Isola di Porquerolles in Costa Azzurra, cosa fare in Francia, leggi qui

Gioiello in costa azzurra: l’isola di Porquerolles

Gioiello in costa azzurra: l’isola di Porquerolles

Cosa fare sull'isola di Porquerolles, in Francia e precisamente in Costa Azzurra. Dove dormire, le escursioni e le spiagge da non mancare, come arrivare in traghetto e perché è un'isola speciale, leggi qui.

di , | Cosa Fare

Ogni anno, quando arriva il momento delle ferie di Agosto, inizio ossessivamente a guardare internet per cercare qualche destinazione interessante da esplorare. Quest’anno la mia attenzione è caduta su quest’isola, l’isola di Porquerolles. Guardando le foto sarei partita il giorno stesso! Da qui l’idea di fare un tour della Costa Azzurra in due settimane e fermarsi in questo angolo di paradiso per qualche giorno.

porquerolles

L’isola di Porquerolles si trova in Francia e più precisamente in Provenza. E’ la più grande dell’ arcipelago delle Isole di Hyères ed è un piccolo gioiello naturale che i suoi abitanti tengono moltissimo a preservare; su tutta l’isola ci sono regole severissime da rispettare come il divieto di fumare in spiaggia, il divieto di accendere fuochi, di campeggiare, di raccogliere conchiglie, piante e allontanarsi dai sentieri segnalati. E’ vietato anche portare l’auto a meno che tu non sia residente.

Si raggiunge facilmente dal porto di Hyères con il traghetto (circa 15 minuti costo circa 17€ a persona in alta stagione) oppure dalla penisola di Giens. Tantissimi fanno l’escursione in giornata, noi invece abbiamo deciso di fermarci per quattro giorni. I prezzi sull’isola sono veramente molto alti e, soprattutto in alta stagione, trovare un hotel economico è una grande impresa! Noi abbiamo trovato un buon rapporto qualità prezzo all’hotel/residence Les Medes  che si trova all’interno del minuscolo villaggio, a 5 minuti a piedi dal porto.

porquerolles-spiaggia-isola-francia

porquerolles-spiaggia-isola

L’isola è facile da espolorare. Il fulcro della vita si sviluppa nel villaggio, dove troverete qualche ristorante, gelateria, panetteria, un ampio parco dove si gioca a bocce, una piccola chiesina, la banca, l’unico mini market e, un pò più in su, la farmacia. Tutto intorno troverete tantissimi noleggi di biciclette perchè è un ottimo modo per girare l’isola.

Il primo giorno abbiamo deciso di andare a piedi alla spiaggia più vicina, la plage de la Courtade e già eravamo senza parole! L’acqua è bassa, completamente trasparente e abbastanza fredda. La spiaggia è stretta e molto lunga. Qui abbiamo fatto Sup Paddle (ci sono tantissimi sport acquatici da fare, troverete vari noleggi) perchè le condizioni erano perfette! Dopo questa giornata eravamo davvero entusiasti perchè se questa era la spiaggia più frequentata e meno bella, cosa ci aspettava?? Il paradiso?

Fort Sainte Agathe

Il secondo giorni ci siamo diretti, sempre a piedi, nella parte ovest dell’isola verso la Plage D’Argent (ci vogliono circa 20/25 minuti) che è abbastanza frequentata, visto che è l’unica spiaggia dove potrete trovare un punto di ristoro. Anche qui una meraviglia, anche se c’era moltissima gente e all’inizio della spiaggia c’erano le alghe che non vengono tolte perchè fanno parte dell’ambiente naturale. Noi ci siamo spostati in fondo ed era veramente bello!

Dopo qualche ora ci siamo incamminati verso la penisola di Langoustier ma purtroppo, ad un certo punto, abbiamo trovato la strada chiusa per pericolo incendi (li la vegetazione si fa sempre più fitta e faceva molto caldo!). Mentre tornavamo verso il villaggio, un cartello ci ha incuriosito; c’era scritto “degustazione vini”. Cosi, seguendo la freccia, abbiamo trovato una casa vinicola in mezzo ad un vigneto, la Domaine Perzinsky che fa un rosè spettacolare! Non mancante assolutamente di andare ad assaggiare il loro vino e ovviamente portatevelo a casa. La sera siamo andati in spiaggia a vedere le stelle ed è stato spettacolare! Solo il villaggio è illuminato, il resto è al buio ed è davvero bellissimo.

porquerolles-francia

Il terzo giorno abbiamo avuto un colpo di fortuna, grazie ad un gruppo di ragazzi fantastici. Un nostro caro amico era in vacanza in barca a vela  con degli amici per fare il giro delle isole e gentilmente ci hanno ospitato un giorno. Grazie a loro siamo riusciti quindi a vedere la penisola di Langoustier che era irraggiungibile via terra. Questa plage è la meno frequentata dell’isola, la più selvaggia e si trova all’estremità della punta ovest. Di fronte si trova l’isolotto Petit Langoustier e l’isola di Giens, che dicono sia veramente molto bella.

Dopo questa bella giornata (se vi capita, provate a fare una giornata in barca a vela in mezzo a queste isole, è un esperienza unica), la sera siamo usciti a passeggiare per il paese perchè c’era la musica in tutto il villaggio e c’era moltissima gente. Pur essendo un isola piccola, ad Agosto c’è sempre molta gente sia di giorno che di sera.

porquerolles-spiagge

L’ultimo giorno abbiamo noleggiato la bicicletta e siamo partiti alla volta della spiaggia che mi è piaciuta di più e mi ha fatta completamente innamorare: la plage Notre-Dame. Pur essendo la più grande, non è mai molto frequentata perchè è abbastanza lontana. Alla fine della spiaggia si trova la casa di “Pierrot“, un matto locale che si dice vivesse li in totale solitudine. Dopo la casa ci sono altre tre calettine molto belle e molto incontaminate. In questa spiaggia il mare assume un color turchese e la sabbia bianca aiuta sicuramente il colpo d’occhio. Dopo qualche ora siamo tornati indietro per andare verso il Forte di s. Agata. Questa costruzione è una delle prime militari fatte sull’isola ed è una meraviglia perchè è molto in alto e domina tutto. Un’altra cosa assolutamente imperdibile è la passeggiata al Faro sulla parte meridionale dell’isola che domina tutto il mare.. una vista mozzafiato.

Una gita che vi consiglio, che noi purtroppo non siamo riusciti a fare, è la visita all’isola di Port-Cros che è stata trasformata in parco nazionale naturale ed è un vero e proprio paradiso incontaminato, molto selvaggia e poco frequentata.. davvero imperdibile.

porquerolles-barche

Mentre scrivo ho il sorriso stampato in faccia perchè sono stati quattro giorni stupendi, a contatto con la natura e la pace. Sicuramente vi sconsiglio di visitarla ad Agosto, penso che Giugno sia il mese migliore. L’acqua sarà sicuramente più fredda ma l’isola sarà poco frequentata e sicuramente più affascinante.

L’ultima cosa: portate con voi un anti zanzare/tafani/api.. l’isola è piena e non si possono toccare.

© 2016 - Riproduzione riservata

Mappa

Mini guida

48 ore a Parigi, tour di 3 giorni low cost

Weekend a Parigi? Cosa vedere in tre giorni

Un weekend a Parigi è un sogno. Diciamoci la verità, Parigi è sempre una delle mete europee più belle. Per quanto i francesi possano più o meno...

Meteo

Francia
C
% humidity
wind:
H • L