatro romano a vedere la luce, essendo datato tra le fine del I e l’inizio del II secolo d.C. e, quasi certamente, è a questo modello che il Colosseo si ispirò.

Fu inaugurato nel 155 d.C. Da Antonino Pio, i Vandali prima e i saraceni poi, lo distrussero, ma fu sempre ricostruito e, infine, utilizzato come fortezza dai principi Longobardi di Capua. Ha, come tutti gli anfiteatri romani, pianta ellittica. Nel periodo della dominazione Sveva, purtroppo, divenne cava di estrazione di materiali lapidei. Solo nel decennio 1920-1930 è stato liberato dagli ammassi di terra, sottoposto a numerose opere di restauro e riportato a nuova vita.

Si trova di fronte alla Piazza I Ottobre, a poca distanza dall’uscita del casello autostradale di Santa Maria Capua Vetere.
E’ visitabile tutti i giorni, eccetto il lunedì.
Orari di apertura: settembre-marzo: 9.00/18.00; aprile-agosto: 9.00/20.00
Ingresso: euro 2.50

[vlcmap]

77 articoli

Informazioni sull'autore
28 anni, studentessa di Medicina e Chirurgia, vive in provincia di Caserta. Approfitta di ogni momento libero per correre alla scoperta di profumi, colori e abitudini di ogni luogo in cui, per piacere o per dovere, le capita di passare. Ha deciso quasi subito che i viaggi organizzati non fanno per lei; così, pc alla mano, da qualche anno a questa parte, progetta da sé i propri spostamenti con gran soddisfazione personale, ottimizzazione dei tempi e notevole risparmio economico. Turista frenetica, della serie “non voglio perdermi niente”, intende la vacanza come un momento di conoscenza piuttosto che di relax.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Dove Dormire

Le 10 masserie più belle della Puglia

Puglia fa rima con Masserie, ecco allora la nostra classifica delle 10 masserie più belle del Sud Italia. Le 10 Masserie scelte sono tutte splendide e hanno tutte vari servizi. Scegli quella più adatta a te e prenota un soggiorno.
Curiosità

La grotta di Lord Byron a Portovenere

A Portovenere esiste un luogo molto particolare e anche poco conosciuto, chiamato “la grotta di Byron”. Il poeta romantico maledetto, che trovò in quel luogo a picco sul mare un piccolo rifugio creativo.
Destinazioni

Chiese in Italia: ecco le dieci più belle

L’Italia è un vero e proprio scrigno di tesori: paesaggi, arte, cultura, cibo. Tra le meraviglie che circondano questo paese ci sono molte chiese di incredibile valore e di maestosa bellezza. Venite a scoprire le dieci cattedrali più belle d’Italia.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.