Shopping a San Francisco: Haight Street

Shopping a S.Francisco? Haight Street è un must

Shopping a S.Francisco? Haight Street è un must

di , | Cosa Fare

Booking.com

san francisco

San Francisco: una città atipica nel panorama della West Coast Americana, dal sapore vagamente europeo, dal clima spesso inaspettatamente fuori dagli schemi, una metropoli dai mille volti e dalle mille identità.

Lo confermano i tanti quartieri che tracciano una mappa non solo geografica, ma soprattutto “emotiva” della città, ognuno con un suo carattere peculiare, colori, facce, tonalità, abitazioni e abitanti così diversi tra di loro.
La stagione è quella giusta: fino a novembre la temperatura è solitamente mite, e potrete muovervi in tutto relax tra Castro, il quartiere arcobaleno dell’orgoglio omossessuale, o China Town per una zuppa di noodles, a Fisherman’s Warf per i souvernir più originali , o tra le tipiche abitazioni colorate di North Beach.

Ma una delle strade che preferisco è sicuramente la leggendaria Haight Street: non potete perdervela!

La camminata inizia vicino a Market Street e arriva fino all’entrata del Golden Gate Park, ed è un must se volete fare lo shopping più bizzarro della vostra vita.

Non a caso il quartiere di Haight Ashbury è stato l’emblema della Summer of Love del 1967, e da allora non solo molte rock star vi hanno lasciato la loro impronta, come Janis Joplin, Grateful Dead, Jefferson Airplane e George Harrison, ma mantiene tuttora intatto ad ogni passo quel fascino hippie e sregolato che la rende così irresistibile.

La via è costellata di piccoli negozietti, bar e ristorantini, dalle facciate multicolori e sempre originali: vi ci si può trovare di tutto e per tutte le tasche, da negozi di abiti ed oggetti vintage, a studi di tatuaggi azzardati, da librerie eco-friendly, a negozi di vinili introvabili, da sexy shops, a negozi specializzati in prodotti derivati dalla canapa.

Se camminate lungo Haigth Street, dunque, e avete bisogno di ristorarvi dalle fatiche dello shopping, non potete non entrare al Blue Front Café: è gestito da una famiglia di origine greco-ortodosse che propone sulla grande lavagna colorata dietro al banco un menù salutare e mediterraneo, condito da un’atmosfera davvero rilassata.

Una sosta obbligata è all’Amoeba Music, il famosissimo negozio di dischi, dove si possono trovare etichette indipendenti di tutti i generi, mentre per un look anni ’60 entrate assolutamente nel coloratissimo Positively Haight Street, un negozio di memorabilia fashion dal quale uscirete sicuramente con qualche cimelio hippie. E poi, alla fine della via e di questa elettrizzante esperienza di shopping alternativo, stendete una morbida coperta sull’erba del Golden Gate Park e godetevi il meritato relax dalle emozioni della grande Frisco!

Booking.com

© 2013 - Riproduzione riservata

Rispondi

Mini guida

Miami, cosa vedere in tre giorni

Miami mini guida, cosa fare in tre giorni

Se fosse un colore sarebbe il rosa shocking, se fosse un profumo sarebbe il pungente aroma della cannella, se fosse una musica sarebbe un sensuale...