Voli low cost e dispositivo utilizzato: parametri da considerare

Voli low cost e dispositivo utilizzato, un binomio vincente

Voli low cost e dispositivo utilizzato, un binomio vincente

Quale dispositivo utilizzate per prenotare un volo low cost? Leggi il post per conoscere le variabili che rendono le nostre ricerche più efficaci portandoci a risparmiare.

di , | News

Booking.com

Come la nostra insaziabile fame di viaggi non finisce mai, allo stesso modo non finiscono mai i modi utilizzati per pagare un po’ meno, in modo da avere comunque la nostra vacanza da sogno, ma al prezzo che siamo disposti a pagare.
Mentre cercavamo in rete come risparmiare soldi nel prenotare voli low cost, ci siamo imbattuti in una ricerca, secondo cui il dispositivo utilizzato per la prenotazione, inciderebbe sulla tariffa.

Come prenotare low cost: tre variabili

Procediamo per gradi. Tutto è iniziato su un volo per New York, quando un consulente della rivista Harvard Business Review si rende conto che la tariffa per lo stesso identico hotel visualizzata sul suo laptop è più alta di quella visualizzata su di un’app sul suo Iphone. Allorchè fa provare anche una sua amica che gli è seduta di fianco, e sulla stessa app, appare un altro prezzo ancora, maggiore rispetto al precedente.

Con questa introduzione vogliamo quindi rapportarci a voi, a ciò che è accaduto quando abbiamo provato anche noi a verificare la variabilità dei prezzi, non per mancanza di fiducia, ma per pura curiosità. Nel fare ciò abbiamo tenuto conto, ed anche voi dovreste se volete provarci, di tre variabili: quale device viene usato per la prenotazione (laptop, app o internet sullo smartphone); quale sistema operativo viene usato e da ultimo la geo localizzazione.

Nel corso del tempo vi abbiamo dato consigli dalle pagine di questo blog su come trovare il prezzo più basso in rete, tenendo conto di piccoli accorgimenti, come la partenza infrasettimanale, gli orari, e soprattutto i periodi di bassa stagione.
Sappiamo che come per ogni prodotto, avviene prima l’identificazione delle preferenze, in modo tale da proporci offerte mirate.

A me è capitato che dopo aver acquistato libri online, continuando a navigare, apparissero nei banner pubblicitari indicazioni su testi simili. Senza scendere troppo in tecnicismi e formule matematiche, sappiamo che dietro la rete esistono algoritmi piuttosto complessi, pertanto ci siamo affidati alla pura osservazione delle tariffe.

Per farlo abbiamo messo a confronto i risultati di tre dispositivi, quelli in mio possesso, per confutare la teoria. Sul tavolo a confronto un computer con sistema operativo Windows 8, un tablet con sistema operativo Android, ed uno smartphone con sistema operativo Windows 10. Dalla geo localizzazione si trovano nell’area della città metropolitana di Roma.

Ricerca voli low cost: esempio pratico

Come destinazione abbiamo scelto l’Islanda, nota per essere molto cara. Periodo della partenza, secondo la disponibilità di date, febbraio 2018, da martedì 6 a sabato 10, quattro giorni quindi, mese di bassa stagione per questa località. Filtro, voli con scalo e voli diretti.

Ho ripetuto l’osservazione in tre giorni diversi, in tre orari diversi, spostandomi dalla provincia al centro città. Vi riporto quanto annotato, tenendo presente che le tariffe già di per sé subiscono modifiche da un giorno all’altro, riporterò solo l’ultima. Per ciò che concerne la provincia, ho notato una variabilità di prezzo traducibile in un + 14% tra laptop e tablet, dove la tariffa più alta è apparsa sul tablet. Sullo smartphone la tariffa è rimasta invariata.
A ciò quindi che già sapevamo: giorno della settimana, posto corridoio o finestrino, voli con scalo, d’ora in poi terremmo in considerazione anche il dispositivo utilizzato in quel momento, il sistema operativo e la geo localizzazione.

Booking.com

© 2017 - Riproduzione riservata