Dove mangiare a Catania: FUD, bottega sicula Catania

Fud a Catania, dove mangiare l’hamburger

Fud a Catania, dove mangiare l’hamburger

di , | Dove Mangiare

Booking.com

shek-fud

Di sabato a Catania, a pranzo, c’è poco di aperto. Camminando dal nostro albergo, l’Hotel Katane Palace verso il centro ci siamo imbattuti nel grande mercato che si trova dalle parti di via via Etnea. Gironzolando ancora un po’ siamo arrivati in Via Santa Filomena, un posto di ristorantini carini e sfiziosi. Purtroppo anche qui diversi erano chiusi, ma qualcuno era aperto per fortuna, ed è così che ho conosciuto FUD, Bottega Sicula Catania.

Fud si trova al numero 35 di Via Santa Filomena e lo vedrete subito perché sono diversi i tavolini che si trovano poco fuori dal locale. Quando non è troppo freddo in tanti preferiscono sedersi fuori dal ristorante. All’interno sarete invece accolti da tavolate “comuni”, dove mangiare gomito gomito con altre persone, ma non solo. Chi preferisce può sempre mangiare al banco, oppure per i più fortunati ci sono anche dei tavolini per due e per quattro, ma non ce ne sono molti, devo essere sincera. Una lunga tavolata si trova al centro della sala principale e sulle pareti disegni e scritte, una sorta di menù gigante disegnato e colorato.

Nel menù si trovano hamburger e patate, ma anche insalate. L’hamburger che viene meno è anche il più semplice, l’Am Burger che viene circa 5,90€, poi si passa al Cis Burger a 6,70€, il Pork Burger a 7,60 e così via. Io ho assaggiato il Shek Burger a 8,90€ fatto con carne di asino, zucchine alla griglia, provola, mozzarella di bufala, cipolla e maionese: una vera bomba. Devo essere sincera, non sono riuscita a mangiarlo senza le posate, era troppo grosso e qui dovete chiederle perché non ve le portano. Le patate sono anche queste molto particolari. Infine potete volendo anche ordinare le pizze, che però devo essere sincera non ho assaggiato.

I prezzi sono un po’ alti, è vero, ma fidatevi che con un pranzo così sarete a posto per tutto il giorno! All’interno del locale si trova anche il wifi per chi proprio senza telefono non riesce a stare nemmeno 10 minuti.

Unica nota dolente, il personale. Un po’ troppo frettoloso, anzi no, pressante. Un continuo chiedere se si vuole altre e se si ha finito. Diciamo un po’ troppo, mettono ansia e fretta e alla fine si ha voglia di andare via, anche perché si viene un po’ invitati. Peccato. Se andate via per la fretta o perché non ne potete più delle “pressioni”, vi ricordo che a pochi passi si trova la Pasticceria Savia, dove un cannolo siciliano non ve lo toglie nessuno ;)

Booking.com

© 2014 - Riproduzione riservata

Rispondi

Mini guida

Palermo: cosa vedere in 3 giorni

Palermo: cosa vedere in 3 giorni

Se Palermo si potesse descrivere in una sola parola, quella parola sarebbe “contrasto”. Contrasto tra vecchio e nuovo, tra antico splendore e...