Cosa fare a Reggio Emilia: mini guida

Mini guida di Reggio Emilia

Una mini guida della città di Reggio Emilia per sapere sempre cosa fare, dove mangiare e come divertirsi, low cost, nella bella città dell'Emilia Romagna.

di , | Mini Guida

Reggio Emilia è una delle cittadine di origine romana nate lungo la via Emilia, non è molto conosciuta a livello turistico, probabilmente anche per la vicinanza di centri più famosi come Parma e Modena. Nonostante questo però è un luogo pieno di vita e di storia: il centro storico non è molto grande e in tutto si percepisce la tipica atmosfera emiliana; basta una giornata per visitarla, anche se le cose da vedere e da fare non mancano, soprattutto in occasione dei molti eventi che ne animano il centro storico.

Piazza dei Teatri Reggio Emilia

Come arrivare

Reggio Emilia i può raggiungere molto facilmente in treno sia con i Regionali che percorrono la linea Milano – Bologna – Ancona, ma anche con gli Intercity e Frecciabianca  che arrivano, oltre che dai capoluogo lombardo, anche dalla costa adriatica o da Roma; la stazione ferroviaria si trova a due passi dal centro, per cui non sarà necessario nemmeno utilizzare mezzi pubblici dopo essere arrivati. La recente stazione Mediopadana dell’Alta Velocità invece si trova a pochi km di distanza ed è ben servita da navette o anche da trenini locali: qui arrivano i Frecciarossa ed Italo provenienti da Milano o da Napoli-Roma.

Stazione AV Mediopadana

Chi si muove in automobile, durante la settimana, può parcheggiare in uno dei numerosi parcheggi scambiatori, dai quali poi si può prendere il Minibù, un bus gratuito (bisogna posizionarsi con l’auto davanti alle colonnine per ritirare i biglietti) che porta fino in centro. Nel weekend o la sera si sono tanti i posti gratuiti disponibili anche nel centro, di solito non è difficile trovare parcheggio: per organizzarsi in anticipo il sito Reggio Parcheggi fornisce tutte le informazioni utili.

Cosa Fare

Se non si ha molto tempo o ci si vuole godere una bella giornata di sole a Reggio si può semplicemente passeggiare e vedere le sue belle piazze:

  • Piazza Prampolini (o Piazza del Duomo) dove si trovano il Duomo dedicato a S. Maria Assunta, che ha una bellissima e particolare facciata incompiuta, metà cinquecentesca e metà romanica, con una grande statua in bronzo dorato della Madonna col Bambino, ed Municipio con la famosa Sala del Tricolore dove negli ultimi anni del XVIII secolo è nata la bandiera italiana.
  • Piazza San Prospero (o Piazza dei Leoni) si trova accanto a quella appena citata e prende il nome dalla Basilica che vi si affaccia, dedicata al patrono della città, caratterizzata da un presbiterio ed una cupola affrescati di grande impatto.
  • Non molto distante si trova anche Piazza Fontanesi, una sorta di salottino verde all’aperto, su cui si affacciano numerosi locali e ristoranti che nella bella stagione ne occupano gli spazi con i tavolini; questo è decisamente uno dei posti più suggestivi in cui rilassarsi sulle panchine o fare un aperitivo.
  • Tornando nella parte più centrale, attraversando via Emilia, sul lato nord si trova quella che viene chiamata Piazza dei Teatri, che in realtà è l’insieme di più piazze (Piazza della Vittoria, Piazza Martiri del 7 Luglio, Piazza XXV Aprile) e vie su cui si affacciano i tre teatri della città: lo scenografico Teatro Municipale Valli, il Teatro Ariosto e il Teatro della Cavallerizza.

Piazza dei Teatri Reggio Emilia

Di luoghi da visitare, che siano musei o semplicemente chiese e palazzi, ce ne sono veramente tanti, spesso nascosti e non molto conosciuti. Gli edifici sacri più importanti sono quelli già citati, a cui bisogna affiancare anche il bellissimo Tempio della Beata Vergine della Ghiara, che si trova in Corso Garibaldi e merita una visita in particolare per i suoi interni sontuosamente decorati con dorature, marmi ed affreschi.

