Vacanza nei masi di montagna in Alto Adige - Viaggi Low Cost

Vacanza nei masi di montagna in Alto Adige

Vacanza nei masi di montagna in Alto Adige

di , | Cosa Fare

Booking.com

bergbauernhof-suedtirol

Desideri mollare tutto per un po’ e partire da sola? Hai bisogno di ritrovare te stessa? Vuoi scostarti dalla frenesia del quotidiano e riprendere i ritmi della natura?

Tante sono le soluzioni offerte oggi tra viaggi di volontariato, tour in gruppo, crociere su caicchi o barche condivise, ma una sola è davvero novità: essere ospiti-volontari presso i masi di montagna in Alto Adige.

Una vacanza che forse non si può definire proprio tale. E’ più una pausa dalla quotidianità: è l’opportunità di vivere in un maso di alta montagna isolato dai centri abitati in cui il tempo scorre dal sorgere al calar del sole, in cui si lavora sempre ma con i ritmi della natura, in cui non ci sono nè tv nè stress digitale, in cui viene offerto di dare una mano ai contadini nello svolgimento delle loro attività stagionali!

L’incontro con la famiglia, un pasto veloce, una passeggiata breve intorno al maso sono i primi momenti di incontro e conoscenza di chi vi ospiterà, per poi -spesso senza troppi preamboli ma con innata cortesia- dedicarsi ai primi incarichi, i lavoretti che anticipano il lavoro vero: l’aiuto in stalla, la raccolta della frutta, la rotazione del fieno, la preparazione dei prodotti caseari, ecc.
Ritmi che si ripetono ogni giorno dalle prime ore dell’alba fino al tramonto, ritmi che lasciano pace, fatiche che trovano la giusta compensazione nell’ora di riposo pomeridiano piuttosto che nel ristoro serale, regolarità, semplicità, tranquillità, integrazione immediata in famiglia.

Il riavvicinamento ai ritmi della natura ha inizialmente un forte impatto per chi non li ha mai seguiti appieno, ma sono sufficienti un paio di giorni per apprezzare e godere di ogni minuto, dell’alba del mattino, delle montagne innevate d’inverno o verdi d’estate, della luce della luna che illumina i paesaggi, del cielo che sembra stellato e immenso più che mai grazie all’assenza di luci artificiali, della vista dall’alto sulle valli sottostanti, delle camminate pomeridiane.

E poi prima di ripartire è facile che la nostalgia per la ritrovata serenità si faccia spazio e renda consapevoli sul fatto che una volta ritornati in città non si possano più seguire appieno i ritmi della natura.

Una vacanza rigenerante. Da ripetere. Al bisogno.
Senza dimenticare che oltretutto è volontariato. Ricco di benefici personali.

Booking.com

© 2013 - Riproduzione riservata

commenti

Esperienza fatta lo scorso mese di gennaio, giuro che lascia il segno!!

lafede

agosto 6, 2013 | Rispondi | report

Rispondi

Mini guida

Tour di 48 ore nell’Alta Valmarecchia riminese

Cosa vedere in Valmarecchia

Un tour di 48 ore nell’Alta Valmarecchia, tra boschi, storia, arte e naturalmente la gastronomia. La valle del Marecchia, dove scorre...