Un posto incantato: Bruges! - Viaggi Low Cost

Un posto incantato: Bruges!

Un posto incantato: Bruges!

di , | Cosa Fare

Booking.com

Bruges

Bruges, piccola perla medievale delle Fiandre Occidentali è una città davvero affascinante oltre che molto romantica. Il suo centro è piccolino per cui è un piacere scoprirla a piedi, mentre ci si perde tra i suoi canali, il suo verde e l’odore dei waffle. Dal 2000 il suo centro è stato dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. La pizza principale (il Grote Markt) è dominata dal Belfort (Vedetta), simbolo del potere: la torre cherisale al XIII secolo  è alta ben 83 metri e difficilmente riuscirete a fotografarla per intero. Se avrete la pazienza, e l’agilità, per salire i suoi 366 gradini, sarete ricompensati da un panorama emozionante e mozzafiato. Inoltre in cima alla torre si trova il carillon composto da ben 57 campane che suonano ogni ora in maniera davvero armoniosa.

La piazza (Markt) è poi occupata da una serie di graziosi edifici con le famose facciate a cuspide disposta a scala, attualmente adibiti a bar e ristoranti, un tempo sedi di antiche congregazioni di mestieri.

Spostandosi poi nel Burg, piazza adiacente al Markt, troviamo il Municipio di stile gotico, progettato originariamente come reliquiario e oggi presenta delle statue che hanno sostituito le precedenti andate distrutte. Sempre nel Burg troviamo la Cripta di San Basilio, in stile romanico, risalente al XII secolo. Sopra troviamo la Cappella del santo Sangue, attualmente divenuta Basilica: la leggenda tramanda che le gocce del sangue di Gesù furono portate a Bruges dopo la seconda crociata a Gerusalemme. Il giorno dell’Ascensione a Bruges si celebra la processione del Santo Sangue, in cui si porta per le strade la reliquia autentica, ma soprattutto si realizza la rievocazione storica dell’arrivo del Sangue di Gesù a Bruges.

Da non perdere poi i famosi canali di Bruges che attraversano in lungo ed in largo la città: sono talmente affascinanti da farle valere il titolo di Venenzia del Nord. Di sicuro non potrete perdere il Molo Verde (Groene Rei), un paesaggio idilliaco che non potrete dimenticare facilmente. Dal Molo del Rosario (Rozenhoedkaai) potrete infine godere di una magnifica vista sul Belfort: il tempo sembra essere sospeso!

Una particolare menzione poi spetta al ponte di san Bonifacio costruito nel 1910: da qui la vista della cappella della Chiesa di Nostra Signora è sicuramente da non perdere! La Chiesa di Nostra Signora fu edificata tra il XIII ed il XVI secolo e la sua torre, fatta di mattoni, è alta addirittura 122 metri! Nell’interno troviamo la Madonna col Bambino di Michelangelo, un vero capolavoro italiano…

Infine, una vista merita il quartiere delle Beghine (Begijnhof) tipico dei Paesi Bassi: in esso vi sono le suore benedettine il cui ordine fu fondato nel 1927. Si tratta di una vera e propria comunità con case, chiese, laghetti (il Lago dell’Amore, tramite un canale porta fino a Gand, altra cittadina meravigliosa) e parchi. Sicuramente noterete i cigni, particolarmente curati a Bruges e portati in questi luoghi, secondo la leggenda, da Massimiliano d’Austria.

Ovviamente non potrete perdervi i waffle, tipici del Belgio e che qui sono davvero ottimi… la giusta conclusione di un meraviglioso giro a piedi per questa magnifica città.

Booking.com

© 2013 - Riproduzione riservata

Rispondi

Mini guida

48 ore a Bruxelles, weekend low cost

Weekend a Bruxelles? Ecco cosa visitare in tre giorni

Bruxelles è una città multiculturale, colorata e al di là di quello che si pensa molto viva. Una mini guida su cosa fare, cosa mangiare e...