Consigli per un viaggio di 15 giorni in Nepal

Viaggio in Nepal, esperienza di vita di un tour di 15 giorni

di , | Dove Dormire

Il Nepal non è soltanto la casa del monte più alto del mondo, l’Everest o Sagarmatha per i nepalesi. Questo piccolo stato al centro dell’Asia, senza sbocchi sul mare, chiuso tra l’India e il Tibet cinese, vanta in realtà innumerevoli climi ed ambienti naturali. Visitarlo ed immergersi nelle due culture profondamente diverse nepali e sherpa è senza dubbio un’esperienza di vita che un viaggiatore non dovrebbe farsi mancare. Un tour di 15 giorni in Nepal è molto conveniente. Vi spieghiamo come organizzarlo nel migliore dei modi.

Il periodo ideale per organizzare un viaggio in Nepal è quello che va da Maggio a Luglio e da fine Settembre a metà Novembre (i primi quindici giorni di Ottobre coincidono con i festeggiamenti del Dasain; tutti i nepalesi sono in strada ed è uno spasso perdersi tra i loro riti).

Il segreto del primo modo di risparmiare sta nella scelta dei voli. Da Roma e Milano c’è l’imbarazzo della scelta. Le compagnie che vi proponiamo sono queste: Etihad Airways (scalo ad Abu Dhabi), Qatar Aiways (scalo a Doha), JetAirways (scalo a New Delhi). Quest’ultima è una compagnia aerea indiana privata che offre i prezzi migliori e un’ottima qualità. Anche per il Nepal vale lo stesso ragionamento di sempre nella prenotazione dei voli: prima acquistate e meglio è. Se siete orientati ad andare nel mese di Ottobre, cercate di scegliere l’andata verso gli ultimi giorni di Settembre. Potrete così risparmiare anche 100,00€. Sui maggiori siti di booking online per un’andata/ritorno Roma-Kathmandu ve la potrete cavare con poco più di 800,00€.

Il visto di ingresso si ottiene direttamente all’arrivo in aeroporto (Tribhuvan di Kathmandu) e costa 25 dollari per 15 giorni; 40 dollari per 16-30 giorni e 100 dollari per 2-3 mesi. Portate con voi due fototessere e, ovviamente, il passaporto.

Siamo alla fase della scelta dell’itinerario. Comprate una guida cartacea o in e-book del Nepal, girovagate in rete e abbozzate un tour. La Valle di Kathmandu, che comprende anche la splendida Bhaktapur (ancora più caratteristica della capitale) è sicuramente da vedere tutta: Changu Narayan, Pashupatinath, Patan, Vajrayogini, Bodnath e chi più ne ha più ne metta. Potete pensare di immergervi nel Parco del Chitwan comodamente rilassati sul dorso di un elefante o visitare Lumbini, il luogo dove nacque Buddha. Potete volare per Pokhara e lasciarvi rapire dall’altezza dell’Annapurna (8.091 mt) o dirigervi a Sud-Est verso Lukla (uno degli aeroporti più pericolosi al mondo con pista di atterraggio in salita) per andare incontro alla montagna più sacra per i nepalesi, l’Everest (8.848 mt).

Se avete l’imbarazzo della scelta vi veniamo in soccorso noi di Viaggi Low-Cost. Vi proponiamo di fare base da Francesco, un milanese-nepalese che da qualche anno ha aperto un piccolo hotel a Bhaktapur e funge da tour operator. Il Nepal Planet è un crocevia di esperienze di viaggio, una famiglia più che un hotel. Fidatevi di lui. Vi ascolterà (via mail) e organizzerà per voi un tour curando ogni minimo dettaglio: dai trekking a semplici itinerari turistici, passando per traversate di giorni in bus per arrivare in Tibet.

Il costo della vita in Nepal è molto basso: potrete cenare con l’equivalente dei nostri 5,00€ ed acquistare una giacca a vento di marca anche con 50,00€. La cucina nepalese, infine, varia molto. Il dal bhat (lenticchie e riso) è il piatto per eccellenza; nelle zone himalayane, invece, vi segnaliamo i momo (ravioli fritti o al vapore ripieni di carne, verdura o formaggio). Vi consigliamo di assaggiare il tè e lo yogurt di yak. Se state già pensando a cosa riportare dal Nepal alle persone care e ai vostri amici non avrete dubbi nello scegliere una calda pashmina di cashmere (queste sì che se le fanno pagare!). Buon viaggio!

Ente Turismo del Nepal: http://www.welcomenepal.com
Quotidiano nepalese: http://www.thehimalayantimes.com/

© 2012 - Riproduzione riservata