Gelato a Roma fai da te, 3 posti da non perdere

3 posti dove gustare il gelato a Roma, fai da te

3 posti dove gustare il gelato a Roma, fai da te

di , | Dove Mangiare

Booking.com

sweety

Scegliere la coppetta o il cono, riempirla di gelato al gusto che si preferisce, decorarla con gustosissime praline di copertura, aggiungere cialde, glasse, cereali, biscotti, barrette di cioccolato, dare un’ultima spruzzata di nutella o succo di amarena e magari finire con qualche pezzo di fragola fresca o scaglie di cioccolato fondente. Alla fine non resta che ammirare la propria creazione e pagarla per il suo peso.

La mania del gelato fai-da-te sta spopolando a Roma e dintorni e bisogna ammettere che è davvero divertente creare il proprio dessert lasciando sbizzarrire la propria fantasia. Alcune gelaterie propongono guarnizioni sempre diverse, altre gusti che cambiano a seconda dei giorni, in ogni caso è quasi impossibile non fotografare la propria creazione prima di gustarla con soddisfazione.

Ecco tre posti dove sperimentare la vostra abilità di gelatai creativi ed assaggiare il vostro gelato fai-da-te a Roma e dintorni:

Sweety (Via del Biscione, Campo de’ Fiori):

In pieno centro, Sweety è stato il pioniere di questo business, c’è un po’ di fila da fare, sia per la zona centralissima e gettonatissima, sia perchè i gusti sono di più e sono molte le possibilità di guarnire la propria creazione anche con varie creme e diversi tipi di biscotti al cioccolato che la renderanno golosa all’inverosimile. E’ possibile scegliere anche la misura della coppetta. Da poco ha aperto anche un nuovo negozio in via Flaminia 492, Ponte Milvio.

Selfie (Via Tuscolana 681):

Da Selfie, neanche a dirlo, il selfie la fa da padrone. Sia per quanto riguarda il gelato, sia per quanto riguarda gli ormai famosissimi autoscatti ormai entrati nel linguaggio comune. Questa gelateria fai-da-te è molto fornita di guarnizioni, cereali da mettere come top, offre la possibilità di scegliere la dimensione iniziale della coppetta (è molto facile farsi prendere la mano e trovarsi alla cassa con una creazione di quasi mezzo chilo di gelato, attenzione!) e spesso organizza dei concorsi legati alla possibilità di scattare una foto al gelato appena creato. Il premio, naturalmente, è un gelato fai-da-te!

Yo Self (Albano Laziale):

Per una gita ai castelli, il gelato di Yo Self, o meglio lo yogurt, dal nome, è un’ottima proposta per una sosta gustosa e divertente. I gusti non sono molti, ma sia quelli alla frutta che quelli al cioccolato sono davvero buoni. Come in tutte le gelaterie fai-da-te il gelato viene prodotto al momento in cui il cliente tira giù la leva ed è leggermente meno freddo di quello di una gelateria tradizionale, quindi ha una consistenza più morbida. Forse è la gelateria con meno possibilità di guarnizione al momento, (anche se sono comunque molte!) ma allo stesso tempo anche la più economica. Inoltre le novità sono sempre dietro l’angolo, come ad esempio le cialde tricolore disponibili durante il periodo dei mondiali di calcio ed è possibile scegliere di mangiare il gelato nella coppetta o nel cono.

Booking.com

© 2014 - Riproduzione riservata

commenti

Questo nuovo tipo di gelaterie (nuove da noi, ma, come al solito, copiate da oltre oceano) sono il contrario esatto delle buone gelaterie ( ce ne sono ancora per fortuna), dove si può mangiare un buon gelato artigianale italiano, dove ogni gusto ha il suo sapore e qualche parentela con il latte vero, le uova vere, la frutta, secca e non, vera ecc..
In questi nuovi locali invece i gusti del gelato sono pochi, e si tratta di quelle robe collose e pannose di sapore incerto e colore artificiale, poco distinguibili l’uno dall’altro e, quanto alle guarnizioni, sono costituite da tutto ciò dal quale devono essere tenuti lontani soprattutto i bambini, tantopiù se già un po’ in carne, perchè, in sostanza, si tratta di pezzi di tutte le merendine e le barrette e gli snack variamente cioccolatosi e iper zuccherosi in commercio, caramelline, granelle, cereali vari da prima colazione, confettini, zuccherini, nutelle, sciroppi, un trionfo di coloranti e conservanti………..e ti ritrovi alla cassa con un gelato da almeno 10 €uro, gusto stucchevole e 10.000 calorie!

nika

luglio 1, 2014 | Rispondi | report

Rispondi

Mini guida

48 ore a Roma tutta a piedi

Roma a piedi cosa vedere in tre giorni

Pensare ad una guida low cost a Roma in 48 ore, è stato abbastanza difficile. Potrei essere scontata su alcuni aspetti, ma vedere Roma in un weekend...