Slovenia e vini, tour nelle migliori aziende vinicole del paese

I migliori vini della Slovenia, tour nelle aziende vinicole

I migliori vini della Slovenia, tour nelle aziende vinicole

Un tour alla scoperta delle migliori aziende vinicole della Slovenia, a partire dalla zona confinante con l'Italia fino a quella dove ci sono meno viti ma qualitativamente migliori, confinanti con l'Ungheria.

di , | Dove Mangiare

Booking.com

Quando si parla di zone vinicole, il pensiero corre automaticamente alla Toscana, al Friuli, oppure alle grandi regioni della Francia. Più raramente si pensa magari alla California, o all’Australia, i cui vini sono diventati molto di moda soprattutto negli ultimi anni e che sono senz’altro favorite da un clima che ben si presta alla coltivazione della vite. C’è però un altro Paese che ha delle grandi regioni produttrici di vino, e per di più è davvero a due passi dall’Italia: la Slovenia.

slovenia-wine-tasting

La Slovenia non è certo la scelta più scontata quando si tratta di un viaggio a carattere enologico, ma a torto! Ci sono infatti diverse regioni incantevoli da visitare, e molto interessanti se si vuole approfittare di degustazioni e assaggi. In più sarà uno di quei viaggi in cui non avrete il problema di pensare a cosa portare agli amici come regalo! Una buona bottiglia di vino è (quasi) sempre un pensiero molto gradito.

Queste sono le tre zone che vi consiglio di visitare se vi doveste trovare nei paraggi!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Valle del Vipacco

La valle del Vipacco, che prende il nome dall’omonimo fiume, noto affluente dell’Isonzo, si trova a pochissima distanza dal confine italiano. Si estende infatti dalla piana di Gorizia fino ad arrivare nel cuore della Slovenia centrale, e grazie al suo panorama suggestivo è una meta molto ambita anche dagli amanti dell’escursionismo.
Oltre ai noti Chardonnay, Sauvignon, Merlot e Cabernet, vengono prodotte delle ottime varietà di vino autoctone come lo Zelen o il Pikolit, un vino dolce e molto apprezzato, particolarmente adatto ad accompagnare dessert di ogni tipo.

slovenia-vino
Il clima particolarmente favorevole aiuta anche la coltivazione di tantissimi tipi di frutta. Il mio consiglio spassionato è quindi, tra un bicchiere e l’altro, quello di provare anche i vari tipi di succhi di frutta artigianali che vengono generalmente confezionati nelle stesse aziende agricole che producono anche il vino. In particolare, il mio preferito è il succo di pesca fatto con le pesche del Vipacco. Assaggiatelo e non ve ne pentirete di sicuro.

slovenia-goriska-brda

Goriška Brda

Proprio come la città di Gorizia, storicamente divisa in due tra territorio italiano e sloveno, anche il Collio goriziano è rigorosamente in “condivisione” con i nostri vicini. Brda, infatti, altro non è che la traduzione letterale di “Collio”, e indica quindi semplicemente le zone di questo territorio coltivate oltreconfine.
Per quanto riguarda i rossi, anche qui, come nella Valle del Vipacco, i vini più diffusi sono Merlot e Cabernet Sauvignon,  ma la zona è nota soprattutto per i suoi bianchi: Pinot Bianco e Pinot Grigio, Chardonnay e soprattutto la Ribolla.

slovenia-prodotti-tipici
I piccoli agriturismi e le osterie sono numerosissime: a seconda del vostro itinerario e di quello che vi piacerebbe visitare nei dintorni, potreste creare la vostra personalissima Strada del Vino e fermarvi per un bicchiere e per assaggiare qualche specialità del luogo. Qualsiasi itinerario voi scegliate, le possibilità di pause enogastronomiche di certo non mancheranno.

slovenia-podravje

Podravje

Sulla sponda opposta del Paese, ovvero a nord-est, vicino al confine con l’Ungheria, troviamo invece la regione vinicola più estesa di tutta la Slovenia. Pur non essendo quella che vanta la maggior produzione a livello di volume, è però senz’altro quella che produce le qualità più pregiate.
In questa regione sarà facile trovare agriturismi ed aziende agricole storiche a conduzione familiare che si tramandano il loro savoir faire di generazione in generazione. Saranno senz’altro ben liete di ospitarvi e di farvi scoprire i luoghi in cui nascono i loro vini. La maggior parte di loro, tra l’altro, offrono ormai anche sistemazioni per la notte, quindi potrebbero rivelarsi degli ottimi posti dove fermarsi per  fare una tappa, ad esempio durante un viaggio itinerante, anche in considerazione del fatto che sono spesso delle soluzioni davvero low-cost.
Anche in questa regione le varietà di vitigno più diffuse sono senza dubbio quelle a bacca bianca: tra gli imperdibili possiamo contare il Traminer, il Sylvaner, o ancora il Šipon.

Booking.com

© 2016 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Roma tutta a piedi

Roma a piedi cosa vedere in tre giorni

Pensare ad una guida low cost a Roma in 48 ore, è stato abbastanza difficile. Potrei essere scontata su alcuni aspetti, ma vedere Roma in un weekend...