Surf in Australia, 10 consigli per prenotare e per portare le attrezzature

10 consigli per fare surf in Australia

10 consigli per fare surf in Australia

Dieci consigli per fare surf in Australia: i consigli pratici, le informazioni tecniche, i pericoli a terra e in acqua, i rips e tante altre curiosità ancora, solo per i veri amanti del surf.

di , | Cosa Fare

È una delle mete più desiderate e ambite. Per raggiungerla bisogna andare letteralmente dall’altra parte del Mondo. L’Australia è una di quelle destinazioni che non ha paragoni con panorami mozzafiato e animali rari che trovi solo li o allo zoo.

Descrivere tutte le cose belle da vedere in Australia sarebbe troppo facile, il web ne è pieno. In questo articolo vorrei dare 10 consigli e raccomandazioni per chi decidere di intraprendere questo viaggio.

In alcuni punti potrei sembrare catastrofico ma voglio solo metterti al corrente di quello che potresti trovare, per permetterti di prendere le dovute precauzioni.

Iniziamo dal volo

Dopo avere effettuato prenotazioni, stabilita la road map, si arriva in aeroporto pronti ad affrontare un viaggio che dura mediamente tra le 20 e le 25 ore, quasi sempre con almeno uno scalo. Quindi portati qualcosa per passare il tempo, un libro è spesso una soluzione che non disturba i vicini.

In alternativa ascoltando musica, guardando film o giocando con tablet o smartphone (con le cuffie), il tempo dovrebbe passare velocemente. Dormendo poi il tempo ”vola”.

Ogni tanto ricordati di alzarti e fare due passi, per sgranchirti le gambe.

Occhio alle stagioni

Ricorda che l’Australia è nell’emisfero australe, quindi le stagioni sono invertite. L’estate è da dicembre a febbraio, l’autunno da marzo a maggio, l’inverno da giugno ad agosto e la primavera da settembre a novembre.

Per la posizione in cui si trova, l’Australia è attraversata da due zone climatiche, la parte nord è tropicale quindi calda, mentre quella a sud è temperata, con la temperatura che varia nelle stagioni e la notte.

Il sole scotta

Attenzione ai raggi solari, molto forti sia sulla costa che nelle zone interne, quelle desertiche per capirci.

Metti in valigia una buona crema solare, almeno un cappello e vestiti leggeri. Bevi molto per compensare i liquidi persi ed evitare la disidratazione.

Pericoli in acqua

Arrivati sulle spiagge australiane, sia che tu voglia fare un bagno sia che tu sia lì per surfare, devi fare attenzione agli animali che potresti incontrare, tra squali e meduse urticanti. Gli attacchi di squali sono rari, ma è sempre meglio non rischiare.

L’Australia è anche famosa per i coccodrilli, quindi prima di entrare in acqua in fiumi, foci e laghi butta un occhio ai cartelli di indicazioni. La presenza di questi predatori è sempre segnalata.

Rips

Oltre ai pericoli animali, in acqua, bisogna stare anche attenti alle correnti che prendono il nome di “rips”. Per nuotare o surfare al sicuro controlla la presenza di zone delimitate da bandierine rosse e gialle.

All’interno di quello specchio d’acqua si può stare sicuri, in quanto non ci sono correnti e le reti poste al largo impediscono agli squali e alle meduse di avvicinarsi. Per ogni dubbio chiedi ai bagnini, quasi sempre presenti sulle maggiori spiagge.

L’avventura in fuoristrada

L’Australia non è solo costa e mare. Anche la zona dell’entroterra è un’attrattiva importante.

Se avete pensato di noleggiare un fuoristrada per andare visitare l’Australia Centrale e farvi una foto con sullo sfondo il famoso Uluru, il grande masso simbolo del paese, dovete avere prendere qualche precauzione.
Accertati che il fuoristrada abbia un buon GPS, procurati una mappa, una scorta di acqua, di cibo e di carburante e almeno 2 ruote di scorta. Sarebbe consigliato chiedere aiuto ad una guida che conosca bene il territorio.

Pericoli a terra

I pericoli australiani non si trovano solo nelle acque, che siano dolci o salate. Anche nelle escursioni nell’entroterra bisogna fare attenzione a dove si mettono i piedi.

I serpenti più velenosi del mondo si trovano in questo continente, poi ci sono i ragni, gli scorpioni e gli insetti.
Occhio anche ai canguri, sicuramente avrete già visto qualche video in cui si vede la loro indole da pugili.

Il surf

Parla dell’Australia ad un surfista e dopo pochi secondi vedrai il suo sguardo perdersi nel vuoto. La sua mente ha già fatto tutto il viaggio e ora si immagina sulla cresta dell’onda.

Con 10mila km di spiagge è possibile trovare spot per ogni livello e con ogni tipo di onda.
Ovviamente sono presenti varie scuole e negozi che noleggiano l’attrezzatura necessaria per entrare in acqua.

Tappe del mondiale di surf

Se sei appassionato, tra marzo e aprile si tengono in Australia le prime 3 delle 11 tappe del Campionato Mondiale di Surf. Vedere in azione dal vivo i migliori surfisti del Mondo potrebbe essere un buon motivo per volare in Australia.

La prima tappa è nel Queensland, sulla Gold Coast a sud di Brisbane.
La seconda è sulla costa opposta, quella occidentale, a Margaret River a sud di Perth.
Per la terza tappa bisogna volare a sud, nei pressi di Melbourne, a Bells Beach, nello stato di Victoria.

Informazioni utili

La moneta utilizzata per i pagamenti è il Dollaro Australiano (AUD), ma puoi fare il cambio in aeroporto, hotel o banche del posto. Le maggiori carte di credito sono comunque accettate.

La corrente elettrica è a 220-240 volt, CA 50Hz. La presa è quella di Tipo I a tre poli, quindi procurati uno o più adattatori. In diverse zone, specie in quelle più remote, i cellulari non hanno campo. L’accesso ad una rete internet è spesso disponibile in bar, hotel e biblioteche.

Attenzione a quello che portate con voi. La dogana è molto restrittiva per quanto riguarda l’importazione di prodotti derivati da animali e vegetali, conviene dichiarare tutto.

© 2017 - Riproduzione riservata

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!