Per quanto riguarda i musei ci si può fare un’idea di quel che si trova in città visitando il sito web dei Musei Civici, tra i quali si hanno il nuovo Palazzo dei Musei, da poco restaurato e che include collezioni di zoologia, botanica, etnografia, archeologia e tanto altro, la Galleria Parmiggiani con la sua collezione ottocentesca di dipinti, mobili, tessuti, oggetti d’antiquariato e armi ed il Museo del Tricolore.
Gli amanti dell’arte contemporanea invece avranno pane per il loro denti alla Fondazione Maramotti, che si trova vicina al centro e dove sono riunite molte opere che hanno visto la luce tra il 1945 ed oggi. Le esposizioni temporanee invece la fanno da padrone a Palazzo Magnani dove si trova sempre una mostra ad occupare questi spazi, utilizzati anche per attività culturali di vario genere.

Spazio Gerra Fotografia Europea

L’occasione migliore per godersi Reggio Emilia però è tra maggio e giugno, quando il centro è interamente invaso da un evento che di anno in anno sta diventando sempre più bello, ben organizzato e coinvolgente: la Fotografia Europea. Durante questo periodo tanti edifici del centro, come gli scenografici Chiostri di San Pietro e la Sinagoga, vengono utilizzati come sedi espositive. Proprio i Chiostri sono protagonisti anche di altre manifestazioni, come il Food Immersion Festival. Un’altra location spesso utilizzata durante la Fotografia Europea e che organizza altri eventi particolari in modo indipendente è anche lo Spazio Gerra.
Per avere una panoramica su tutti gli eventi in città (dai concerti alle sagre, passando per le mostre) vi consiglio di dare un’occhiata al sito Tipo Pocket Magazine, io lo utilizzo spesso ed è davvero utile perché si scoprono iniziative che altrimenti sarebbero rimaste del tutto sconosciute!

Un consiglio invece per gli amanti della lettura è di andare alla Libreria all’Arco: non un negozio qualunque, ma il regno dei libri all’interno di un palazzo antico, con al primo piano un bellissimo pianoforte; quasi ogni settimana vengono anche organizzati incontri e letture con gli autori.

Dove mangiare

In centro a Reggio Emilia non si rischia di certo di rimanere a stomaco vuoto: il primo locale che voglio consigliarvi è di sicuro la Pizzeria Piccola Piedigrotta, che si trova proprio sotto lo Spazio Gerra, accanto alla Piazza dei Teatri, qui si mangia senza dubbio la pizza migliore della città (e a mio parere non solo!), prenotate in anticipo o andateci a pranzo durante la settimana, altrimenti preparatevi ad una lunga fila perché è molto conosciuto ed amato. Un altro punto di riferimento imprescindibile è Melli: un tempo una semplice panetteria di ottima qualità in Piazza San Prospero, ora è diventata anche un locale con tavolini dentro e fuori che lavora dalla colazione al post-cena, qui ci si può fermare sia per un cappuccino che per un pranzo veloce a base di salumi e formaggi, ma anche per un aperitivo a buffet, tutti i prodotti sono di ottima qualità.

Forneria Melli

Se siete in città nel pomeriggio si può prendere un buon gelato genuino e golosissimo alla Cremeria Emilia dove in base alla stagione si trovano gusti differenti; in caso faccia freddo e serva un buon tè caldo le soluzioni possono essere due: il caffè letterario Paguro, dove si trovano anche tante birre particolari, oppure il bar Pietra Nera sotto i portici di via Emilia San Pietro.

Fotografie di Giorgio Galeotti e Giulio Aldini

© 2014 - Riproduzione riservata

Mappa

Mini guida

Torino, cosa fare nel weekend

Cosa vedere a Torino in tre giorni

Un weekend a Torino di 48 ore è un weekend che va dal venerdì sera alla domenica pomeriggio. Il modo migliore per vedere la città al completo,...

Meteo

Italia
C
% humidity
wind:
H • L

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!