Due giorni a Tivoli, i consigli di viaggio low cost per dormire

Due giorni a Tivoli: cosa vedere, dove mangiare e dove dormire

Due giorni a Tivoli: cosa vedere, dove mangiare e dove dormire

Cosa vedere a Tivoli in due soli giorni, i consigli di viaggio per mangiare bene, dormire spendendo poco e vedere le meraviglie della città laziale, leggi il post.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Tivoli è una piccola cittadina laziale, a due passi dalla capitale, ricca di monumenti e siti da visitare,un piccolo scrigno che racchiude in sé numerosi preziosi gioielli di arte, storia e cultura.

tivoli-cosa-vedere

Di seguito troverete qualche consiglio per mangiare e dormire bene e per godere al meglio dell’offerta culturale dell’antica città latina. Due giorni possono bastare per una visita completa e piacevole, quindi non mi resta che augurarvi buon viaggio.

tivoli

Dove dormire a Tivoli

Per una notte nel centro storico, a due passi dai principali siti di interesse e dal brulicare dello shopping e dei ristoranti, il B&b Antica Torre, in piazza delle Erbe, è assolutamente il posto che stavate cercando. Con 60€ a notte a coppia, si può riposare in una ampia camera matrimoniale con bagno privato, arredata con gusto e colori caldi ( e dotata di tv, wi-fi, cartine e guide turistiche, bollitore ecc..) e si potrà gustare di una buonissima colazione preparata dai gestori molto gentili, che allestiscono il corridoio comune di tutto il necessario. Il b&b, a carattere familiare, è ospitato in una bella costruzione medievale e facilmente raggiungibile a piedi. A questo proposito è bene sapere che il centro della cittadina è a traffico limitato ed è consigliato, per chi arriva in auto, parcheggiare nel grande parcheggio di Piazza Massimo.

tivoli-due-giorni

Dove mangiare a Tivoli

In una fuga di due giorni bisogna scegliere dove fermarsi per cene e pranzi piacevoli. Tivoli pullula di pub e ristoranti, c’è decisamente l’imbarazzo della scelta. Ecco allora due posticini consigliati, il primo per il pranzo e il secondo per la cena.

Ad ENO’ L’Enogastronomia di Tivoli potete trovare ottime delizie da consumare anche in poco tempo in un ambiente semplice e familiare, gestito da giovani simpatici e affabili. Panini e focacce dai gusti più svariati, taglieri e primi piatti tipici. Se si è indecisi basta farsi consigliare dai ragazzi dietro il bancone.

Per una cena informale ma soddisfacente, il Ristorante Pizzeria Da Sandrina, in via Due Giugno, è una buona soluzione. Ottimi i soufflé e molto buona la pizza. Molto piacevole la cena nella piccola corte esterna. Nelle sere dei fine settimana è molto frequentato, soprattutto da gruppi numerosi, consiglio la prenotazione.

tivoli-in-due-giorni

Cosa vedere a Tivoli

La passeggiata fra le vie di Tivoli riserva sorprese architettoniche e storiche. Si respira ancora aria di paese nonostante il grande flusso di turisti e si possono scovare scorci interessanti e piacevolmente fotografabili.

Nella lista dei siti da non perdere ci sono ovviamente Villa Adriana, Villa Gregoriana e Villa d’Este.

Uno dei tesori del FAI, il Parco di Villa Gregoriana è una bellissima esperienza di natura e silenzio, fra percorsi, alberi monumentali e suggestive cascate, il tutto a due passi dal centro storico della cittadina. Visitabile grazie al grande impegno dei donatori e dei volontari del FAI, è visitabile al costo di 6€ (gratuito per i soci della Fondazione) dal martedì alla domenica.

tivoli-lazio

Un grande classico che non delude le aspettative, Villa D’Este è un meraviglioso esempio di architettura e giardino del Rinascimento italiano e figura nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Una visita che si snoda fra sale affrescate, fontane, ampi viali, giochi d’acqua, scalinate e piante di ogni specie; il biglietto è di 8€. Sconsigliato andare la prima domenica del mese (gratuita) perché l’imponente flusso di visitatori impedisce di godere della bellezza della Villa in serenità e calma.

Se si dice Tivoli si dice Villa Adriana, capolavoro voluto dall’imperatore Adriano, costruita fra il 118 e il 138 d.C., è visitabile per 40 ettari dei 120 originari. Fra vasche d’acqua, ulivi, muri in laterizio, affascinanti rovine, reperti, tratti di antiche pavimentazioni e scorsi suggestivi, il percorso turistico si rivela un vero e proprio tuffo nel passato. Si respira storia e si respira vita che fu. Un toccasana per archeologi, architetti, storici e appassionati. La grandezza e la maestosità del luogo tolgono il fiato, si esce dalla visita inebriati di gioia e stupore. Una tappa assolutamente inevitabile, di quelle che ti riempiono il cuore e la mente (..e la macchina fotografica).

Booking.com

© 2016 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Roma tutta a piedi

Roma a piedi cosa vedere in tre giorni

Pensare ad una guida low cost a Roma in 48 ore, è stato abbastanza difficile. Potrei essere scontata su alcuni aspetti, ma vedere Roma in un weekend...