San Marino: 5 cose da non perdere - Viaggi Low Cost

San Marino: 5 cose da non perdere

San Marino: 5 cose da non perdere

di , | Cosa Fare

San-Marino

L’antica Repubblica della Libertà è famosa per il suo fascino medievale: in Città, come viene chiamato il centro storico familiarmente dagli abitanti, le stradine tortuose si arrampicano fino alle tre torri, simbolo di San Marino nel mondo. La bellezza del posto, patrimonio dell’Unesco, è innegabile e vale senza dubbio una visita, spingendosi fino alla Piazza del Pianello con l’elegante Palazzo Pubblico e alla Cava dei Balestrieri, location della tradizionale festa medievale estiva.

Eppure, esistono altri lati del piccolo stato che nella fretta si dimentica di esplorare.

1 I castelli

Non tutti sanno che San Marino è composta da 9 castelli, di cui Montegiardino è il più piccolo per estensione. Non per questo è il meno bello, anzi. I vicoletti del nucleo storico fanno invidia ai Borghi d’Italia e le rose ai bordi della Porta del paese rimandano ai fiori colorati che stanno sullo stemma. Non è un posto molto turistico, quindi approfittatene per godervi il silenzio e la tranquillità delle vie, perché Città vi sembrerà una metropoli in confronto.

Non tutti i castelli sono così caratteristici, alcuni sono dislocati in zone industriali, ma ve ne segnalo altri due che meritano una fermata e si trovano proprio lungo la strada per arrivare al centro turistico.

Il primo venendo da Rimini, è Serravalle, dove potrete entrare nel complesso dell’antico castello, ormai adibito ad abitazioni, e se avete la fortuna di trovarla aperta, visitare la sala municipale, splendidamente affrescata.

Anche Borgo Maggiore vale una sosta, perché come il centro è considerato patrimonio dell’Unesco. E’proprio qui che si svolgeva il vecchio mercato e continua a svolgersi il nuovo settimanalmente. Date un’occhiata al calendario: ogni tanto vi si svolgono manifestazioni particolari, che animano le piazze fino a tarda notte, come la Festa del Borgo e Chocotitano.

2 Il trenino sospeso

Il trenino di San Marino è un pezzo di storia che tutta la gente del luogo ha veramente a cuore. La ferrovia di collegamento con Rimini è arrivata in Città solo negli anni Trenta, mentre prima si raggiungeva la vetta del Monte Titano solo a piedi o in groppa ad un mulo. Pensate a che rivoluzione debba essere stata!

Durante la seconda guerra mondiale però, i pesanti bombardamenti hanno interrotto le comunicazioni e le numerose gallerie, che si trovavano lungo l’ultimo tratto, sono diventate rifugio per gli sfollati. Da allora, il tipico trenino bianco azzurro, come i colori della bandiera sammarinese, è diventato un ricordo, sebbene in giro per la Repubblica rimanessero rovine di rotaie e vagoncini.

Da un paio di anni, una locomotiva e uno scompartimento originale sono stati restaurati e rimessi in moto durante una sentita inaugurazione alla Galleria Montale di Borgo Maggiore. Entrare in quelle grotte artificiali, è sempre emozionante: è un po’come rompere un tabù.

Per una foto suggestiva però, vi consiglio di dirigervi verso Valdragone e lungo la strada scoprirete un viadotto che viene fuori dal nulla. Scendete di macchina e alzate la testa: sopra di voi, il trenino bianco e azzurro sembra diretto chissà dove come in una foto d’epoca a colori. I dintorni sono suggestivi con la vista panoramica del monte Titano e gli antichi lavatoi. E’uno scorcio insolito, che non potete proprio perdervi.

3 I prodotti tipici

La cucina sammarinese è in realtà molto simile a quella romagnola, ma il territorio del piccolo stato ha a disposizione ampi campi da coltivare e i prodotti locali sono davvero di qualità. Tralasciando le Torte del Titano, che in realtà sono un souvenir per i turisti (a me piacciono tanto lo stesso, però), vorrei consigliarvi il Consorzio Terra di San Marino, che mira a tutelare tutti quei cibi (olio, pane, miele, latte, carne) realizzati con procedimenti di qualità.

Per comprarli, fate un salto al Consorzio Vini Tipici  da poco ristrutturato. Oltre allo stabilimento per la produzione e la conservazione delle bottiglie, è stato creato un bel negozio con possibilità di degustazioni, dove ogni tanto si organizzano aperitivi, cene e concerti.

Gli ambienti sono molto curati nella semplicità del legno e il vero padrone di casa è il vino, disposto sulle mensole, seguendo le varie tipologie: non può certo mancare il Sangiovese, ma salendo di qualità, ci sono il Brugneto e il Tessano rossi e il Roncale e il Caldese bianchi. Il Moscato di San Marino ha ricevuto molti premi, ma quello che preferisco è il liquoroso Oro dei Goti.

4 Il panorama

C’è chi dice che dalla vetta del Monte Titano si possa vedere anche la costa croata nelle giornate serene. Complice la mia miopia non ci sono mai riuscita, ma vi posso assicurare che ci sono alcuni punti davvero da non perdere.

Per raggiungere, quello più tradizionale, oltre al segnalatissimo Passo delle streghe, basta discendere la Contrada degli Omerelli, dove si trova anche la Biblioteca di Stato, in cui è conservata l’originaria Porta del Paese: entrate, è gratis!

Si passeggia su una strada ricca di palazzi storici fino ad arrivare alla Stanza del Silenzio, un luogo molto affasciante, perché scavato nella roccia, e proprio di fronte si trova una terrazza panoramica che vi permetterà di vedere la Riviera dall’alto.

5.Lo shopping

San Marino è famosa per il tax free e ci sono persone che vanno a comperare occhiali e profumi a prezzi scontatissimi, organizzando vere e proprie gite. C’è poi il lato “militare” del mercato, poiché all’interno dello stato è possibile vendere armi, tra cui le balestre militari. Non vi darò indicazioni su questi tipi di negozi: già risalendo la superstrada con la vostra auto, ne scorgerete diversi. Il centro storico è poi pieno di vetrine che pubblicizzano le specialità del commercio sammarinese: non avrete che l’imbarazzo della scelta.

Esistono però anche rivenditori di articoli artigianali e di qualità: ve ne consiglierò qualcuno. La Saponeria del Titano , nella piazzetta del Titano, vende articoli di cosmesi naturali, realizzati nel loro laboratorio. Prodotti per il viso, saponi di qualsiasi tipo, creme per uomini e donne e profumatori per l’ambiente saranno un ottimo regalo per voi e per i vostri cari. Le commesse sono sempre molto disponibili e ad ogni acquisto, lasciano sempre diversi tester per le prossime compere…anche on line.

Sempre in centro c’è poi la Fabbrica delle Candele, dove vale la pena almeno entrare: vi sembrerà di essere in un mondo incantato. Nella semioscurità, illuminato da luci soffuse, potrete scegliere tra candele di ogni forma e colore.

© 2014 - Riproduzione riservata

ciao

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

riceverai una notifica via email non appena ti risponderemo

Mini guida

48 ore a Bruxelles, weekend low cost

Weekend a Bruxelles? Ecco cosa visitare in tre giorni

Bruxelles è una città multiculturale, colorata e al di là di quello che si pensa molto viva. Una mini guida su cosa fare, cosa mangiare e...