Lampedusa dove dormire, la recensione del Villaggio la Roccia

Villaggio La Roccia a Lampedusa, dove dormire

Villaggio La Roccia a Lampedusa, dove dormire

La recensione del Villaggio la Roccia di Lampedusa, un'oasi verde di pace e tranquillità con ottime sistemazioni, buona accoglienza e un ristorante che si affaccia sul mare.

di , | Dove Dormire

Booking.com

L’isola di Lampedusa ha un buon sistema di ricettività, con una trentina di hotel, altrettanti residence e circa 10 club. Senza contare le case che si possono affittare nelle consuete reti di privati come Airbnb. La maggior parte delle strutture si trovano in città, o nelle vicinanze delle spiagge più vicine al centro abitato (Cala Guitgia, Cala Madonna).

Superato il paese comincia il tratto disabitato dell’isola, ai cui margini si trova proprio l’unico campeggio /villaggio dell’isola, chiamato La Roccia. La mia scelta è caduta ancora una volta su un campeggio, anche se non era possibile per me portare la tenda e l’attrezzatura con l’aereo.

entrata

Mi è piaciuto subito il fatto che sul sito si descrivessero come oasi di verde e area alberata praticamente unica dell’isola, come campeggio attento all’ambiente: acqua calda ricavata dall’energia solare, raccolta differenziata dei rifiuti; inoltre promettevano di prendersi cura della tranquillità degli ospiti. Il villaggio dalla strada principale degrada lentamente verso il mare e ha accesso a una deliziosa cala di roccia bianca, Cala Greca, che costituisce anche l’inizio dell’area marina protetta dell’isola.

Siccome sono una campeggiatrice, i miei bisogni in quanto a comfort sono abbastanza essenziali, alcuni aspetti però sono irrinunciabili: mi interessa essere a contatto con la natura, avere tranquillità e il necessario spazio vitale.

Le proposte di ospitalità del Campeggio La Roccia erano varie, dalla semplice piazzola alla roulotte in affitto, al bungalow in legno al monolocale in pietra. Quindi la nostra scelta è caduta sul monolocale, realizzato con la stessa pietra locale di cui sono fatti i dammusi, le tipiche abitazioni di Lampedusa.

Il prezzo a notte, nel mese di luglio, era di 65 euro. Le costruzioni sparse sotto gli alberi hanno varie metrature, il mio era composto da una camera con letto matrimoniale, angolo cucina e bagno con doccia calda. All’esterno avevo a disposizione una tettoia sotto la quale si trova il tavolo per mangiare e un angolino relax con due lettini, da cui si poteva vedere il mare.

Un particolare importante: anche se siamo all’altezza di Sousse, in Tunisia, sull’isola il caldo è assolutamente sopportabile grazie alla continua ventilazione. Nelle camere ci sono comunque le pale che aiutano nelle notti più calde.

Anche il personale del campeggio – Karla e Angelo – è molto amichevole, dispensa consigli e suggerisce attività che ci sono ma non sono nè invadenti nè forzate: sedute di yoga oppure trekking all’alba sui sentieri che uniscono le varie cale della costa meridionale dell’isola.

Come altre strutture ricettive dell’isola anche il Campeggio la Roccia dà la possibilità di acquistare pacchetti, comprensivi di soggiorno e volo, i pacchetti vanno da sabato a sabato. Il vettore aereo da Bologna è stato per me Neos; tutti i collegamenti da e per l’aeroporto sono assicurati dal pulmino del campeggio.

L’ultimo (ma solo perché l’ho scoperto alla fine) grande lato positivo del Campeggio La Roccia è il ristorante, con una grande terrazza panoramica sul mare e un menu di pesce vario.

grigliata
Se ci andate, privilegiate la serata del venerdì, quando per 20 euro viene servita la meravigliosa grigliata di pesce pescato secondo la stagione.
Pesce freschissimo e cotto a perfezione, la principale risorsa dell’isola, per mettersi nel piatto tutto il sapore del limpido, ricco, incantevole mare di Lampedusa.

Booking.com

© 2015 - Riproduzione riservata

Recensione

Un'oasi verde dove rilassarsi e godersi l'isola di Lampedusa. La sistemazione è particolarmente consigliata a chi ama il contatto con la natura e vuole vivere un'esperienza di mare in modo diverso, lontano dai soliti hotel e residence.

5/5

Mini guida

Palermo: cosa vedere in 3 giorni

Palermo: cosa vedere in 3 giorni

Se Palermo si potesse descrivere in una sola parola, quella parola sarebbe “contrasto”. Contrasto tra vecchio e nuovo, tra antico splendore e...