Razzmatazz e Apolo, per due serate indimenticabili a Barcellona - Viaggi Low Cost

Razzmatazz e Apolo, per due serate indimenticabili a Barcellona

Razzmatazz e Apolo, per due serate indimenticabili a Barcellona

di , | Cosa Fare

Booking.com

 

Per i catalani, il divertimento a Barcellona non è di certo nei locali lungo Las Ramblas o nelle discoteche del MareMagnum che, nella maggior parte dei casi, disprezzano senza mezzi termini! Durante il mio periodo di studi a Barcellona ho convissuto con due catalani doc che mi hanno fatto scoprire il mio club preferito in assoluto: la Sala Razzmatazz in Carrer de Pamplona (fermata della Metro Bogatell o Marina) realizzata all’interno di un edificio industriale in disuso, dalla facciata inconfondibile, utilizzata anche come set di numerose pubblicità.

Cinque sale (Razzclub, The Loft, Lolita, Popbar, Rexroom) ognuna delle quali specializzata in un genere di musica. A partire dal 2000, anno della sua fondazione, il Razzmatazz ha visto passare artisti e dj di fama internazionale che qui hanno trovato spesso il loro trampolino di lancio, ma anche esponenti della scena musicale indipendente.

Ė qui che ho trascorso le serate più speciali del mio soggiorno e dove ho conosciuto la musica dei Franz Ferdinand, The Strokes, Artic Monkeys e The Killers. Un altro locale che mi ha molto colpito e che mi hanno fatto scoprire i miei amici catalani è la Sala Apolo (Carrer Nou de La Rambla – fermata Metro Paral-lel) realizzata in un ex teatro dove è possibile assistere a concerti oppure a serate con dj set a tema. La nostra preferita era il mercoledì con selezioni di musica rap e reggae, ma è passato qualche anno e quindi vi consiglio di controllare la ricca programmazione sull’aggiornatissimo sito.

Booking.com

© 2012 - Riproduzione riservata

Rispondi

Mini guida

48 ore a Barcellona, guida per 3 giorni low cost

Cosa visitare a Barcellona in 3 giorni

Barcellona è una delle nostre città preferite, non a caso abbiamo qui su Viaggi Low Cost tantissimi post consigli su dove dormire, cosa fare, ma...