Itinerario in Toscana tra shopping, outlet e gastronomia

Toscana: 5 tappe per un tour culturale e di shopping

Toscana: 5 tappe per un tour culturale e di shopping

di , | Cosa Fare

Booking.com

outlet

Se ti piace viaggiare, scoprire, assaporare i gusti e le tradizioni di una terra nuova e a tutto questo non dici do ad un po’ di shopping, ecco un itinerario in Toscana che ho appena provato e che mi va di raccontarti. Innanzitutto ti dico da dove sono partita io, da Rimini. Un viaggio di un paio d’ore in macchina, per attraversare parte della Romagna e arrivare in Toscana. Un percorso a più tappe, per la precisione cinque, che mi sono promessa di raccontarti qui per darti la possibilità di fare lo stesso percorso, o uno simile se credi più appropriata a te.

1. Anghiari

Sono partita da Rimini intorno alle 9, mi sono fermata a fare colazione con calma e sono andata dritta verso Anghiari, un piccolo paese in Toscana e precisamente nella Valtiberina. Famosa per la Battaglia di Anghiari, tra l’altro rappresentata da Leonardo da Vinci in n affresco andato purtroppo perduto, Anghiari è anche uno dei Comuni più Belli d’Italia. Se si vuole fare un percorso storico e artistico poi, c’è solo l’imbarazzo della scelta, a partire da Piero della Francesca che in tantissime delle sue opere rappresenta la Valtiberina. Tra queste, se vi è capito di vederlo a Londra, Il Battesimo di Cristo, dove dietro i personaggi in evidenza, spunta il fiume Tevere.

2. Monterchi Madonna del Parto

Nel Comune di Monterchi, sono andata per un solo motivo (sì lo ammetto), per vedere la Madonna del Parto. Nel piccolo paesino è possibile vedere anche un altro piccolo e curioso museo, il Museo delle Bilance, ma la vera attrazione del posto è la Madonna del Parto di Piero della Francesca. L’affresco si trova nella ex scuola elementare del piccolo paesino e per accedere all’opera, è necessario pagare un piccolo ticket di ingresso, cumulativo con l’ingresso al Museo delle Bilance tra l’altro, di 5,50€ per gli adulti, studenti e gruppi di 4€. Arrivati fino a qui, non perdetevi il piccolo bar e anche ristorante che si trova, guardando la scuola elementare, in alto a sinistra, si chiama Una terrazza in Toscana. Lì su quella terrazza troverete un ristorante molto piccolo, con un menù e una carta dei vini squisita. Se vi trovate a passare per l’ora di pranzo, sedetevi e gustate qualche specialità locale, se invece è solo l’ora del caffè, fermatevi giusto il tempo di una pausa, come ho fatto io, e poi proseguite per l’itinerario.

3. Valdichiana Outlet

Da Monterchi al Valdichiana Outlet Village ci vuole all’incirca un’altra ora di macchina. Una volta arrivati però potrete dare il meglio di voi, soprattutto se siete delle patite di shopping, meglio se low cost, come me! Il Valdichiana offre oltre 4000 parcheggi, quindi arrivare in auto non sarà un problema, e tanti di quei negozi che forse non riuscirete a finire tutto il giro in un pomeriggio. La struttura interna è molto elegante, spaziosa e con un tocco di colore, il che non guasta. Io mi sono concentrata sui negozi che mi “servivano”, quindi Calzedonia per i costumi da mare e Intimissimi. I costumi venivano solo 18€ l’uno! Già che c’ero non mi sono potuta far mancare una tappa deliziosa allo Store della Lind! :D

4. I pici di Forcillo

A davvero 5 minuti di macchina dal Valdichiana Outlet Village si trova la Locanda Forcillo, a Sinalunga. Qui, se siete partiti per questo itinerario di prima mattina, arriverete intorno alle 13. Ricordatevi che la cucina chiude alle 14.45 e che vale davvero la pena venire a pranzare in questo posticino caratteristico. All’ingresso noterete subito che è un posto speciale. All’interno poi, non potrete che confermare questa prima impressione. Piatto forte i pici :) Se non siete in dolce compagnia prendete i pici all’agliata (ovviamente all’aglio), altrimenti ottimi anche i pici ai funghi e i pici al sugo di anatra! Il prezzo è onesto e a servirvi ci sarà “la zia”, una signora non proprio giovane, ma arzilla e sveglia che vi “terrà compagnia” con le sue battute toscane per tutto il pasto.

5. Dormire in Toscana

Questo è l’ultimo punto dell’itinerario che, a dire il vero, non ho provato personalmente. A causa di altri impegni dovevo tornare assolutamente a Rimini la sera stessa, ma ad averlo saputo prima… mi sarei fermata a dormire in Toscana se solo avessi potuto. Uno dei posti in cui potete fermarvi, magari tornando verso Rimini così come ho fatto io, è proprio Monterchi, così da approfittare per cenare a Una terrazza in Toscana. Se invece non dovete andare da quella parte, a Siena, Arezzo, ma anche a Firenze le possibilità di alloggio, anche low cost sono tantissime.

Che dire, vi ho convinto a passare una giornata, o addirittura un weekend a zonzo per la Toscana?

Booking.com

© 2014 - Riproduzione riservata

Rispondi

Mini guida

48 ore a Firenze, weekend low cost in Toscana

Weekend a Firenze? Cosa vedere in tre giorni

Firenze è una delle città più belle d'Italia, una città che i turisti prendono d'assalto ogni inizio primavera fino alla fine dell'autunno e a...